Aiuto - Cerca - Utenti - Calendario
Versione completa: [RECENSIONE] Sin & Punishment: Successor of the Skies
.: GBArl.it :. News sulle Console Nintendo - Emulazione - Flash Cards - Trainer > RECENSIONI > Le Vostre Recensioni
aab


Sviluppo: Treasure
Pubblicato da: Nintendo
Data:2010
Console: Wii
PEGI: 12




----------------------------------------------------------------------------------------------------------

Sin and Punishment debutta originariamente su Nintendo 64, nel novembre del 2000, grazie al piccolo team Treasure. Si trattava indubbiamente di un titolo interessante: uno sparatutto su binari in terza persona. La critica Giapponese lodo il titolo, che però non usci mai al di fuori del Giappone (grande sbaglio da parte di Nintendo, che aggravò il già compromessa suicidio della sua console a 64 bit). Il titolo usci dal Giappone solo in due occasioni: nel 2004, debuttò in Cina sull’iQue Player, mentre nel 2007 raggiunse l’occidente, grazie alla Virtual Console del Wii. E è proprio su Wii che debutterà il secondo capitolo del gioco, annunciato all’E3 2009, con il nome di Sin and Punishmente: Successor of the Skies, che, a differenza del primo capitolo, ha raggiunto sulla console di nascita l’occidente e non sottoforma di porting o remeke in console più avanzate.



Quello di Successor of the Skies e un gameplay non molto differente dal primo, ma che grazie al puntatore del Wii, migliora drasticamente le fasi in sparatutto, fasi che ci accompagneranno per ogni livello. Il sistema di controllo è molto semplice: con il nunchuck si muove il personaggio (a scelta tra Isa e Kachi), mentre con il wiimote puntato sullo schermo si punta il mirino contro gli avversari. Se si tiene premuto B vengono sparati una serie di colpi, mentre se premiamo velocemente B il personaggio infliggerà dei colpi di spada. Con il pulsante A potremmo infliggere dei colpi molto potenti, anche se non disponibili quando l’arma è surriscaldata. Per finire, con il pulsante Z potremo schivare i colpi, mentre con il tasto C potremo pararli, ma il più delle volte parare i colpi è più svantaggioso, quindi è maggiormente consigliabile schivare gli attacchi dei nemici. Il titolo è compatibile con il Wii Zapper, che però non risulta molto comodo come il sistema di controllo classico (Wii mote + nunchack) e è compatibile pure con il classic controller. Con il classic controller però, non si fa altro che tornare nell’unico grave errore che possedeva il primo capitolo: risulta assai legnoso, infatti, comandare Isa/kachi e allo stesso tempo il mirino della nostra arma, con due analogici diversi, in un gioco così frenetico e veloce, in cui i momenti di tranquillità sono ben pochi. Insomma è preferibile utilizzare il sistema di controllo originale, più accessibile e molto più comodo.



Il gioco è compatibile con un comparto Online, per condividere le classifiche dei punteggi ottenuti in ogni livello con altri giocatori, molto interessante per gli hardcore game, ma di certo non un aumento di longevità radicale, per i giocatori più casual.
Il livello di longevità è buono, ma il divertimento non raggiunge sempre lo stesso livello. Infatti in alcuni frangenti di gioco, risulterà tutto molto noioso e ripetitivo, anche per via dell’eccessiva grandezza degli scenari e per la ripetitività delle mosse a nostra disposizione. Badate però che gli scontri con i boss abbondano e sono molto divertenti. Insomma i giocatori hardcore appassionati del genere troveranno pane per i loro denti, mentre i più casual potrebbero annoiarsi facilmente.




L’aspetto grafico risulta assai curato, anche se alcune scene potevano essere fatte meglio, mentre l’audio è rimasto in Inglese (sottotitolato in Italiano), anche se i puristi avrebbero preferito anche il parlato Giapponese (dopotutto la trama è ambientata nella terra del Sol Levante). Le musiche di gioco se presenti sono del tutto trascurabili.



Insomma Treasure torna con un nuovo capitolo del suo gioco di grande successo, gioco che migliora alla lunga il suo predecessore, per via di un sistema di controllo più raffinato ma che presenta ancora alcuni difetti, come la noia. Noia che però si presenta solo tra i giocatori più casual. Fatto sta che Sin and Punishment 2 rimane un titolo riservato agli esperti del genere, ma se credete che un titolo di questo tipo possa interessarvi, fateci un pensierino, perché di sicuro non ne rimarrete delusi al 100%.

8,5/10
Lybra
E' un gioco alla Treasure che o si ama o si odia, sopratutto perchè il primo lo si completa volendo in un'oretta abbondante senza problemi, la rigiocabilità è il forte di quessto titolo...sicuramente folle e fuori di testa come da tradizione Treasure

Io gli darei un 9.5, ma con riservo perchè limitato solo agli amanti del genere.Tutti gli altri lo abbandoneranno in 5 minuti
Questa è la versione 'lo-fi' del forum. Per visualizzare la versione completa con molte più informazioni, formattazione ed immagini, per favore clicca qui.
Invision Power Board © 2001-2019 Invision Power Services, Inc.