Aiuto - Cerca - Utenti - Calendario
Versione completa: Finanziare traduzioni ufficiali
.: GBArl.it :. News sulle Console Nintendo - Emulazione - Flash Cards - Trainer > Console World > OpenRL
Pagine: 1, 2
albamk
Mi stavo chiedendo perchè non venga data la possibilità a tutti i possibili acquirenti di un qualsiasi videogioco che non verrà mai localizzato nella propria lingua di autofinanziarne la localizzazione ufficale tramite raccolta fondi sulla falsariga di una campagna kickstarter.
Ad esempio un Persona 4 per psvita, qualsiasi possibile acquirente avrebbe finanziato con 5 euro per poterlo giocare nella propria lingua,oppure casi ancora più clamorosi come TESO online,se ogni acquirente italiano tirasse fuori qualche euro per la localizzazione si strapagherebbe e tutti sarebbero soddisfatti.
L'ho sparata grossa? rolleyes.gif
CapRichard
Spendere quei soldi per imparare una nuova lingua. Ha un'utilità nettamente maggiore e ci permette di godere appieno di quello che offre una cultura diversa dalla vostra.

Molto inefficiente ovviamente.

Il problema di alcuni giochi e che un team di traduzione multi 5 neanche esiste, chi finanzi quindi? Freelance? Studi che lo fanno per tutti? E se poi escono fuori cose come i giochi della Capcom? O della telltale? Un po' troppe variabili.
Alcuni kickstarter avevano il multi5 come stretch goals, ma da sviluppatori che l'han sempre fatto bene.
Lybra
Tra l'altro finanziare un'azienda come Atlus (o SEGA, o Nintendo, o altro) tramite raccolta fondi del genere potrebbe creare IMHO una sorta di accusa per concorrenza sleale, delal serie perché tu ti becchi i soldi e non rischi mentre io rischio del mio?
Kickstarter funziona bene e funziona finchè i progetti sono piccoli e non pestano i piedi a nessuno, ma questo sistema molto "collettivista" e anti-impresa della raccolta fondi è destinato a restare nel mondo indie

Piuttosto...pensiamo a "finanziare" le aziende comprando i giochi e pagando quanto dovuto. Scommettiamo che un Persona 4 in Multi5 ma venduto a 10/15€ in più avrebbe alzato lo scandalo? Finanziamo e buttiamo €€€ in progetti del piffero su Kickstarter, poi andiamo a risparmiare e magheggiare 5€sui prezzi di listino dei giochi...abbattendo i margini di guadagno per tutta la catena distributiva e produttiva, poi ovvio che i giochi vengono distirbuiti in 50 copie per tutta Italia subbati in inglese....se non si guadagna non ho neanche interesse a spingere un prodotto
albamk
Giustamente tutti abbiamo la nostra opinione ma mi sento di rispondere a CapitanRichard che come molti altri quando si dibatte sull'italiano fanno la solita battuta del tipo imparati la lingua etc,senza considerare che ci sono persone che lavorano tutto il giorno e non hanno avuto la fortuna di imparare una lingua straniera ne a scuola (ad esempio a me e' sempre toccata la lingua francese) ne per le strade.Quando tornano a casa magari giocano con i figli e si fanno una partitina di un oretta magari meglio se nel loro idioma,piuttosto che tirare fuori il blocco appunti e spararsi in notturna il corso di inglese online.
Meditare e non avere solo una visione egocentrica delle cose aiuta a vivere meglio
CapRichard
CITAZIONE (albamk @ Friday 14 August 2015 - 12:39) *
Giustamente tutti abbiamo la nostra opinione ma mi sento di rispondere a CapitanRichard che come molti altri quando si dibatte sull'italiano fanno la solita battuta del tipo imparati la lingua etc,senza considerare che ci sono persone che lavorano tutto il giorno e non hanno avuto la fortuna di imparare una lingua straniera ne a scuola (ad esempio a me e' sempre toccata la lingua francese) ne per le strade.Quando tornano a casa magari giocano con i figli e si fanno una partitina di un oretta magari meglio se nel loro idioma,piuttosto che tirare fuori il blocco appunti e spararsi in notturna il corso di inglese online.
Meditare e non avere solo una visione egocentrica delle cose aiuta a vivere meglio


Ovvio, infatti secondo me conviene iniziare il più presto possibile, ed onestamente ora l'inglese è tipo d'obbligo in tutte le scuole, quindi se fatto bene, la generazione dagli '85 in poi non dovrebbe avere problemi (dovrebbe eh, lo so che poi non è così) a gestire l'inglese.
Io ero un grande fan dei Final Fantasy da piccolo. FFIX ha una traduzione in italiano perfetta, meglio di quella inglese (che ho giocato poi). FFVIII era anche in italiano. il VII però no. Mi ricordo ancora quando mi recai in negozio a comprarlo. Guardai la confezione del gioco... era in inglese. Chiesi al commesso ed in effetti mi disse: "si è solo in inglese questo qui". Non lo comprai perché non mi sentivo pronto per godermelo. Preso Final Fantasy VIII che era in italiano. Mi misi a studiare duro, perché volevo giocare roba che non era stata localizzata in italiano ma dipsonibile comunque in formato PAL.
Praticamente il videogaming è stata una mia motivazione. Ho imparato a scuola e soprattutto giocando (diavolo lo slang di alcuni personaggi in FFVII se al tempo mi diede problemi). Ma l'ho fatto volentieri.
Io se per questo sono anche uno di quelli che sta attento ai cambi di traduzioni e che è anche "appassionato" dell'opera di traduzione, visto che riadattare un qualcosa da una lingua all'altra bene è una cosa anche alquanto complicata.

Per quanto riguarda i videogiochi non è molto problematico secondo me per un paio di motivi: se un franchise si vende molto, stai sicuro che in multi5 lo fanno e se hai fortuna ti becchi anche il doppiaggio. Nintendo con i suoi first party anche fa un lavoro assolutamente egregio (cioè, Paper Mario ed il Portale Millenario con i suoi giochi di parole pressappoco perfetti sia in inglese che in italiano? Mario & Luigi superstar saga? Altri capolavori di adattamento).
La maggior parte dei problemi di mancata traduzione si ha su giochi di nicchia. Di norma una nicchia dovrebbe metterci più passione nel seguire le proprie cose sconosciute e pertanto dovrebbe abbattere anche le barriere linguistiche. Uno dei modi per uscire dalla nicchia è anche avere una multi5, ma il gioco non vale quasi mai la candela.
Io sono abituato a seguirmi i franchise Atlus, oramai ho capito che non me li tradurranno mai.

Se proprio si deve finanziare una traduzione, date soldi a dei traduttori "amatoriali". Tireranno fuori una patch per il gioco, se il gioco è indie si può anche contattare l'editore stesso. Un esempio che mi viene in mente di recente è Divinity Original Sin, uscito in inglese e poi tradotto dalla community, ma gli sviluppatori hanno ufficializzato la cosa con un bellissimo video. Sostenendo i gruppi di traduzione di questo tipo è a mio avviso molto meglio che provare a fare cose come pagare direttamente la casa madre un plus o cose del genere. Tra l'altro funziona anche visto che le traduzioni amatoriali ce ne sono sempre state. Ovviamente questo ha il problema di funzionare senza problemi solo si PC praticamente visto che di solito bisogna hackerarsi le consone il qualche modo per applicare traduzioni amatoriali.
Gli unici giochi refrattari a questo sembrano essere gli MMO, con tipo solo World of Warcraft in italiano ed anche lui dopo anni (malgrado la Blizzard è così maniacale che ha anche i filmati in GCI tradotti nelle varie lingue. Tipo il cartello che calpesta Kerrigan nel filmato iniziale di Starcraft II dice "Welcome to..." in inglese e "Benvenuti a.." in italiano. TANTA ROBA). Però in quel caso si cerca comunque di creare una lingua franca di base, non sapendo mai chi diavolo hai di fronte, se hai il gioco in inglese e basta hai quello come lingua neutra, specie quando poi bisogna comunicare con altri giocatori, non ci sono termini in lingue diverse che possono creare ambiguità (cosa che a me capita spesso quando parliamo dei titoli Bioware tra i miei amici. Io giocandoli in inglese ho metabolizzato tutti i termini in inglese, loro in italiano. Per Dragon Age, tra Oblio, Fade, Prole oscura e quant'altro spesso faccio confusione).

Ripeto, basta non ingaggiare quelli che han fatto la traduzione di Walking Dead, c'ho trovato delle cose abominevoli. "What are you going to do" - "cosa stai andando a fare". O roba di un grossolano enorme tipo "Legno" per "Food" (probabilmente avrà digitato in qualche traduttore "Wood").
Cicciolll
CITAZIONE (CapRichard @ Friday 14 August 2015 - 10:12) *
Spendere quei soldi per imparare una nuova lingua. Ha un'utilità nettamente maggiore e ci permette di godere appieno di quello che offre una cultura diversa dalla vostra.

Molto inefficiente ovviamente.

Il problema di alcuni giochi e che un team di traduzione multi 5 neanche esiste, chi finanzi quindi? Freelance? Studi che lo fanno per tutti? E se poi escono fuori cose come i giochi della Capcom? O della telltale? Un po' troppe variabili.
Alcuni kickstarter avevano il multi5 come stretch goals, ma da sviluppatori che l'han sempre fatto bene.


dimmi chi, per 5€ fa lezioni di inglese che mi iscrivo subito... così avrò un'utilità nettamente maggiore e mi permette di godere appieno quello che offre una cultura diversa dalla mia.
CapRichard
CITAZIONE (Cicciolll @ Friday 14 August 2015 - 14:22) *
dimmi chi, per 5€ fa lezioni di inglese che mi iscrivo subito... così avrò un'utilità nettamente maggiore e mi permette di godere appieno quello che offre una cultura diversa dalla mia.


Me, per esempio. tongue.gif lolnope

Poi ok, se vuoi 1 solo gioco tradotto, si è un po' inutile, ma se te ne interessano tanti inizia forse ad essere conveniente.
Tra l'altro oggi come oggi la scuola dell'obbligo ha l'inglese ovunque, quindi volendo si possono sfruttare figli/conoscenti/nipoti per imparare qualcosa se proprio uno vuole.
Cicciolll
CITAZIONE (CapRichard @ Friday 14 August 2015 - 14:31) *
CITAZIONE (Cicciolll @ Friday 14 August 2015 - 14:22) *
dimmi chi, per 5€ fa lezioni di inglese che mi iscrivo subito... così avrò un'utilità nettamente maggiore e mi permette di godere appieno quello che offre una cultura diversa dalla mia.


Me, per esempio. tongue.gif lolnope

Poi ok, se vuoi 1 solo gioco tradotto, si è un po' inutile, ma se te ne interessano tanti inizia forse ad essere conveniente.
Tra l'altro oggi come oggi la scuola dell'obbligo ha l'inglese ovunque, quindi volendo si possono sfruttare figli/conoscenti/nipoti per imparare qualcosa se proprio uno vuole.


beh, albamk ha fatto una giusta osservazione, su kickstarter gli utenti finanziano i lavori, e perchè no, potrebbero anche finanziare le traduzioni...

Quello che dici tu, è anche giusto, ma qui si parla di giochi, ci si vuole divertire, si vuole giocare. L'inglese non lo impari in 1 mese e lo si impara x altre cose più importanti non per certo x un videogioco. Chi lo sa, è un bene, chi non lo sa e vuole godersi il gioco che deve fare quindi? deve studiare prima? La soluzione potrebbe essere proprio questa, contribuire assieme ad altri versando una quota di 5€ a chi è disposto a tradurre. La vedo come un'ottima idea... smile.gif
CapRichard
CITAZIONE (Cicciolll @ Friday 14 August 2015 - 16:25) *
La soluzione potrebbe essere proprio questa, contribuire assieme ad altri versando una quota di 5€ a chi è disposto a tradurre. La vedo come un'ottima idea... smile.gif


In realtà io ho dato la mia visione più d'insieme sulla questione nel mio secondo post e principalmente concordo con lybra. Finanziare di tasca nostra traduzioni ufficiali è praticamente fuori mercato e senza senso e metterebbe in ottica completamente sballata la questione traduzione per l'industria.
Il metodo è supportare quelle amatoriali. Almeno io la vedo così.
albamk
CITAZIONE (CapRichard @ Friday 14 August 2015 - 19:42) *
CITAZIONE (Cicciolll @ Friday 14 August 2015 - 16:25) *
La soluzione potrebbe essere proprio questa, contribuire assieme ad altri versando una quota di 5€ a chi è disposto a tradurre. La vedo come un'ottima idea... smile.gif


In realtà io ho dato la mia visione più d'insieme sulla questione nel mio secondo post e principalmente concordo con lybra. Finanziare di tasca nostra traduzioni ufficiali è praticamente fuori mercato e senza senso e metterebbe in ottica completamente sballata la questione traduzione per l'industria.
Il metodo è supportare quelle amatoriali. Almeno io la vedo così.


Nulla da dire contro le traduzioni amatoriali,anzi grande rispetto per tutte le persone che ci mettono anima e corpo in questi progetti senza nessun tornaconto personale.Il problema semmai e' che per utilizzare questi lavori al 99% devo avere il mio dispositivo moddato o peggio.Esempio l'ultimo lavoro di traduzione per KH per 3ds (lavoro incredibile),se voglio usarlo non devo avere la console oltre il tal firmware,quindi non posso fare acquisti su eshop e via dicendo.Immagina se fosse stato supportato da Square Enix e fosse scaricabile dallo shop come normale dlc per una cifra X,non sarebbe malaccio e per quelli come te che non hanno problemi con l'inglese, amen.
CapRichard
CITAZIONE (albamk @ Friday 14 August 2015 - 21:15) *
Nulla da dire contro le traduzioni amatoriali,anzi grande rispetto per tutte le persone che ci mettono anima e corpo in questi progetti senza nessun tornaconto personale.Il problema semmai e' che per utilizzare questi lavori al 99% devo avere il mio dispositivo moddato o peggio.Esempio l'ultimo lavoro di traduzione per KH per 3ds (lavoro incredibile),se voglio usarlo non devo avere la console oltre il tal firmware,quindi non posso fare acquisti su eshop e via dicendo.Immagina se fosse stato supportato da Square Enix e fosse scaricabile dallo shop come normale dlc per una cifra X,non sarebbe malaccio e per quelli come te che non hanno problemi con l'inglese, amen.


Punto che ho già sollevato prima sleep.gif

Fino a quando gli ecosistemi delle console saranno chiusi, sarà così.

Poi perchè pagare per la traduzione amatoriale da shop scusa? Chi paghi? I tizi amatoriali non sono una compagnia... pagare la Square per un lavoro che non ha fatto lei?
Free gratis come aggiunta si, ma a quel punto cosa fai comprometti la tua visione di azienda per dei progetti di fan? Qui purtroppo la reazione è molto personale ed ogni azienda risponde in modo diverso. Le giapponesi sono solite ammazzare ogni cosa fatta dai fan, vista la loro natura molto chiusa e proprietaria. In occidente i rapporti con il concetto di modding sono molto più aperti, principalmente per la cultura derivante dal PC.
Senza contare che chi ha la piattaforma dovrebbe mettere online cose fuori dal processo di certificazione.... prendere una cosa amatoriale a quel punto e fargli fare così tanta roba di certificazione, tanto varrebbe farne uno ufficiale.
Lybra
CITAZIONE (albamk @ Friday 14 August 2015 - 21:15) *
Immagina se fosse stato supportato da Square Enix e fosse scaricabile dallo shop come normale dlc per una cifra X,non sarebbe malaccio e per quelli come te che non hanno problemi con l'inglese, amen.

Scopriremmo che un DLC del genere costerebbe probabilmente ben di più dei 10€ (già un ladrocinio) di un paio di mappe multiplayer, perché il lavoro di traduzione è ENORME, lunghissimo e soprattutto è un lavoro che "brucia" molto tempo e, ad oggi, le persone sono pagate ad ore di lavoro. Anzi probabilmente la traduzione oggi è la peggior spina nel fianco di un produttore software, se poi c'è il passaggio giapponese->inglese prima è un altro massacro
Se poi consideriamo le righe di testo di un jRPG quasi mi stupisce che si mettano dietro già solo con l'inglese...e infatti in molti casi non lo fanno e si tengono il gioco biggrin.gif

Produzioni amatoriali? Buoni per il mondo indie, dove i contatti umani tra sviluppatori e traduttori sono forti e dove non c'è alcuna pressione esterna...ma un "amatore" che magari traduce come secondo/terzo lavoro non potrebbe mai e poi mai collaborare con un'azienda che ti impone ritmi, scadenze e controllo qualità
SilverM
CITAZIONE (Lybra @ Friday 14 August 2015 - 21:42) *
CITAZIONE (albamk @ Friday 14 August 2015 - 21:15) *
Immagina se fosse stato supportato da Square Enix e fosse scaricabile dallo shop come normale dlc per una cifra X,non sarebbe malaccio e per quelli come te che non hanno problemi con l'inglese, amen.

Scopriremmo che un DLC del genere costerebbe probabilmente ben di più dei 10€ (già un ladrocinio) di un paio di mappe multiplayer, perché il lavoro di traduzione è ENORME, lunghissimo e soprattutto è un lavoro che "brucia" molto tempo e, ad oggi, le persone sono pagate ad ore di lavoro. Anzi probabilmente la traduzione oggi è la peggior spina nel fianco di un produttore software, se poi c'è il passaggio giapponese->inglese prima è un altro massacro
Se poi consideriamo le righe di testo di un jRPG quasi mi stupisce che si mettano dietro già solo con l'inglese...e infatti in molti casi non lo fanno e si tengono il gioco biggrin.gif

Produzioni amatoriali? Buoni per il mondo indie, dove i contatti umani tra sviluppatori e traduttori sono forti e dove non c'è alcuna pressione esterna...ma un "amatore" che magari traduce come secondo/terzo lavoro non potrebbe mai e poi mai collaborare con un'azienda che ti impone ritmi, scadenze e controllo qualità

Aspetta, non dico di non essere d'accordo col resto, tutt'altro, ma non penso proprio che una traduzione in DLC possa costare così tanto per un semplice motivo: prendiamo ad esempio il sopracitato Kingdom Hearts 3D. E' multi3 e costa 45€ (ovviamente anche nei paesi senza traduzione). Se fosse stato multi5, sarebbe costato sempre 45€. Di conseguenza se anche facessero la pazzia di mettere un DLC a più di 10 €, o il gioco lo fai pagare meno dall'inizio nel paese dove non c'è supporto alla lingua (cosa che non succederà mai) o semplicemente non lo metti a cifre così esorbitanti. 5 € vanno bene, non sono pochi (proprio per il fatto che io italiano in totale avrei speso in totale 50€ mentre gli altri 45 e basta). La traduzione è avvenuta dopo e va bene, ma non per questo puoi pretendere più di tanto (e c'è comunque l'esempio del recente Addio Deponia tradotto successivamente in italiano, anche se non si trattava di una traduzione proprio amatoriale, lingua italiana aggiunta gratuitamente su Steam, quindi noi ci abbiamo si messo i soldi per la traduzione, ma chi il gioco ce l'aveva già e non ha deciso di donare, la traduzione l'ha gratis).
Lybra
CITAZIONE (SilverM @ Friday 14 August 2015 - 22:06) *
Aspetta, non dico di non essere d'accordo col resto, tutt'altro, ma non penso proprio che una traduzione in DLC possa costare così tanto per un semplice motivo: prendiamo ad esempio il sopracitato Kingdom Hearts 3D. E' multi3 e costa 45€ (ovviamente anche nei paesi senza traduzione). Se fosse stato multi5, sarebbe costato sempre 45€.

Il problema è tutto qui: nei videogiochi il prezzo finale al consumatore è "bloccato". Bloccato da cosa? Di fatto lo sappiamo tutti che salvo fluttuazioni di pochi titoli i prezzi di una generazione sono fissi dall'inizio alla fine generazione. Ergo essendo fisso il prezzo finale ed essendo fisse le vendite (previste) allora l'azienda ha una sola leva con cui giocare: il budget a disposizione.
Se so che il prezzo è quello che è e le vendite saranno quelle che sono è ovvio che l'azienda dovrà operare una scelta e la traduzione è UNA delle voci di spesa. Probabilmente KH è multi3 perché avranno valutato che a fronte di quel prezzo di vendita e delle vendite previste andare oltre sarebbe voluto dire incorrere in perdite.
Mi spiace che siete abbagliati da quella caz....ta di Kickstarter e dai suoi "Goal" ma un'azienda, in un mercato competitivo, funziona esattamente all'opposto di quel "Goal" che gli sviluppatori pongono in stile simil-mafioso per raggiungerli.

Il prezzo è fisso purtroppo e le vendite, soprattutto di certi giochi e certi generi sono quelli che sono. Se Xenoblade Chronicles per Wii fosse costato ai tempi 450€ anzichè 45€ sono strasicuro che Nintendo non si sarebbe fatta mezzo problema a tradurlo in 40 lingue biggrin.gif ma purtroppo la realtà non è questa.
Per cui io dico...il problema non si pone per un Mario Kart 8 che avrà sempre le sue ottime traduzioni, dovute a ottime vendite in relazione al prezzo finale, il problema non si pone nemmeno con la roba indie o finanziata "a muzzo" dove in qualche modo si fa la colletta e la si sfanga, il problema c'è tutto per qui titoli la maggior parte nipponici che dalle nostre parti sono amatissimi ma solo purtroppo da una piccolissima nicchia.
Ora chiedo: questa nicchia (di cui io faccio parte) sarebbe disposta a pagare tanto un videogioco del genere per sopperire alle scarse vendite ed avere comunque un gioco completo? Io si, io un "Lunar" lo avrei pagato ai tempi anche 200.000 lire pur di giocarci in italiano, ma sono che forse sono l'unico.

Dovremmo tornare allo spirito che c'era negli anni'90 in cui chi importava i giochi Saturn li pagava anche mezzo milione di lire, calcio negli zebedei è vero...ma li si gettava cuore (e portafoglio) oltre all'ostacolo pur di giocare con il proprio sogno, oggi vogliamo avere tutto,subito, in contemporanea mondiale...e poi vorremmo lasciare il conto da pagare a qualcun altro wink.gif
SuperPokemonFan
CITAZIONE (Lybra @ Friday 14 August 2015 - 22:47) *
Ora chiedo: questa nicchia (di cui io faccio parte) sarebbe disposta a pagare tanto un videogioco del genere per sopperire alle scarse vendite ed avere comunque un gioco completo? Io si, io un "Lunar" lo avrei pagato ai tempi anche 200.000 lire pur di giocarci in italiano, ma sono che forse sono l'unico.


Lunar in italiano la vedo dura laugh.gif Fu già un grandissimo traguardo averli in inglese con Working Designs...
uriel7
CITAZIONE (Cicciolll @ Friday 14 August 2015 - 16:25) *
L'inglese non lo impari in 1 mese

Scusa, mi ha colpito molto questa frase perché nel cercare di aiutare amici, Morosa e conoscenti ad INIZIARE l'apprendimento di questo idioma ho scoperto Questo Simpatico Libriccino (dal cui titolo è partito il collegamento diretto!) che è davvero fatto molto molto bene.

Non che trascorso quel periodo si possa dire di poter padroneggiare la lingua solo grazie a questo strumento (non di certo e pure nel testo viene ammesso), anche perchè personalmente non amo l'approccio mnemonico, ma devo dire che è uno degli "inizi" più funzionali/pratici/ingegnosi/e furbi che ho potuto sperimentare (su altri). smile.gif

Bon, fine OT (anche se spero di avervi messo la pulce nell'orecchio).

P.s. nel mio piccolo i due impulsi che han fatto in modo che da piccino (anni '80) mi avvicinassi alla lingua son stati proprio videogiochi e musica: ho sempre sofferto della sindrome del "devo capire!" e su C64 mica ricordo di aver trovato giochi in italiano... ed ho avuto una sorella più grande che a quell'epoca mi diceva "senti che bella 'sta canzone!": e così a 7/8 anni ho cominciato a tradurmi canzoni degli U2, Pink Floid, Spandau Ballet e Tears for Fears... ed io non è che all'epoca capissi bene certe cose (ma magari neanche adesso, eh!), ma almeno ci provavo per poter dire " si, è bella ma cos'è che sta cercando e non ha ancora trovato?!" (si, son sempre stato un po' cagacazzi, sin da bambino)biggrin.gif
Cicciolll
CITAZIONE (uriel7 @ Saturday 15 August 2015 - 00:47) *
CITAZIONE (Cicciolll @ Friday 14 August 2015 - 16:25) *
L'inglese non lo impari in 1 mese

Scusa, mi ha colpito molto questa frase perché nel cercare di aiutare amici, Morosa e conoscenti ad INIZIARE l'apprendimento di questo idioma ho scoperto Questo Simpatico Libriccino (dal cui titolo è partito il collegamento diretto!) che è davvero fatto molto molto bene.

Non che trascorso quel periodo si possa dire di poter padroneggiare la lingua solo grazie a questo strumento (non di certo e pure nel testo viene ammesso), anche perchè personalmente non amo l'approccio mnemonico, ma devo dire che è uno degli "inizi" più funzionali/pratici/ingegnosi/e furbi che ho potuto sperimentare (su altri). smile.gif

Bon, fine OT (anche se spero di avervi messo la pulce nell'orecchio).

P.s. nel mio piccolo i due impulsi che han fatto in modo che da piccino (anni '80) mi avvicinassi alla lingua son stati proprio videogiochi e musica: ho sempre sofferto della sindrome del "devo capire!" e su C64 mica ricordo di aver trovato giochi in italiano... ed ho avuto una sorella più grande che a quell'epoca mi diceva "senti che bella 'sta canzone!": e così a 7/8 anni ho cominciato a tradurmi canzoni degli U2, Pink Floid, Spandau Ballet e Tears for Fears... ed io non è che all'epoca capissi bene certe cose (ma magari neanche adesso, eh!), ma almeno ci provavo per poter dire " si, è bella ma cos'è che sta cercando e non ha ancora trovato?!" (si, son sempre stato un po' cagacazzi, sin da bambino) biggrin.gif


beh, se vogliamo ancora fare le cose più semplici e gratis vi consiglio di installarvi questo
DUOLINGO
uriel7
Ecco, spesso consiglio un mix di libro sopracitato, proprio quell'App/giochino (esiste anche Babel, a pagamento però con molte più lingue) ed un semplice esercizio: scegliere una canzone al giorno e provare a tradurla.

Ma la cosa migliore è abbinare una passione di "intrattenimento" (come appunto la musica, la lettura, gossip, cinema, videogiochi) e poco alla volta seguirla in inglese.

Per cominciare, un semplicissimissimo esercizio: impostare il telefonino nell'idioma di albione. biggrin.gif sembra una sciocchezza, ma in fondo si è dimostrato molto più utile di quanto si possa immaginare. wink.gif

Bon, davvero, fine OT. happy.gif
Butterhands
Secondo me alcuni giochi lasciati in lingua inglese hanno il loro fascino, mentre ce ne sono altri che necessitano di una traduzione, i lunghissimi giochi di ruolo per esempio. Cioè, ovvio che l'inglese è una lingua che dovrebbero conoscere tutti, però alcune sfumature secondo me non si colgono leggendo un testo lunghissimo in inglese, basti vedere quello che scrivevano nelle guide di pokémon world, dicevano che erano da preferire le versioni inglesi di pokémon Rubino e Zaffiro perché nelle veersioni italiane utilizzavano termini troppo infantili, perché per esempio chiamavano i pokéblocks pokémelle. Beh, non sanno evidentemente che le pokémelle sono state ispirate da quei dispenserini che se non sbaglio si chiamano "PEZ" infatti poi le pokémelle vengono lanciate al pokémon tramite il dispenser. Ma anche tante altre cose lette in inglese possono sembrare meno smielate rispetto all'italiano, perché non è la lingua madre e penso succeda perché sforzandosi concentrati di ricordare ogni parola inglese si perda un pò di attenzione al senso di tutto il discorso, quindi anche di quanto possano essere infantili le frasi lette, ecco perché secondo me una traduzione di giochi così pieni di dialoghi sia necessaria.
tafero
Io resto dalla mia idea che, per quanto l'inglese sia obbligo da imparare per via molte ragioni ecc ecc ... se sono in Italia PRETENDO che un qualsiasi cosa che io acquisto (anche a 10€ non mi importa) abbia la mia lingua. Anche un libretto di istruzioni quando compro una televisione deve avere l'italiano per dire.
Io l'inglese lo so e non ho problemi a leggerlo e capirlo ma non tutti hanno capacità di apprendimento come la mia (o chi sa l'inglese ovvio) o comunque ha avuto la fortuna di impararlo. Non siamo tutti uguali (c'è gente che non sa parlare l'italiano e pretendete che impari l'inglese? XD)
Io ho imparato l'inglese (per lo meno le parole.. ) giocando ai videogiochi.. presi in mano il mio PAD quando avevo 16 mesi (mia madre è pazza XD). Sono del '91 e a quei tempi se c'erano giochi in italiano era perchè il gioco era davvero un'icona importante... senno il 99% dei giochi erano tutti in inglese. Anche se, magari, avevo 4-5 anni e giocavo ad un gioco inglese e leggevo una parola.. magari non la capivo ma comunque mi rimaneva impressa e, quando poi leggi il significato, capisci tutto. Se in un'intera frase, poi, non capisco 1-2 parole.. basta andare ad intuito con l'intera frase per capirne il senso. Ma resta il fatto che non tutti riescono a fare queste determinate cose (o non ne hanno la possibilità (?) )
Ma comunque il mio discorso era per dire che per quanto una persona debba/possa conoscere l'inglese (come dice Richard) per conoscere culture, lingue e cose differenti dalla nostra ecc ecc .. resta il fatto che se io voglio giocare il mio videogioco preferito dopo magari una giornata di lavoro impegnativa (o di scuola) non devo pure stare li ad esaurire nel leggere una lingua non mia nativa, con chissà quanti significati per un inglese non proprio facile (vedere magari un The Witcher III ) e trovarne una traduzione e capirne tutto il senso. Cioè io sto videogiocando per rilassarmi non di certo per "tornare" a lavorare XD un gioco in italiano (anche se, magari, localizzato male che ne so) è sicuramente più godibile e più fluido da giocare che un gioco in una lingua non mia.
Spero di essermi spiegato bene lol
Cioè per questo "PRETENDO" che qualsiasi gioco sia localizzato nella mia lingua poi sarà il giocatore stesso a decidere se giocarlo in inglese, francese, italiano, burundi o mongolo (conosco di persone totalmente italiane che giocano a giochi in inglese ... perchè non lo so xD)
albamk
Concordo con entrambe le correnti di pensiero,l'inglese e' importante oggi piu' che mai,ma con i miei 60/70 euro penso di essermi strapagato la localizzazione del titolo che mi interessa a prescindere dal fatto che venda 10 o 10000 copie.
Sul discorso pirateria non mi sbilancio,fino a quando la gente non capira' che scaricare il gioco (o il film o il cd) equivale ad andare a rubare a casa del vicino non ci posso fare nulla.Poi ti dicono pure che la sanno piu' lunga di te..............................siamo a posto. (intanto le ultime 2 stagioni di Enterprise ce le siamo giocate grazie a questi furboni.Cit.off-topic)
fast83
Dico la mia da normale impiegato e traduttore freelance.
Sono dell'83, l'inglese l'ho imparato inizialmente a scuola, poi quello che mi ha veramente incuriosito (oltre ai videogiochi) è stato il Rap, e più precisamente Eminem: ogni testo necessitava (e necessita tuttora) di una capacità di comprensione incredibile, per cui la cosa mi ha portato a leggere e rileggere i testi fino ad oggi, ancora oggi.
I videogiochi, come il cellulare, il computer, e qualsiasi altra cosa, a casa mia vengono impostati sempre in inglese salvo rare eccezioni.
Le serie TV e i film, se devo vederli con mia moglie allora in italiano, altrimenti inglese e senza sottotitoli.
Per cui non diciamo cazzate con "l'inglese lo si impara per cose importanti".
Non sono un genio, sono portato per carità, ma niente che un'altra persona con un po' di forza di volontà non possa fare.

La traduzione, come detto da altri, è un lavoro lungo e meticoloso, raramente fatto da una persona sola, e il più delle volte ultimamente fatto da team che conoscono bene una/due/tre lingue, e le altre sommariamente.
Il risultato è che il 70% dei consumatori è felice di avere la propria lingua tradotta bene, il restante 25% è contento di avere un idioma comprensibile (sempre valutando che parecchie persone fanno fatica ad articolare una frase nel propria, di lingua), e il restante 5% rimane con l'amaro in bocca.

Quando è uscito OlliOlli per PSV, ho scritto al team Roll7 via Twitter, ho detto loro che la traduzione italiana faceva schifo (quando il gioco invece è una chicca), e mi sono offerto di tradurre, anche senza compenso.
L'ho fatto, e l'unico motivo per cui l'ho fatto è perché il gioco mi piaceva, e per aggiungere una riga al mio curriculum (anche perché tuttora lo gioco in inglese).
Alla fine ho guadagnato un articolo su IGN, una tavola marchiata OlliOlli2, e OlliOlli2 gratuito (non solo col plus in pratica).
Sono contento così, ma se avessi dovuto fatturare come faccio con traduzione di libri articoli ecc, avrei preso un millino come niente, per il tempo impiegato. Quando mi sono proposto per il sequel, mi hanno risposto che avevano un contratto con un'agenzia che fa tutte le traduzioni... ed è finita lì, amici come prima.
Ed è un gioco di skateboard, non un RPG.
Questo per dire che i progetti casalinghi resteranno sempre questo, casalinghi.
Senza contare che appena dichiari di voler fare qualcosa, subito mille messaggi mail ecc per chiederti quandofinisciquandoescequandoquandoquando.
Cosa importantissima poi è soprattutto il processo di certificazione, per cui NESSUNA SH vi darebbe in mano la traduzione di un loro progetto così, solo perché siete fan.
Io stesso ho dovuto interfacciarmi con una persona che ha revisionato il mio lavoro (nonostante non capisse un'acca di italiano).
My 2 cents obviously. wink.gif
Bardo
Il sogno sarebbe che le varie SH mettessero la possibilità ,nelle opzioni di gioco, di andare a selezionare un file di testo su memoria esterna ,che ormai consolle fisse o portatili hanno.
Una cosa del tipo che infili la cartuccia di gioco , dalle opzioni selezioni ESPORTA TESTO, lei ti pianta sulla SD un .TXT con tante righe ognuna che inizia con un identificativo ( 1 : "testo in lingua madre") chi vuole se lo rimaneggia nella lingua che vuole e lo ributta sulla SD. Niente pirateria ,niente hacking.
Certo così non traduci testi all'interno delle immagini, ma puoi farlo comparire come sottotitolo, meglio di niente.
Però rimane, appunto, un sogno.
SuperPokemonFan
CITAZIONE (Bardo @ Sunday 16 August 2015 - 23:31) *
Il sogno sarebbe che le varie SH mettessero la possibilità ,nelle opzioni di gioco, di andare a selezionare un file di testo su memoria esterna ,che ormai consolle fisse o portatili hanno.
Una cosa del tipo che infili la cartuccia di gioco , dalle opzioni selezioni ESPORTA TESTO, lei ti pianta sulla SD un .TXT con tante righe ognuna che inizia con un identificativo ( 1 : "testo in lingua madre") chi vuole se lo rimaneggia nella lingua che vuole e lo ributta sulla SD. Niente pirateria ,niente hacking.
Certo così non traduci testi all'interno delle immagini, ma puoi farlo comparire come sottotitolo, meglio di niente.
Però rimane, appunto, un sogno.


Spesso e volentieri le sh amano mettere i bastoni fra le ruote ad i traduttori,una cosa del genere non succederà mai closedeyes.gif
Th3_D3viL
È una cosa che dovrebbero prendere in considerazione smile.gif
Lybra
CITAZIONE (Bardo @ Sunday 16 August 2015 - 23:31) *
Però rimane, appunto, un sogno.

E per fortuna aggiungerei.
Scusate ma mediamente (io parlo sempre in generale non mi riferisco a nessuno di noi) l'utente videogiocatore medio è un rompipalle sovraumano che va a contare i peli della barba, i fasci d'erba, la fisica della rotula, che si fa le seghine sui testi e non è raro leggere "io l'avrei reso meglio questo testo"...e poi ci abbasseremmo a questa oscenità?
Pensa anche solo a piccoli "fumetti" o campi di testo di modeste dimensioni (tipo i jRPG su portatile)...il testo che ci "entra" in inglese non è detto che ci stia in italiano o ancora peggio in tedesco e a quel punto cosa accadrebbe? Del testo che sbrodola fuori? O peggio ancora il rischio di avere un software fallato?

Non sono un programmatore ma ragazzi rendiamoci conto che questa "menata" delle traduzioni non è come l'esercizietto stupido che ci dà l'insegnante di inglese e dove ci dà sempre 8 perché la sQuola italiana manda avanti cani e porci, è un lavoro lungo e faticoso e l'atto della sola traduzione è la punta dell'iceberge
tafero
CITAZIONE (Lybra @ Monday 17 August 2015 - 08:07) *
CITAZIONE (Bardo @ Sunday 16 August 2015 - 23:31) *
Però rimane, appunto, un sogno.

E per fortuna aggiungerei.
Scusate ma mediamente (io parlo sempre in generale non mi riferisco a nessuno di noi) l'utente videogiocatore medio è un rompipalle sovraumano che va a contare i peli della barba, i fasci d'erba, la fisica della rotula, che si fa le seghine sui testi e non è raro leggere "io l'avrei reso meglio questo testo"...e poi ci abbasseremmo a questa oscenità?
Pensa anche solo a piccoli "fumetti" o campi di testo di modeste dimensioni (tipo i jRPG su portatile)...il testo che ci "entra" in inglese non è detto che ci stia in italiano o ancora peggio in tedesco e a quel punto cosa accadrebbe? Del testo che sbrodola fuori? O peggio ancora il rischio di avere un software fallato?

Non sono un programmatore ma ragazzi rendiamoci conto che questa "menata" delle traduzioni non è come l'esercizietto stupido che ci dà l'insegnante di inglese e dove ci dà sempre 8 perché la sQuola italiana manda avanti cani e porci, è un lavoro lungo e faticoso e l'atto della sola traduzione è la punta dell'iceberge

Dato che non siamo programmatori, come dici tu, e non abbiamo la "qualifica" di fare ciò.. che lo facciano loro allora. Vengono pagati (e pure discretamente) per farlo e sanno che una fetta del loro lavoro arriverà qua. Se il gioco non è localizzato (togliendo molti pignoli) in pochi lo prenderanno o comunque lo "capiranno". Io ho finito tutta la saga di Phoenix Wright.. TUTTA, e l'ho amata.. adesso con l'ultimo in inglese mi sono stufato appena finito il primo caso. Kingdom Hearts 3D non l'ho proprio comprato per quanto KH sia la mia saga preferita di tutti i videogiochi.. tutto questo perchè c'è un principio .. ed è quello di avere le cose giuste nello Stato in cui si è. Io pago un gioco tra i 40€ e i 60€ e pretendo "completezza". Non è che se a qualcuno va bene averlo in inglese (o tiene casa sua in inglese) anche gli altri devono adattarsi.. ma per vari motivi pure che non sto ad elencare perchè son cose ovvie.
Vorrei vedere se, allora, nei negozi italiani vi trovate personale che vi parla un'altra lingua perchè "bisogna impararla" e stare dietro coi tempi perchè tale lingua puo' sempre servire o magari alla Feltrinelli vi vendono libri in lingua solo originale. Sono in Italia e parlo/leggo italiano.
uriel7
Boh, ho come l'impressione che la discussione stia andando fuori tema (e si stia arenando sulle solite, cicliche questioni: "non localizzato? Fregacazzi-gnè-gnè oppure Non-lo-gioco-gnè-gnè?" no, perchè fondamentalmente ognuno farà quel che gli pare e agli altri non è che interessi e nemmeno cambieranno opinione), sbaglio?

Provando a tornare IT credo che, tra tutti, i primi post di Lybra e quello di Fast abbiano ben spiegato che no, non esiste una regola e mai esisterà uno "standard": dipende dai singoli casi.

Credo comunque che, se per caso volete localizzato il "vostro gioco preferito non previsto in italiano", la soluzione migliore sia attivarsi in prima persona... come descritto da Fast o come è successo nel caso di Addio Deponia, in ogni caso contattando direttamente lo sviluppatore.

Troppa fatica? Esticazzi. Se giocarlo in inglese non va bene, imparare la lingua nemmeno, muoversi personalmente per capire se si può fare qualcosa manco a parlarne, allora l'unica soluzione temo rimanga "fai a meno di comprare (e possibilmente non lamentarti se qualcun altro non ha fatto la fatica al posto tuo)".

smile.gif
Lybra
CITAZIONE (tafero @ Monday 17 August 2015 - 09:45) *
Dato che non siamo programmatori, come dici tu, e non abbiamo la "qualifica" di fare ciò.. che lo facciano loro allora. Vengono pagati (e pure discretamente) per farlo e sanno che una fetta del loro lavoro arriverà qua. Se il gioco non è localizzato (togliendo molti pignoli) in pochi lo prenderanno o comunque lo "capiranno".

Resta il concetto che ho descritto prima: c'è un prezzo di vendita, ci sono delle previsioni di vendita, si adatta il budget in base a questi parametri. Il resto sono pippe.
O meglio, dipende come ti chiami. Se ti chiami M$ puoi anche permetterti di portare Blue Dragon in Grecia tradotto in greco antico e aramaico...ma se ti chiami in altro modo allora la libertà di azione è limitata e bisogna fare scelte.
Ma questo vale per qualsiasi prodotto...se un prodotto per andare in un determinato mercato richiede molte modifiche (ad es. i macchinari industriali devono rispondere a normative molto diverse a seconda dei continenti) può essere più "economico" rinunciare ad un mercato piuttosto che spendere parecchi soldi per adattarlo e poi non vedere ripagato l'investimento fatto, scordiamoci che vendere=guadagnare eh...anzi ultimamente vendere=smenarci soldi
Quanto avrebbe venduto di più KH 3D se avesse avuto l'italiano? Veramente un niente di più, perché volente o nolente l'Italia è meno di una goccia nell'oceano dell'industria del gaming per cui se ho certo risorse (limitate) chi sarebbe il pazzo che preferisce l'italiano rispetto ad es. il cinese (visto che la Cina sta crescendo forte come mercato gaming) ?
Lo so, fa incazzare, ma dobbiamo prenderla così e se non ci piace: scaffale (come dice uriel)


CITAZIONE (tafero @ Monday 17 August 2015 - 09:45) *
Io pago un gioco tra i 40€ e i 60€ e pretendo "completezza". Non è che se a qualcuno va bene averlo in inglese (o tiene casa sua in inglese) anche gli altri devono adattarsi..

Non è questione di andare bene o meno, è solo una questione di soldi, mi spiace che più leggo blog/forum di gaming e più mi rendo conto che troppi ragazzi/signori non si rendono conto di questo piccolo dettaglio
Non esistono "buoni samaritani" (come una delle "tre" voleva farci credere all'inizio di questa generazione) ma solo il tentativo di guadagnare qualcosa...e se c'è qualche aspetto che mi fa correre troppi rischi o può causarmi delle perdite...beh lo si elimina, punto e finito.
Cinico? Si, lo sono...eppure il mondo gira così sad.gif sfortunatamente per tutti noi
fast83
QUOTE (uriel7 @ Monday 17 August 2015 - 10:41) *
Credo comunque che, se per caso volete localizzato il "vostro gioco preferito non previsto in italiano", la soluzione migliore sia attivarsi in prima persona... come descritto da Fast o come è successo nel caso di Addio Deponia, in ogni caso contattando direttamente lo sviluppatore.

Troppa fatica? Esticazzi. Se giocarlo in inglese non va bene, imparare la lingua nemmeno, muoversi personalmente per capire se si può fare qualcosa manco a parlarne, allora l'unica soluzione temo rimanga "fai a meno di comprare (e possibilmente non lamentarti se qualcun altro non ha fatto la fatica al posto tuo)".

smile.gif


Quoto assolutamente.
Aggiungo inoltre che io ho contattato i Roll7 perché 1) la traduzione in italiano sembrava fatta da un misto di Biscardi/Google Translate e 2)è un gioco di Skate con una quantità di testo relativo.
La vita reale mi consente un tot di tempo libero, che di sicuro non butto nel cesso per tradurre un eventuale FF, per poi magari sentire un tot di spaccapalle che si lamentano perché qui manca una virgola e là avrei tradotto meglio io.
Perché, diciamocelo, il 90% di quelli che si lamentano di non avere traduzioni in italiano un po' di inglese lo sanno, ma non si sbatterebbero mai per tradurre due righe.
Mi dispiace per il restante 10% che proprio l'inglese non lo sa, ma io stesso non conosco il giapponese, eppure non mi lamento ogni giorno perché traducano tutto nella mia lingua. Se non riesco a comprendere la lingua, faccio a meno o uso delle guide, fine della storia.
Per chiunque poi abbia 35 anni o meno, mi dispiace ma in questo mondo un po' di inglese lo dovete sapere, non ci sono scuse.
Invece di scaricarvi serie TV o film in italiano, prendetele in inglese e al massimo metteteci i sottotitoli. Consiglio personale eh, io la vedo così. wink.gif
tafero
CITAZIONE (uriel7 @ Monday 17 August 2015 - 09:41) *
Credo comunque che, se per caso volete localizzato il "vostro gioco preferito non previsto in italiano", la soluzione migliore sia attivarsi in prima persona... come descritto da Fast o come è successo nel caso di Addio Deponia, in ogni caso contattando direttamente lo sviluppatore.

Personalmente non è "troppa fatica" ma è per evitare "spoiler". Kingdom Hearts non è che non l'ho comprato perchè non so l'inglese ma perchè E' in inglese.. il che è diverso. Contattare Square non penso ci caghi minimamente e tradurlo personalmente, appunto, è per non evitare spoiler della trama (perchè leggendone i dialoghi è ovvio che capisci quel che sta succedendo). Ho fatto già traduzioni di giochi e anime ma mi sono stancato in fretta non per la pesantezza in se.. ma perchè stavo traducendo un qualcosa che a me interessava e, poi, mi passava la voglia di vederlo/giocarlo proprio perchè sapevo oramai già tutto.

CITAZIONE (fast83 @ Monday 17 August 2015 - 12:22) *
Perché, diciamocelo, il 90% di quelli che si lamentano di non avere traduzioni in italiano un po' di inglese lo sanno, ma non si sbatterebbero mai per tradurre due righe.

E' proprio qui che ti sbagli (per lo meno per me).. io so l'inglese mi sbatterei pure a tradurlo.. se non per la motivazione sopra citata. E' come se tu volessi vedere un film al cinema che aspetti da tanto tempo ma ti dicono che non verrà mai localizzato.. uno se lo guarda in lingua originale prima di te e poi ti dicesse tutto del film.. ti darebbe fastidio no? Il concetto è simile
uriel7
@Tafero:
Premesso che a me non è mai interessato farne una questione personale (tutt'altro, se leggi ho pure scritto che non m'interessa proprio determinare se esiste "un giusto e uno sbagliato" approccio alla questione... Per cui a me personalmente poco importa conoscere le motivazioni di ognuno di noi), implicitamente stai ribadendo ciò che ho scritto io: se, per un motivo o per l'altro, lo stato in cui il prodotto ci viene presentato non è di nostro gradimento e le possibili alternative non sono praticabili o non ci interessano, la soluzione estrema è "non comprare".

Sarà cinico ma non si scappa.

Dopodichè, se si preferisce usare i forum come " valvole di sfogo" per la lecita frustrazione personale, ci può anche stare... ben sapendo che difficilmente ciò porterà a cambiare qualcosa (salvo i buoni consigli sul come muoversi in caso di exploit di intraprendenza) e che i suddetti "sfoghi" potrebbero originare atrettanto leciti commenti che magari potrebbero anche non far piacere... E dato che suddetti "scambi di pensieri" son tristemente ciclici, torno a dire che la discussione era molto più interessante prima di sfociare nello scontro "inglese vs italiano", anche perchè spesso si rischia di farsi prendere la mano e confondere la propria casistica personale con le macroscopiche leggi del mercato. smile.gif
tafero
Ah ma io non sto prendendo la discussione come sfogo personale, tutt'altro XD mi piace argomentare e dire la mia tesi. Se poi qualcuno la prende sul personale o comunque si sente offeso ecc li non è colpa mia diretta. Dico solo la mia e come la penso. Poi se qualcuno non è d'accordo con me ben venga.. non siamo mica tutti uguali nel mondo ci mancherebbe XD
fast83
QUOTE (tafero @ Monday 17 August 2015 - 13:58) *
QUOTE (fast83 @ Monday 17 August 2015 - 12:22) *
Perché, diciamocelo, il 90% di quelli che si lamentano di non avere traduzioni in italiano un po' di inglese lo sanno, ma non si sbatterebbero mai per tradurre due righe.

E' proprio qui che ti sbagli (per lo meno per me).. io so l'inglese mi sbatterei pure a tradurlo.. se non per la motivazione sopra citata. E' come se tu volessi vedere un film al cinema che aspetti da tanto tempo ma ti dicono che non verrà mai localizzato.. uno se lo guarda in lingua originale prima di te e poi ti dicesse tutto del film.. ti darebbe fastidio no? Il concetto è simile


Ammiro la tua forza di volontà, dove, pur capendo l'idioma, ti sei "sacrificato" non comprando il gioco appunto perché è solo in inglese, facendone quindi una questione di principio.
Non posso capire la tua situazione in quanto io sono anglofilo al 100%, se potessi parlare/scrivere/guardare/giocare in inglese tutti i giorni lo farei.
Poi eh, siamo in Italia e sono d'accordo che si dovrebbe parlare in italiano, ma basta fare un giro a Bolzano per capire quanto questa teoria valga in Italia...
Dall'altra parte però, non guasterebbe una certa predisposizione (parlo fin dall'asilo), un po' come fanno i nostri cugini nordici: la loro lingua non la parla nessuno, per cui a parte coltivarla per cultura personale, studiano la lingua universale fin da piccoli. I film al massimo sono sottotitolati, anche al cinema per assurdo.
Ora passiamo da un estremo all'altro, ma solo per farti capire che tali paesi non hanno abbandonato le proprie tradizioni o la propria lingua per essere inglesi al 100%, hanno solo fatto 2+2 e si sono resi conto che non avessero fatto così, non si sarebbe stato futuro e sarebbero vissuti per sempre nel passato.

Detto questo, da traduttore molte volte mi vergogno della qualità delle traduzioni stesse, modi di dire che fanno pietà, giochi di parole resi a caso, frasi tradotte alla lettera manco fosse Google Translate ecc ecc, per cui per non farmi venire il nervoso, quando posso, preferisco la lingua originale. wink.gif
Butterhands
Io invece sono tipo che anche se gli raccontano il finale del film lo guarda lo stesso, per vedere coi suoi occhi come succede.

Infatti a me l'idea dei testi liberamente traducibili da chiunque piacerebbe, io non avrei problemi a tradurmi un gioco per giocarci in maniera più fluida senza soffermarmi troppo ad interpretare il testo inglese (a scuola dei giochi di parole me li hanno insegnati, ma non li conosco certo tutti, meglio a volte usare Google traduttore o un dizionario inglese online mentre si sta traducendo il gioco, piuttosto che stopparlo per andare a vedere la parola) resto comunque dell'idea che alcuni giochi in inglese siano più belli... I Cruis'n per esempio... Sono poche cose e a me diverte di più sentirle e leggerle in inglese. Mentre incredibilmente su un sito spagnolo mentre cercavo metodi per hacking ho trovato la traduzione in spagnolo di Cruis'n Exotica, mi chiedo che bisogno ci fosse, io capisco tutto anche se il gioco è in inglese, o sono una cima io o chi l'ha tradotto deve averlo destinato a degli ignoranti totali... XD
Cicciolll
CITAZIONE (fast83 @ Saturday 15 August 2015 - 22:11) *
Dico la mia da normale impiegato e traduttore freelance.
Sono dell'83, l'inglese l'ho imparato inizialmente a scuola, poi quello che mi ha veramente incuriosito (oltre ai videogiochi) è stato il Rap, e più precisamente Eminem: ogni testo necessitava (e necessita tuttora) di una capacità di comprensione incredibile, per cui la cosa mi ha portato a leggere e rileggere i testi fino ad oggi, ancora oggi.
I videogiochi, come il cellulare, il computer, e qualsiasi altra cosa, a casa mia vengono impostati sempre in inglese salvo rare eccezioni.
Le serie TV e i film, se devo vederli con mia moglie allora in italiano, altrimenti inglese e senza sottotitoli.
Per cui non diciamo cazzate con "l'inglese lo si impara per cose importanti".
Non sono un genio, sono portato per carità, ma niente che un'altra persona con un po' di forza di volontà non possa fare.

La traduzione, come detto da altri, è un lavoro lungo e meticoloso, raramente fatto da una persona sola, e il più delle volte ultimamente fatto da team che conoscono bene una/due/tre lingue, e le altre sommariamente.
Il risultato è che il 70% dei consumatori è felice di avere la propria lingua tradotta bene, il restante 25% è contento di avere un idioma comprensibile (sempre valutando che parecchie persone fanno fatica ad articolare una frase nel propria, di lingua), e il restante 5% rimane con l'amaro in bocca.

Quando è uscito OlliOlli per PSV, ho scritto al team Roll7 via Twitter, ho detto loro che la traduzione italiana faceva schifo (quando il gioco invece è una chicca), e mi sono offerto di tradurre, anche senza compenso.
L'ho fatto, e l'unico motivo per cui l'ho fatto è perché il gioco mi piaceva, e per aggiungere una riga al mio curriculum (anche perché tuttora lo gioco in inglese).
Alla fine ho guadagnato un articolo su IGN, una tavola marchiata OlliOlli2, e OlliOlli2 gratuito (non solo col plus in pratica).
Sono contento così, ma se avessi dovuto fatturare come faccio con traduzione di libri articoli ecc, avrei preso un millino come niente, per il tempo impiegato. Quando mi sono proposto per il sequel, mi hanno risposto che avevano un contratto con un'agenzia che fa tutte le traduzioni... ed è finita lì, amici come prima.
Ed è un gioco di skateboard, non un RPG.
Questo per dire che i progetti casalinghi resteranno sempre questo, casalinghi.
Senza contare che appena dichiari di voler fare qualcosa, subito mille messaggi mail ecc per chiederti quandofinisciquandoescequandoquandoquando.
Cosa importantissima poi è soprattutto il processo di certificazione, per cui NESSUNA SH vi darebbe in mano la traduzione di un loro progetto così, solo perché siete fan.
Io stesso ho dovuto interfacciarmi con una persona che ha revisionato il mio lavoro (nonostante non capisse un'acca di italiano).
My 2 cents obviously. wink.gif


scusami... ma cosa c'è di tanto importante se i telefilm li guardi in inglese? o se imposti gli apparecchi in inglese? potrei dirti allora... perchè non li guardi o non li imposti in francese? se i telefilm sn in italiano perchè guardarli in inglese? non capisco il motivo... magari sarà del mio stesso parere tua moglie che anch'ella li guarda in italiano...

Per me l'inglese è importante solo nel momento in cui è essenziale per determinate cose, tipo andare a vivere fuori italia o svolgere un lavoro dove bisogna sapere l'inglese o essere un ossessionato di viaggi...

Per altre cose lo vedo inutile visto che la mia lingua (italiano) non è ancora stata bandita in italia...voglio dire, conoscere l'italiano in italia non mi complica gravemente la vita, anzi fortunatamente in italia molte cose sono state tradotte...

Certo, se poi lo vogliamo imparare per una questione di hobby come hai fatto tu x tradurre i testi di eminen è un'altro conto, tu l'hai fatto x pura passione, e sono sicuro che se ti piacesse un cantante giapponese avresti imparato anche il jappo...

Vogliamo dire anche per una questione di cultura? certo, come no, anche leggere la geografia potrebbe servire ad aumentare il livello di cultura..

Le cose importanti (a mio parere) sono le cose per cui le rendiamo NOI importanti, non che siano ESSENZIALI per la vita.

Io l'inglese lo conosco a livello scolastico, dunque, giocare ad un gioco ai miei livelli mi perderei tanta belllezza della trama, dunque ribadisco, che se io potessi contriubuire con 5€ assieme ad altri per pagare chi volesse tradurre un gioco di cui a me piacerebbe giocarlo in italiano non vedo quale sia il problema? Tutte le parti sono contenti, quindi perchè imparate l'inglese perfettamente? Esisti un tizio che già lo fa e con una piccola donazione (di cui io ho già fatto) puoi accedere all'area riservata dove puoi scaricare i suoi lavori di traduzione per alcuni giochi... Io sono contento, lui è contento... quindi non vedo il problema..

nn vi dico il sito x nn fare pubblicità, ma vi dò un'indizio "creadipiu"
fast83
QUOTE (Cicciolll @ Tuesday 18 August 2015 - 10:57) *
scusami... ma cosa c'è di tanto importante se i telefilm li guardi in inglese? o se imposti gli apparecchi in inglese? potrei dirti allora... perchè non li guardi o non li imposti in francese? se i telefilm sn in italiano perchè guardarli in inglese? non capisco il motivo... magari sarà del mio stesso parere tua moglie che anch'ella li guarda in italiano...

Per me l'inglese è importante solo nel momento in cui è essenziale per determinate cose, tipo andare a vivere fuori italia o svolgere un lavoro dove bisogna sapere l'inglese o essere un ossessionato di viaggi...

Per altre cose lo vedo inutile visto che la mia lingua (italiano) non è ancora stata bandita in italia...voglio dire, conoscere l'italiano in italia non mi complica gravemente la vita, anzi fortunatamente in italia molte cose sono state tradotte...

Certo, se poi lo vogliamo imparare per una questione di hobby come hai fatto tu x tradurre i testi di eminen è un'altro conto, tu l'hai fatto x pura passione, e sono sicuro che se ti piacesse un cantante giapponese avresti imparato anche il jappo...

Vogliamo dire anche per una questione di cultura? certo, come no, anche leggere la geografia potrebbe servire ad aumentare il livello di cultura..

Le cose importanti (a mio parere) sono le cose per cui le rendiamo NOI importanti, non che siano ESSENZIALI per la vita.

Io l'inglese lo conosco a livello scolastico, dunque, giocare ad un gioco ai miei livelli mi perderei tanta belllezza della trama, dunque ribadisco, che se io potessi contriubuire con 5€ assieme ad altri per pagare chi volesse tradurre un gioco di cui a me piacerebbe giocarlo in italiano non vedo quale sia il problema? Tutte le parti sono contenti, quindi perchè imparate l'inglese perfettamente? Esisti un tizio che già lo fa e con una piccola donazione (di cui io ho già fatto) puoi accedere all'area riservata dove puoi scaricare i suoi lavori di traduzione per alcuni giochi... Io sono contento, lui è contento... quindi non vedo il problema..

nn vi dico il sito x nn fare pubblicità, ma vi dò un'indizio "creadipiu"


Non dico che sia importante guardare telefilm o film o giocare in inglese, questionavo solo sul fatto che tu relegassi i videogiochi a "non importanti", visto che, parole tue, "l'inglese non si impara in un mese, e comunque per cose realmente importanti, non certo per un videogioco".

Certo che siamo in Italia e certo che prima di una lingua straniera, conviene sapere bene soprattutto la propria (non correggo gli errori che hai fatto ma vale anche per te, come anche per me wink.gif), e certo anche che volendo potrei ascoltare e leggere in francese: peccato che non mi interessi, e che non lo trovi così utile come l'inglese.

Ok, conosci l'inglese a livello scolastico. Ok, ti perderesti parte della trama.
Ma vuoi dirmi che se senti un personaggio dire "no problem man, it's a piece of cake", e due minuti dopo aver fatto quel che doveva fare, ripetere "I told you it was a piece of cake, didn't I?", e vedi il personaggio che so, sconfiggere un nemico con un colpo di pistola da 500m con un occhio bendato e mangiando un cheeseburger, non riesci ad immaginare che "piece of cake" significa "una cosa semplice"?
Non capirai la prima volta, non capirai la seconda, ma vedrai che alla terza capisci eccome...

In ogni caso, a me piace avere le notizie (e qualsiasi altra cosa) nel più breve tempo possibile, per cui ecco un breve elenco di quello che, sapendo un po' di inglese, si riesce a sapere/avere/leggere/guardare/giocare prima del concittadino medio:

-notizie dal mondo, che non siano in Italia/Germania/UK
-notizie specifiche su prodotti creati al di fuori dell'Italia, alcuni esempi sono tutti i gadget elettronici (tv/smartphone/computer/console ecc ecc)
-film e serie TV talvolta con ANNI di anticipo (stiamo un po' migliorando su questo piano, ma con molta - tipicamente italiana - lentezza)
-videogiochi molte volte più convenienti comprandoli dall'estero, per cui solo con l'inglese
-videogiochi talvolta bilingue anche se usciti solo in Giappone
-risoluzione di problemi legati a qualsiasi cosa (dalle macchine alle lavastoviglie, dal Nintendo DS all'iMac) con molta più velocità cercando in inglese anziché in italiano
-qualche possibilità di lavoro in più rispetto a chi non sa nemmeno una parola
-viaggi più confortevoli e con meno ansia

Sono un paio di cose, e se vogliamo tutte "superflue", nel senso che parecchie persone potrebbero vivere senza tutto ciò, ma io, personalmente, non farei a meno di nulla.

Poi eh, non ci sono tante soluzioni, se tu hai trovato quella che ti va a genio, ossia pagare 5 euro Giangy per ogni traduzione, buon per te, sappi solo che, anche fosse la traduzione migliore del mondo, comunque ti perdi delle chicche in lingua originale. wink.gif
CapRichard
Più che altro, di solito è preferibile vedere/ascoltare qualcosa nella loro lingua originale, per poter cogliere al meglio cosa voleva davvero dire l'autore in quel momento.

Io mi mangio le mani che non so il giapponese, xenogears in inglese è si bello, ma un dramma, si sono perse troppe sfumature da un passaggio all'altro, cosa molto importante in un gioco stracolmo di testo come può essere uno Xeno.
Le serie TV ed i giochi occidentali, vengono fatti in inglese e quindi giocandoli/vedendoli nella lingua nella quale sono nati si capisce sempre ciò che si vuol dire, specie quando le espressioni idiomatiche sono ovunque.

Poi questo porta a cose fatte un po' a metà, del tipo, perché ora i Vendicatori cinematografici si chiamano Avengers anche in italiano, se nei fumetti noi li abbiamo tradotti sempre come Vendicatori?
Per fortuna che la gag Ant-Man - ANThony sono riusciti in qualche modo a mantenerla anche in italiano, ma di sicuro è meno immediata....

Lo so, conoscere tutte le lingue del mondo è impensabile ed infatti il lavoro di traduzione e soprattutto di riadattamento (tra durre veramente vuol dire riadattare il lavoro ad un'altra cultura e modo di pensare, è più complesso di quel che sembri) è molto, molto importante, ma ad una traduzione fatta male, preferisco non avere nessuna traduzione.
Adhrast
CITAZIONE (CapRichard @ Tuesday 18 August 2015 - 14:36) *
Più che altro, di solito è preferibile vedere/ascoltare qualcosa nella loro lingua originale, per poter cogliere al meglio cosa voleva davvero dire l'autore in quel momento.

Io mi mangio le mani che non so il giapponese, xenogears in inglese è si bello, ma un dramma, si sono perse troppe sfumature da un passaggio all'altro, cosa molto importante in un gioco stracolmo di testo come può essere uno Xeno.
Le serie TV ed i giochi occidentali, vengono fatti in inglese e quindi giocandoli/vedendoli nella lingua nella quale sono nati si capisce sempre ciò che si vuol dire, specie quando le espressioni idiomatiche sono ovunque.

Poi questo porta a cose fatte un po' a metà, del tipo, perché ora i Vendicatori cinematografici si chiamano Avengers anche in italiano, se nei fumetti noi li abbiamo tradotti sempre come Vendicatori?
Per fortuna che la gag Ant-Man - ANThony sono riusciti in qualche modo a mantenerla anche in italiano, ma di sicuro è meno immediata....

Lo so, conoscere tutte le lingue del mondo è impensabile ed infatti il lavoro di traduzione e soprattutto di riadattamento (tra durre veramente vuol dire riadattare il lavoro ad un'altra cultura e modo di pensare, è più complesso di quel che sembri) è molto, molto importante, ma ad una traduzione fatta male, preferisco non avere nessuna traduzione.


CapRichard come al solito ha centrato perfettamente il punto.
Cicciolll, non si tratta di "fare gli esterofili perché si", il problema è che non stai fruendo di un'opera (libro, film, serie tv, videogioco ecc.) nella forma originale in cui è stata creata.
Questo non vuole dire (non necessariamente, almeno) che in italiano sia "peggio", però è indubbio che ti stai perdendo qualcosa.
Ti cito l'esempio che ho fatto ad un amico parlando della traduzione e del doppiaggio delle serie tv: Gomorra avrebbe lo stesso significato, avrebbe lo stesso impatto se fosse recitato con la classica intonazione, inflessione e perfetta dizione del doppiaggio? Io non credo, è un'opera pensata per essere così, e non sarebbe la stessa cosa se fosse altrimenti.

Chiaro che se non hai la possibilità di avere qualcosa (in questo caso sapere l'inglese ad un buon livello) l'opzione che ti resta è rinunciarvi perché, anche se mi rendo conto che il paragone è un po' tirato ma passatemelo, non è che se non posso economicamente permettermi una Ferrari posso pretendere che costi come una Panda Young del '92...
Cicciolll
CITAZIONE (fast83 @ Tuesday 18 August 2015 - 14:18) *
CITAZIONE (Cicciolll @ Tuesday 18 August 2015 - 10:57) *
scusami... ma cosa c'è di tanto importante se i telefilm li guardi in inglese? o se imposti gli apparecchi in inglese? potrei dirti allora... perchè non li guardi o non li imposti in francese? se i telefilm sn in italiano perchè guardarli in inglese? non capisco il motivo... magari sarà del mio stesso parere tua moglie che anch'ella li guarda in italiano...

Per me l'inglese è importante solo nel momento in cui è essenziale per determinate cose, tipo andare a vivere fuori italia o svolgere un lavoro dove bisogna sapere l'inglese o essere un ossessionato di viaggi...

Per altre cose lo vedo inutile visto che la mia lingua (italiano) non è ancora stata bandita in italia...voglio dire, conoscere l'italiano in italia non mi complica gravemente la vita, anzi fortunatamente in italia molte cose sono state tradotte...

Certo, se poi lo vogliamo imparare per una questione di hobby come hai fatto tu x tradurre i testi di eminen è un'altro conto, tu l'hai fatto x pura passione, e sono sicuro che se ti piacesse un cantante giapponese avresti imparato anche il jappo...

Vogliamo dire anche per una questione di cultura? certo, come no, anche leggere la geografia potrebbe servire ad aumentare il livello di cultura..

Le cose importanti (a mio parere) sono le cose per cui le rendiamo NOI importanti, non che siano ESSENZIALI per la vita.

Io l'inglese lo conosco a livello scolastico, dunque, giocare ad un gioco ai miei livelli mi perderei tanta belllezza della trama, dunque ribadisco, che se io potessi contriubuire con 5€ assieme ad altri per pagare chi volesse tradurre un gioco di cui a me piacerebbe giocarlo in italiano non vedo quale sia il problema? Tutte le parti sono contenti, quindi perchè imparate l'inglese perfettamente? Esisti un tizio che già lo fa e con una piccola donazione (di cui io ho già fatto) puoi accedere all'area riservata dove puoi scaricare i suoi lavori di traduzione per alcuni giochi... Io sono contento, lui è contento... quindi non vedo il problema..

nn vi dico il sito x nn fare pubblicità, ma vi dò un'indizio "creadipiu"


Non dico che sia importante guardare telefilm o film o giocare in inglese, questionavo solo sul fatto che tu relegassi i videogiochi a "non importanti", visto che, parole tue, "l'inglese non si impara in un mese, e comunque per cose realmente importanti, non certo per un videogioco".

Certo che siamo in Italia e certo che prima di una lingua straniera, conviene sapere bene soprattutto la propria (non correggo gli errori che hai fatto ma vale anche per te, come anche per me wink.gif ), e certo anche che volendo potrei ascoltare e leggere in francese: peccato che non mi interessi, e che non lo trovi così utile come l'inglese.

Ok, conosci l'inglese a livello scolastico. Ok, ti perderesti parte della trama.
Ma vuoi dirmi che se senti un personaggio dire "no problem man, it's a piece of cake", e due minuti dopo aver fatto quel che doveva fare, ripetere "I told you it was a piece of cake, didn't I?", e vedi il personaggio che so, sconfiggere un nemico con un colpo di pistola da 500m con un occhio bendato e mangiando un cheeseburger, non riesci ad immaginare che "piece of cake" significa "una cosa semplice"?
Non capirai la prima volta, non capirai la seconda, ma vedrai che alla terza capisci eccome...

In ogni caso, a me piace avere le notizie (e qualsiasi altra cosa) nel più breve tempo possibile, per cui ecco un breve elenco di quello che, sapendo un po' di inglese, si riesce a sapere/avere/leggere/guardare/giocare prima del concittadino medio:

-notizie dal mondo, che non siano in Italia/Germania/UK
-notizie specifiche su prodotti creati al di fuori dell'Italia, alcuni esempi sono tutti i gadget elettronici (tv/smartphone/computer/console ecc ecc)
-film e serie TV talvolta con ANNI di anticipo (stiamo un po' migliorando su questo piano, ma con molta - tipicamente italiana - lentezza)
-videogiochi molte volte più convenienti comprandoli dall'estero, per cui solo con l'inglese
-videogiochi talvolta bilingue anche se usciti solo in Giappone
-risoluzione di problemi legati a qualsiasi cosa (dalle macchine alle lavastoviglie, dal Nintendo DS all'iMac) con molta più velocità cercando in inglese anziché in italiano
-qualche possibilità di lavoro in più rispetto a chi non sa nemmeno una parola
-viaggi più confortevoli e con meno ansia

Sono un paio di cose, e se vogliamo tutte "superflue", nel senso che parecchie persone potrebbero vivere senza tutto ciò, ma io, personalmente, non farei a meno di nulla.

Poi eh, non ci sono tante soluzioni, se tu hai trovato quella che ti va a genio, ossia pagare 5 euro Giangy per ogni traduzione, buon per te, sappi solo che, anche fosse la traduzione migliore del mondo, comunque ti perdi delle chicche in lingua originale. wink.gif


ma stiamo parlando di cose ovvie, lo so che conoscere l'inglese si ha una marcia in più in tante cose anche quelle che non hai elencato. Ma quello che io voglio farti capire è che non serve saperlo perfettamente per restare al passo coi tempi, basta avere le basi scolastiche tanto per smanettare uno smartphone TUTTO in inglese o usare un decoder o un apparecchio in inglese, io non ho problemi, posso tranquillamente usarli, certamente non posso giocare ad un RPG in inglese (ho fatto eccezione negl'anni 90 solo cn FF7 con qualche sacrificio) oppure guardarmi un telefilm in inglese.

Però oggigiorno se ti interessa arrivare prima su una notizia in inglese, puoi comunque fare un COPIA-INCOLLA con google traslate come faccio io sopratutto quando visito il sito liveleak. Certo, lo so, non traduce benissimo, ma il 90% del testo che traduce è comprensibile.

Ci metterò più tempo di te? mi perderò qualche chicca in più? Pazienza laugh.gif

Per quanta riguarda i telefilm o film, è vero. Mi tocca aspettare molto di più... Pazienza happy.gif

Vuoi insistere per farmelo imparare come te? fai bene, ti ammiro, tu l'hai imparato per delle tue passioni. Ma "purtroppo" per quello per cui vivo, non lo considero essenziale se non fosse solo x qualche hobby che al momento nn mi ha dato quel grande stimolo che hai avuto tu.

PS1: Mi scuso per qualche errore grammaticale, anch'esse sono di livello scolastico.
PS2: Non pago a Giangy per ogni traduzione, lui accetta solo donazioni, ed io ho donato una sola volta 5 (o 10€ nn ricordo) ed ho accesso a tutte le sue traduzioni.
tafero
Chiudo il discorso dicendo solo una cosa pero' .... le cose nostre only italian (film, opere ecc) non credo proprio che nel mondo si mettano a guardarle/leggerle in italiano per captarne significati e/o altro come dite voi per vari motivi... l'italiano non è una lingua che se la studi ti porta vantaggi e, per lo più, è tra le lingue più difficili da imparare di tutto il mondo.
Vediamo se gli altri Stati si guardano i film italiani in italiano (magari senza Sub come dite voi) o si legge un intero libro in italiano XD

Dite "eh ma non si captano le cose se non guardi le cose in inglese" solo perchè l'inglese, essendo lingua mondiale, si "DEVE" imparare per forza e ne "approfittate".. ma come hai detto tu stesso Richard "Se solo sapessi il Giapponese..." , perchè non lo impari? Semplicemente perchè nessuno te lo sta imponendo xD
Se l'inglese non fosse diventata la lingua internazionale il 90% delle persone qui dentro che dice che legge/gioca/guarda cose in lingua originale, farebbe tutto in italiano
SuperPokemonFan
CITAZIONE (tafero @ Wednesday 19 August 2015 - 16:40) *
Chiudo il discorso dicendo solo una cosa pero' .... le cose nostre only italian (film, opere ecc) non credo proprio che nel mondo si mettano a guardarle/leggerle in italiano per captarne significati e/o altro come dite voi per vari motivi... l'italiano non è una lingua che se la studi ti porta vantaggi e, per lo più, è tra le lingue più difficili da imparare di tutto il mondo.
Vediamo se gli altri Stati si guardano i film italiani in italiano (magari senza Sub come dite voi) o si legge un intero libro in italiano XD

Dite "eh ma non si captano le cose se non guardi le cose in inglese" solo perchè l'inglese, essendo lingua mondiale, si "DEVE" imparare per forza e ne "approfittate".. ma come hai detto tu stesso Richard "Se solo sapessi il Giapponese..." , perchè non lo impari? Semplicemente perchè nessuno te lo sta imponendo xD
Se l'inglese non fosse diventata la lingua internazionale il 90% delle persone qui dentro che dice che legge/gioca/guarda cose in lingua originale, farebbe tutto in italiano


Le lingue difficili sono altre secondo me, ma comunque concordo con te, in generale. Quando si vuole leggere/guardare/giocare qualcosa in inglese, va bene, lo si fa per capire meglio l'opera, ma è una cosa anche "comoda" in un certo senso.Ad oggi l'inglese è lingua internazionale?Bene, chi impara l'inglese per passione lo fa anche per ricavarne altri vantaggi.Se la lingua internazionale fosse l'italiano, molte meno persone imparerebbero l'inglese per usarlo nel leggere/guardare film/videogiocare. Ma ciò non toglie che in questo momento l'inglese è comunque una lingua di vitale importanza, e che ci sono persone che lo imparano unicamente per passione( poi se gli servirà anche ad altro, tanto meglio).Poi ognuno studia la lingua che vuole,giustamente( io il giapponese, tu il francese/qualsiasi altra lingua, altre persone un'altra ancora ecc.).
Cicciolll
CITAZIONE (tafero @ Wednesday 19 August 2015 - 16:40) *
Chiudo il discorso dicendo solo una cosa pero' .... le cose nostre only italian (film, opere ecc) non credo proprio che nel mondo si mettano a guardarle/leggerle in italiano per captarne significati e/o altro come dite voi per vari motivi... l'italiano non è una lingua che se la studi ti porta vantaggi e, per lo più, è tra le lingue più difficili da imparare di tutto il mondo.
Vediamo se gli altri Stati si guardano i film italiani in italiano (magari senza Sub come dite voi) o si legge un intero libro in italiano XD

Dite "eh ma non si captano le cose se non guardi le cose in inglese" solo perchè l'inglese, essendo lingua mondiale, si "DEVE" imparare per forza e ne "approfittate".. ma come hai detto tu stesso Richard "Se solo sapessi il Giapponese..." , perchè non lo impari? Semplicemente perchè nessuno te lo sta imponendo xD
Se l'inglese non fosse diventata la lingua internazionale il 90% delle persone qui dentro che dice che legge/gioca/guarda cose in lingua originale, farebbe tutto in italiano

io aggiungo un'altro dato di fatto, l'italia è la nazione che si "sottomette" di più alla lingua americana/inglese tante nostre parole ormai sono state americanizzate, adesso nn ve le elenco tutte ma ce ne sono tantissime, in francia ad esempio Computer si chiama ordinateur, e in spagna harmburger è chiamato hamburguesa.
SuperPokemonFan
CITAZIONE (Cicciolll @ Wednesday 19 August 2015 - 17:01) *
CITAZIONE (tafero @ Wednesday 19 August 2015 - 16:40) *
Chiudo il discorso dicendo solo una cosa pero' .... le cose nostre only italian (film, opere ecc) non credo proprio che nel mondo si mettano a guardarle/leggerle in italiano per captarne significati e/o altro come dite voi per vari motivi... l'italiano non è una lingua che se la studi ti porta vantaggi e, per lo più, è tra le lingue più difficili da imparare di tutto il mondo.
Vediamo se gli altri Stati si guardano i film italiani in italiano (magari senza Sub come dite voi) o si legge un intero libro in italiano XD

Dite "eh ma non si captano le cose se non guardi le cose in inglese" solo perchè l'inglese, essendo lingua mondiale, si "DEVE" imparare per forza e ne "approfittate".. ma come hai detto tu stesso Richard "Se solo sapessi il Giapponese..." , perchè non lo impari? Semplicemente perchè nessuno te lo sta imponendo xD
Se l'inglese non fosse diventata la lingua internazionale il 90% delle persone qui dentro che dice che legge/gioca/guarda cose in lingua originale, farebbe tutto in italiano

io aggiungo un'altro dato di fatto, l'italia è la nazione che si "sottomette" di più alla lingua americana/inglese tante nostre parole ormai sono state americanizzate, adesso nn ve le elenco tutte ma ce ne sono tantissime, in francia ad esempio Computer si chiama ordinateur, e in spagna harmburger è chiamato hamburguesa.


Mah, questo è a causa dell'italiano.Voglio dire, tu computer come lo diresti in italiano? Ordinatore? Calcolatore? Ed hamburger? In italiano è molto più difficile modificare parole di origine straniera,come magari fanno il francese e lo spagnolo. E poi nell'inglese stesso ci sono molte parole italiane,francesi,LATINE ancora intatte eh.. wink.gif
Cicciolll
CITAZIONE (SuperPokemonFan @ Wednesday 19 August 2015 - 17:11) *
CITAZIONE (Cicciolll @ Wednesday 19 August 2015 - 17:01) *
CITAZIONE (tafero @ Wednesday 19 August 2015 - 16:40) *
Chiudo il discorso dicendo solo una cosa pero' .... le cose nostre only italian (film, opere ecc) non credo proprio che nel mondo si mettano a guardarle/leggerle in italiano per captarne significati e/o altro come dite voi per vari motivi... l'italiano non è una lingua che se la studi ti porta vantaggi e, per lo più, è tra le lingue più difficili da imparare di tutto il mondo.
Vediamo se gli altri Stati si guardano i film italiani in italiano (magari senza Sub come dite voi) o si legge un intero libro in italiano XD

Dite "eh ma non si captano le cose se non guardi le cose in inglese" solo perchè l'inglese, essendo lingua mondiale, si "DEVE" imparare per forza e ne "approfittate".. ma come hai detto tu stesso Richard "Se solo sapessi il Giapponese..." , perchè non lo impari? Semplicemente perchè nessuno te lo sta imponendo xD
Se l'inglese non fosse diventata la lingua internazionale il 90% delle persone qui dentro che dice che legge/gioca/guarda cose in lingua originale, farebbe tutto in italiano

io aggiungo un'altro dato di fatto, l'italia è la nazione che si "sottomette" di più alla lingua americana/inglese tante nostre parole ormai sono state americanizzate, adesso nn ve le elenco tutte ma ce ne sono tantissime, in francia ad esempio Computer si chiama ordinateur, e in spagna harmburger è chiamato hamburguesa.


Mah, questo è a causa dell'italiano.Voglio dire, tu computer come lo diresti in italiano? Ordinatore? Calcolatore? Ed hamburger? In italiano è molto più difficile modificare parole di origine straniera,come magari fanno il francese e lo spagnolo. E poi nell'inglese stesso ci sono molte parole italiane,francesi,LATINE ancora intatte eh.. wink.gif


Anche lo spagnolo è una lingua latina, eppure nn americanizza le parole, Computer in spagnolo è chiamato ordenador. A noi pare strano chiamarlo Ordinatore e non esiste nella nostra cultura, noi lo conosciamo con la parola in inglese, computer
SuperPokemonFan
CITAZIONE (Cicciolll @ Wednesday 19 August 2015 - 17:25) *
CITAZIONE (SuperPokemonFan @ Wednesday 19 August 2015 - 17:11) *
CITAZIONE (Cicciolll @ Wednesday 19 August 2015 - 17:01) *
CITAZIONE (tafero @ Wednesday 19 August 2015 - 16:40) *
Chiudo il discorso dicendo solo una cosa pero' .... le cose nostre only italian (film, opere ecc) non credo proprio che nel mondo si mettano a guardarle/leggerle in italiano per captarne significati e/o altro come dite voi per vari motivi... l'italiano non è una lingua che se la studi ti porta vantaggi e, per lo più, è tra le lingue più difficili da imparare di tutto il mondo.
Vediamo se gli altri Stati si guardano i film italiani in italiano (magari senza Sub come dite voi) o si legge un intero libro in italiano XD

Dite "eh ma non si captano le cose se non guardi le cose in inglese" solo perchè l'inglese, essendo lingua mondiale, si "DEVE" imparare per forza e ne "approfittate".. ma come hai detto tu stesso Richard "Se solo sapessi il Giapponese..." , perchè non lo impari? Semplicemente perchè nessuno te lo sta imponendo xD
Se l'inglese non fosse diventata la lingua internazionale il 90% delle persone qui dentro che dice che legge/gioca/guarda cose in lingua originale, farebbe tutto in italiano

io aggiungo un'altro dato di fatto, l'italia è la nazione che si "sottomette" di più alla lingua americana/inglese tante nostre parole ormai sono state americanizzate, adesso nn ve le elenco tutte ma ce ne sono tantissime, in francia ad esempio Computer si chiama ordinateur, e in spagna harmburger è chiamato hamburguesa.


Mah, questo è a causa dell'italiano.Voglio dire, tu computer come lo diresti in italiano? Ordinatore? Calcolatore? Ed hamburger? In italiano è molto più difficile modificare parole di origine straniera,come magari fanno il francese e lo spagnolo. E poi nell'inglese stesso ci sono molte parole italiane,francesi,LATINE ancora intatte eh.. wink.gif


Anche lo spagnolo è una lingua latina, eppure nn americanizza le parole, Computer in spagnolo è chiamato ordenador. A noi pare strano chiamarlo Ordinatore e non esiste nella nostra cultura, noi lo conosciamo con la parola in inglese, computer


Infatti il problema è solo l'italiano, che è la lingua più simile al latino in assoluto.Non esistono(o quasi)parole importate dall'inglese(o altre lingue) che in italiano vengono adattate,è un problema, appunto, specifico della nostra lingua.Comunque questo sarà il mio ultimo post,siamo già troppo OT.
uriel7
In realtà negli anni settanta han provato ad imporre il termine "calcolatore elettronico" (per computer) ma, oltre ad essere esageratamente lungo, si son presto accorti che faceva proprio schifo come sostantivo. biggrin.gif
Eyeshield21
Anche se OT, credo che se un argomento può far piacere e portare beneficio a tutti con nuove conoscenze, si può andare avanti (in fondo noto molti interventi a proposito, ognuno con le proprie idee e senza imporsi biggrin.gif è bello talvolta vedere qualche discussione portata avanti con calma anche qua).

Non credo sia proprio un problema dell'Italiano, ma fatto sta che i prestiti (così si chiamano) sempre più frequenti stanno cambiando un po' la lingua. E anche noi la stiamo cambiando. Chi diceva che prima usavamo il termine I Vendicatori, ed ora abbiamo gli Avengers. Solo io mi ricordo di quando tutti ci lamentavamo di Rubber, Holly, Benji, e chissà quanti altri nomi trasformati nella versione italiana, e siamo ora giunti a vedere anime con nomi originali? Forse ci considerano meno imbecilli biggrin.gif

Mentre negli altri stati si mettevano solo sottotitoli ai film, in Italia è stata sviluppata una bella cultura del doppiaggio. Questo è un lato positivo in un senso, e negativo nel fatto che purtroppo in questo modo l'inglese non lo sappiamo bene come in altri paesi che hanno spettacoli di intrattenimento in inglese.
fast83
QUOTE (Eyeshield21 @ Wednesday 19 August 2015 - 22:30) *
Anche se OT, credo che se un argomento può far piacere e portare beneficio a tutti con nuove conoscenze, si può andare avanti (in fondo noto molti interventi a proposito, ognuno con le proprie idee e senza imporsi biggrin.gif è bello talvolta vedere qualche discussione portata avanti con calma anche qua).

Non credo sia proprio un problema dell'Italiano, ma fatto sta che i prestiti (così si chiamano) sempre più frequenti stanno cambiando un po' la lingua. E anche noi la stiamo cambiando. Chi diceva che prima usavamo il termine I Vendicatori, ed ora abbiamo gli Avengers. Solo io mi ricordo di quando tutti ci lamentavamo di Rubber, Holly, Benji, e chissà quanti altri nomi trasformati nella versione italiana, e siamo ora giunti a vedere anime con nomi originali? Forse ci considerano meno imbecilli biggrin.gif

Mentre negli altri stati si mettevano solo sottotitoli ai film, in Italia è stata sviluppata una bella cultura del doppiaggio. Questo è un lato positivo in un senso, e negativo nel fatto che purtroppo in questo modo l'inglese non lo sappiamo bene come in altri paesi che hanno spettacoli di intrattenimento in inglese.


Volevo ringraziarti per aver lodato la mia buona volontà e soprattutto per esserti preso la briga di leggere l'articolo a me dedicato, ma vedo che hai editato cancellando proprio quella parte... WTF? mellow.gif huh.gif
Ignoro il motivo per cui l'hai fatto, ma ti ringrazio ugualmente. wink.gif

Restando in Topic, I prestiti sono sempre più frequenti, è vero, basta anche solo ascoltare un qualsiasi telegiornale.
Il problema anche lì, è che facciamo sempre le cose a metà:I giornalisti sembrano tutti una spanna sopra gli altri, e poi hanno una pronuncia che fa accapponare la pelle... pinch.gif
CapRichard
Riapro un po' la discussione perché a quanto pare la Square Enix la pensa allo stesso modo!

Ottimo! Iniziamo a pagare 2 volte non solo coi season pass, ma anche coi translation pass!
Questa è la versione 'lo-fi' del forum. Per visualizzare la versione completa con molte più informazioni, formattazione ed immagini, per favore clicca qui.
Invision Power Board © 2001-2019 Invision Power Services, Inc.