IPB

Benvenuto Visitatore ( Log In | Registrati )

Seguici su:    
 
Closed TopicStart new topic
> [Recensione] Supercard DS TWO
Dragon Chan
messaggio Thursday 11 November 2010 - 12:26
Messaggio #1

Chan 2.0
Gruppo icone

Gruppo: Veterani
Messaggi: 10.870
Iscritto il: Fri 4 February 2005 - 16:07
Da: Sciacca
Utente Nr.: 3.859
Feedback: 30 (100%)

Nintendo Network ID:
viewtiful.vega



Supercard DS TWO




Quick Links
Homepage Team Supercard: Supercard Homepage
Supercard DS TWO: Updates & Software
Homepage Plugin Ufficiali: Plugin Ufficiali DS TWO
Forum di supporto: Forum




La Supercard DS TWO rappresenta il prodotto di punta del Team Supercard, ed è a tutti gli effetti la prima rappresentante di una seconda generazione di kit di backup e sviluppo su slot-1 appositamente pensati per gli handheld Nintendo. Questo Team non ha di certo bisogno di pompose presentazioni, i loro prodotti ed i loro progressi in questo campo sono sempre stati sotto gli occhi di tutti; a partire dalla prima supercard ogni loro nuovo prodotto ha innovato completamente il modo di fare flashcard o aggiunto funzioni prima non disponibili su kit di altri brand. A distanza di anni dall'uscita del primo Nintendo DS, giunto ormai alla sua quarta iterazione (Ciccio, Lite, Dsi, XL) e forte di un successo senza precedenti nel campo delle console "portatili", ed a distanza ormai di tanti anni dal rilascio della prima rudimentale flashcard, verrebbe da chiedersi se il lancio di un nuovo kit di questo tipo abbia senso.

In fondo si è spesso portati a pensare che tutte le flashcard siano uguali e che facciano le stesse cose, ovvero lanciare backup delle proprie cartucce; appare immediatamente chiaro che un ragionamento di questo tipo è assolutamente sbagliato, visto che se oggi possiamo effettuare un distinguo nel mare magno delle varie flashcard (letteralmente invaso da cloni e affini della defunta R4) è proprio grazie al lavoro di Team come quello di ROMMAN e soci.

Ed è proprio in quest'ottica che hanno lavorato alacremente i ragazzi della squadra Supercard; pensare e rilasciare (anche grazie al feedback degli utenti del popolatissimo forum ufficiale) una nuova card che fosse dotata di tutte le funzioni che gli utenti han sempre sognato, abbinare quindi alla robustezza ed affidabilità della Supercard DS One delle nuove funzionalità che giustificassero l'esborso necessario per acquistare la nuova card. Tutto questo ovviamente senza sacrificare quello che da sempre ha rappresentato il vanto per questi ragazzi ovvero la celerità negli aggiornamenti dei loro kernel e firmware nonchè l'affidabilità generale dei propri prodotti. E' quindi il caso di lanciarci senza ulteriori indugi nella nostra prova e verificare se le promesse fatte sono state mantenute.


Introduzione & Caratteristiche


Una caratteristica che ha accomunato la totalità delle flashcard rilasciate per funzionare sul DSi è sicuramente quella di essere delle semplici "evoluzioni" delle proprie controparti che già funzionavano alla perfezione sul DS Lite. Spesso e volentieri le card erano proprio le stesse, con la semplice aggiunta del suffisso "i" per indicare con chiarezza la nuova compatibilità con il DSi; niente redesign quindi e niente nuove funzionalità. In questo caso, con la Supercard DS TWO tra le mani, possiamo affermare che questa volta il trend è stato invertito. Appare subito chiaro, infatti, lo sforzo fatto dal team per pensare a qualcosa di nuovo che offrisse funzioni che nessun'altra card (almeno per il momento) possa vantare. La caratteristica fondamentale di questa card è quella di avere on-board addirittura una seconda CPU, specificamente pensata per operare in determinate situazioni e con determinati programmi.



Diamo uno sguardo alle features di questa card, così come dichiarate dal produttore:

CITAZIONE
  • RealTime Functions: RealTime Save(Enhanced, 3D Game More Stable), RealTime Game Guide(txt,bmp) & RealTime Cheat mode.(More stable, easier to use and compatible with popular cheat file)
  • Multi Saves (Up to 4 slots), It's easy to backup and restore saved games.
  • New exclusive feature. Free Cheat Function. During game play will allow you to search for and enable various cheats and hacks.
  • Unlimited MicroSD storage space support. SDHC support. FAT or FAT32.
  • Multiple languages (English, Simplified Chinese, Traditional Chinese, French, Italian, Korean, Japanese, Spanish)
  • Built-in GBA/SNES Emulator.
  • New Hardware Control Slow Motion Action (4 levels of speed).
  • File Management System (Copy, Paste, Cut and Delete, woth long file name support).
  • eBook (BMP, JPEG, JPG, PNG, TIF, GIF, TXT, PDF).
  • New exclusive feature. Intelligent clean mode, automatically detect memory card speed and save type.
  • New exclusive feature. Hardware defence DS Anti Piracy. No Patch needed.


Oltre al corredo delle funzioni ormai già note e presenti nella Supercard Ds One, quali ad esempio il Real Time Save, il Soft Reset, il Real Time Guide e tutte le altre funzioni di "base" troviamo un motore per i cheat completamente riscritto e decisamente più stabile. Differenza principale rispetto alla precedente generazione di flashcard a marchio Supercard è quindi la presenza di una seconda CPU che dà a questa card un taglio tutto multimediale; infatti grazie alla potenza aggiuntiva on-board innanzitutto sarà possibile godere dell'emulazione del Gameboy Advance (utile soprattutto a coloro i quali non possiedono anche un DS Lite o non vogliono portarsi appresso una seconda console), e come promesso dal Team anche del Super Nintendo. Ma non è di certo finita qui, perchè grazie all'iPlayer potrete anche riprodurre sui vostri DS la vostra collezione di filmati compressi quali DivX ed XviD per esempio. Importante notare come rispetto alla Supercard DS One i qui non venga fornito alcun writer USB; il firmware interno della flash è infatti aggiornabile tramite il DS stesso.

Ancora una volta, quindi, la consueta abbondanza e ricchezza di funzioni cui questo Team ci ha abituato di certo non manca in questo kit; ed anche il prezzo, leggermente più alto (si parla di 30-35 € in media nei vari store online) rispetto alle altre soluzioni su Slot-1, appare assolutamente giustificato. Dopo aver, quindi, esaminato superficialmente le novità offerte dalla Supercard DS Two, è giunta l'ora di mettere le nostre mani sul kit!


--------------------
 Go to the top of the page
 
+Quote Post
Dragon Chan
messaggio Friday 19 November 2010 - 09:53
Messaggio #2

Chan 2.0
Gruppo icone

Gruppo: Veterani
Messaggi: 10.870
Iscritto il: Fri 4 February 2005 - 16:07
Da: Sciacca
Utente Nr.: 3.859
Feedback: 30 (100%)

Nintendo Network ID:
viewtiful.vega



Primo Contatto




Posta la confezione della Supercard DS TWO sul nostro piano di lavoro, la prima cosa che è possibile notare è la sobrietà del nuovo package il cui colore predominante nero conferisce al tutto una certa importanza. La confezione risulta praticamente identica (scelte cromatiche a parte) rispetto a quella della Supercard Ds One i abbandonando definitivamente la lussuosa confezione "a libro", che tanto ci aveva colpito ai tempi della prima Supercard DS One. Al centro della confezione possiamo ammirare il nuovo logo della Supercard DS TWO, mentre nella parte superiore della stessa campeggiano a sinistra l'ormai famoso brand Supercard ed a destra, oltre a quello del Supercard Team, fa bella mostra di sè anche l'emblema dello standard microSD e l'attestazione di compatibilità con le memorie High Capacity fino a 32Gb. Osservando la parte inferiore della confezione, sono invece ben messi in evidenza quelli che possono essere considerati i punti di forza di questa card ovvero il Realtime Save, l'emulazione GBA e l'editor di Cheat. Ognuna delle raffigurazioni presenti sulla confezione sono evidenza ed in rilievo al tatto, piccolezze che rendono comunque più piacevole l'intero package.



Capovolgendo la scatola il colore grigio fa da padrone; in bella vista infatti si può notare il grosso box che elenca tutte le features della card, anticipate poco più su in sede di di introduzione, e nella parte superiore sono presenti tre screenshots del software di sistema, l'EOS. Procedendo infine verso il margine inferiore destro, troviamo nell'ordine l'indirizzo Web a cui raggiungere la pagina del produttore, i marchi di idoneità CE ed infine il codice a barre del prodotto.



Concludiamo così l'esame del package esterno per menzionare la presenza dell'emblema Supercard nelle rimanenti quattro facce della confezione e null'altro.



Una volta aperta la scatola ne esce fuori lo stesso vassoio feltrato già presente nel package della Ds One i; questa volta con due alloggiamenti contenenti rispettivamente la Ds TWO e l'ormai collaudato e sempre presente lettore di microSD. Sotto il vasso feltrato si trova il manuale della card, scelta insolita visto che salvo rari casi come questo difficilmente troviamo presente un manuale cartaceo, anche se di poche pagine. Le istruzioni sono esclusivamente in cinese ed inglese, ma sono sufficientemente chiare per illustrare, anche a chi non mastica di questi kit di backup e sviluppo, la corretta preparazione della microSD da inserire nella flashcard per renderla operativa al primo avvio. Come già avvenuto con la sorella DS One, rileviamo quindi la mancanza di un disco contenente i driver, oramai divenuta una consuetudine anche con i prodotti a marchio Supercard. Giudizio comunque ampiamente positivo per il package adottato dal Team Supercard; il tutto infatti trasuda professionalità e qualità accentuate anche dalla tenace presa degli alloggiamenti che proteggono sia la card che il lettore di microSD.





Dopo aver disincastrato, non senza qualche difficoltà, i due accessori passiamo ad esaminarli e cominciamo dall'ormai onnipresente lettore di microSD, quasi identico a quello in dotazione con la Ds One i, eccezion fatta per il cappuccio non più trasparente ma nero. Come ci ha ben abituato questo Team, neanche stavolta si è lesinato sulla qualità del lettore microSD; abituati a vedere, soprattutto con produttori non proprio di prima scelta, lettori al limite dell'inutizzabilità qui la situazione appare da subito ben diversa. Il lettore in dotazione è infatti in formato pendrive, ovviamente compatibile con lo standard 2.0, e riesce a gestire senza troppe difficoltà le microSD da 4Gb fino a 32Gb (dimensione massima supportata). L'unico appunto che ci sentiamo di muovere al lettore di microSD in dotazione è che ancora una volta l'inserimento della memoria non è completo lasciando esposta, come possibile notare in fotografia, la parte posteriore della microSD che rimane soggetta per tale via a danni accidentali. Ad ogni modo il lettore appare più che buono per l'uso quotidiano, lasciando all'utente finale la scelta se affidarsi comunque ad un altro tipo di card reader.

Qualche parola anche sul manuale della DS TWO; si tratta di un manualetto di appena sei pagine che descrive le funzionalità di base del kit, nonchè i primi step da eseguire per rendere il tutto operativo. Utile quindi solamente a chi non ha mai avuto per le mani una flashcard, appare chiaro che gli utenti più smaliziati non avranno bisogno di guardare il predetto manualetto, ma la sua inclusione nel package finale è sicuramente un fattore positivo, anche se non va a coprire tutti gli aspetti e le funzioni di cui questa card è dotata.



E veniamo quindi alla protagonista indiscussa di questa prova, la DS TWO. Il fronte della flashcard, come ovvio, è interamente occupato dalla sticker di colore nero recante il nuovo logo della Supercard DS TWO, con il bollino 2in1. Tale dicitura, come già riportato precedentemente, sta proprio ad indicare la peculiarità di questo kit ovvero la presenza di una seconda CPU dedicata a compiti specifici ed in grado di far girare brillantemente alcuni applicativi esclusivi, che fanno di questa card un unicum nel panorama delle flashcard. Facendo scorrere leggermente il dito sullo sticker possiamo andare ad individuare senza troppa difficoltà la componentistica interna, segno che ancora una volta è stata lasciata al di fuori della scocca, purtroppo. Le due metà della nostra flashcard sono unite da una piccola vite di precisione, scelta senz'altro preferibile alla colla usata da molti produttori di questi kit.



Lo slot per l'inserimento della microSD si trova nella parte superiore del kit, ed il meccanismo di caricamento della stessa è a molla. Come da sempre avviene con questo produttore i materiali utilizzati sono assolutamente di qualità e la sensazione che si ha prendendo per le mani la DS TWO è quella di avere un gioco originale; niente scricchiolii sinistri quindi, niente incertezze o forme mal sagomate. Il tutto è assemblato con cura e precisione ed anche l'inserimento della cartuccia nell'apposito alloggiamento del Nintendo DSi XL avviene senza troppe difficoltà; come detto in precedenza però, occorrerà un minimo di cura nel maneggiare la DS TWO proprio a causa della componentistica interna coperta dal solo sticker frontale. Dopo esserci soffermati sull'aspetto esteriore della nostra nuova compagna di svago è l'ora preparla per la prima accensione.


--------------------
 Go to the top of the page
 
+Quote Post
Dragon Chan
messaggio Monday 22 November 2010 - 11:10
Messaggio #3

Chan 2.0
Gruppo icone

Gruppo: Veterani
Messaggi: 10.870
Iscritto il: Fri 4 February 2005 - 16:07
Da: Sciacca
Utente Nr.: 3.859
Feedback: 30 (100%)

Nintendo Network ID:
viewtiful.vega



Preparare la Card


Come spesso avviene con le flashcard di tipo Slot-1, a parte qualche rara eccezione come la CycloDS la quale è dotata di un loader interno che consente di saltare a piè pari questo paragrafo, la preparazione della card per il suo corretto funzionamento è operazione veramente semplice.

Il primo passo da compiere è quello di procurarsi l'ultima versione dell'EOS (il kernel o sistema operativo che dir si voglia) disponibile per la DS TWO; per fare ciò potrete scaricare il file o dalla nostra fornita Area Files o direttamente dal Sito del Produttore. Specifichiamo subito che esistono due versioni del package contenente l'EOS; una più leggera che ha dentro solamente i files del sistema operativo vero e proprio ed un secondo archivio (pesante quasi 50MB) che invece rappresenta la release completa anche di alcuni plugin fondamentali, quali ad esempio l'emulatore GBA o l'iReader.

Ad ogni modo qualunque sia la versione che deciderete di scaricare, il secondo passo da eseguire sarà quello di decomprimere il relativo archivio nella directory principale (root directory) della vostra microSD. I propri dump potranno essere inseriti ovunque, anche creando nuove cartelle per meglio organizzarli. Andiamo ad analizzare le cartelle contenute nell'archivio "completo" dell'EOS; al suo interno troveremo cinque cartelle.
  • Cartella _dstwo contenente i files di sistema, da non toccare assolutamente se non si è assolutamente sicuri di cosa si stia facendo;
  • Cartella _dstwoplug dedicata all'inserimento dei nostri Homebrew e dei plugins esclusivi della DS TWO;
  • Cartella iReader, contenente il lettore di e-book;
  • Cartella moonshl2 contenente i files del Moonshell;
  • Cartella NDSGBA, creata dal plugin dell'emulatore GBA. Al suo interno altre cinque cartelle, di interesse solo quella denominata "gamecht" dove inserire i cheat e quella chiamata "gamepak" dove caricare i propri dump del gameboy advance in formato .GBA.


Per quanto riguarda invece l'aggiornamento firmware della card, lo stesso si esegue (quando ce ne sarà bisogno, al momento infatti le nuove card montano di fabbrica già l'ultimo firmware disponibile) copiando il file ds2update.dat sulla propria microSD ed eseguendolo. L'ultima versione disponibile del firmware della DS TWO, al momento in cui scriviamo questa recensione, è la 1.05. Fatte queste semplici operazioni sarete pronti per inserire nello Slot-1 dei vostri DS la card appena preparata; come prima accennato la pressione da eseguire per inserire correttamente la card sarà leggermente maggiore rispetto a quella che sarebbe necessaria per una cartuccia standard, ciò dovuto allo spessore che la CPU crea con lo sticker adesivo, maneggiare con cura quindi.





Dopo aver visto come si presenta la card inserita nello Slot-1 del DSi XL, è finalmente ora di alimentare la console ed osservare l'EOS in azione.


--------------------
 Go to the top of the page
 
+Quote Post
Dragon Chan
messaggio Wednesday 24 November 2010 - 14:47
Messaggio #4

Chan 2.0
Gruppo icone

Gruppo: Veterani
Messaggi: 10.870
Iscritto il: Fri 4 February 2005 - 16:07
Da: Sciacca
Utente Nr.: 3.859
Feedback: 30 (100%)

Nintendo Network ID:
viewtiful.vega



GUI & Sistema Operativo




Esaminata con cura la card ed il suo relativo package è giunto finalmente il momento di vedere all'opera l'EOS, ma prima di iniziare una piccola precisazione appare d'obbligo; ricordiamo a quanti fossero interessati all'acquisto, che il kit in questione è perfettamente utilizzabile su tutti i modelli di DS, sia i nuovi DSi/XL che i più vecchiotti Classic/Lite con identica interfaccia.

La prima cosa che si nota acceso il DS è che la DS TWO, analogamente a quanto avviene con altri kit, ha perso la possibilità di autoavviarsi e saltare l'health screen Nintendo. Il metodo di avvio è ormai quello della maggior parte dei kit compatibili con DSi/XL, ovvero la presenza di una fake signature per aggirare la tecnologia RSA BSAFE™ alla base delle console DS; nella fattispecie l'icona del canale gioco riporterà la dicitura "Fish Tycoon".

Tocchiamo quindi l'icona gioco per dare il via al caricamento del kernel e dopo pochi secondi di caricamento ecco come si presenterà il nostro DSi:



Da subito appare evidente la novità del nuovo EOS; il lancio degli homebrew (qui chiamati plugin) avviene da questo primo menù ad icone. Man mano che aggiungerete i vostri homebrew preferiti sulla vostra microSD, è in questo menù che vedrete aggiungersi la relativa icona. Occorre infatti specificare che quasi tutti i più rinomati homebrew sono stati infatti "convertiti" in plugin utilizzabili sulla DS TWO, e per farlo basterà semplicemente scompattarli nell'apposita cartella _dstwoplug poco più su menzionata.

All'interno della cartella "plugin" infatti, oltre al file .NDS dell'homebrew sono contenuti rispettivamente il file .BMP relativo all'icona da visualizzare nell'EOS ed il file .INI che contiene le informazioni necessarie per il corretto funzionamento del tutto. Andiamo ad esaminare la struttura del file .INI relativo al Moonshell:

CODICE
[plug setting]
icon=fat1:/_dstwoplug/MoonShell2.bmp
name=MoonShell


Come si evince dalla struttura del file .INI, sarà possibile specificare un path diverso dal quale far caricare i propri homebrew ed il nome da visualizzare, questo ovviamente per coloro i quali amano avere il controllo completo sul proprio dispositivo. Parlando dell'aspetto grafico dell'EOS è a dirsi che l'intera interfaccia è comunque skinnabile; per quanto concerne questa prima parte del sistema operativo, per cambiargli aspetto basterà caricare nella cartella /_dstwo/plug/ la vostra skin preferita. Se amate la personalizzazione estrema anche da questo punto di vista la DS TWO è una soluzione assolutamente interessante.




Toccando l'icona DS_GAME entreremo nel secondo menù dell'EOS, dal quale oltre a poter lanciare i nostri giochi preferiti potremo anche effettuare una serie di operazioni con i nostri files, quali ad esempio il copia/incolla o la cancellazione dei dati stessi dalla microSD. Ma andiamo con ordine e cominciamo la disamina dei vari menù premendo il tastino "start" in basso a sinistra, in pieno stile windows. Si aprirà un box contenente altre cinque voci di menù:

File Operation:è da questo menù che gestirete le varie opzioni offerte dal file system, come copia e incolla o anche la semplice cancellazioni di files obsoleti, anche se purtroppo tutte le relative operazioni saranno limitate ad file per volta. Andiamo ad esaminare le voci presenti:
  • Copy
  • Cut
  • Paste
  • Delete
Skin: da qui sarà possibile cambiare l'aspetto grafico dell'interfaccia. Questa volta le varie skin andranno installate nella cartella /_dstwo/ui e dovranno essere inserite ognuna all'interno della propria cartella, che verrà mostrata proprio grazie a questo menù.
Language: grazie a questo comodo selector potrete impostare l'idioma preferito tra i molti già inclusi, compreso l'italiano, anche se noi abbiamo preferito lasciare selezionata la lingua inglese.
System Settings: aprendo questo menù sarà possibile operare sulle impostazioni del sistema operativo della card, al suo interno troverete queste voci:
  • Display: possibile scegliere tre diversi stili di visualizzazione delle icone. Le scelte possibili sono Icon che vi mostrerà i files come fossero disposti in una griglia e potrete visualizzare 12 voci contemporaneamente, List per la visualizzazione classica con l'icona del gioco e lo scorrimento verso il basso e che mostrerà 4 voci per volta e Text che mostrerà esclusivamente i files con il loro nome senza alcuna icona. Cambiando modalità di visualizzazione dei files cambierà anche la quantità di testo mostrata a schermo; scegliendo la modalità a "griglia" infatti verranno visualizzati solo 6-8 caratteri, scegliendo la modalità "lista" i caratteri mostrati saranno circa 11-12, infine selezionando la modalità testuale si disporranno di circa 30 caratteri per visualizzare i nomi dei files.
  • Brightness: da qui si potrà regolare l'intensità dell'illuminazione dell'LCD del Nintendo DS. Presenti solo 4 livelli di illuminazione per la compatibilità con i vecchio Ciccio e Lite; ricordiamo ai possessori di DSi e XL che per regolare on the fly la retroilluminazione basterà premere la combinazione di tasti SELECT+VOLUME + e -.
  • Full/Simple Hotkeys: da qui potrete settare tutte le varie hotkeys e le relative funzioni.
  • Files: tramite quest'ultimo menù sarà possibile decidere quali tipi di file visualizzare nel menù. Le scelte possibili sono quattro e sono: NDS, NDS & Sav, GBA & Sav, All.
  • Gba Extend: menù del tutto inutile a chi possiede un DSi/XL ed utile solo a quanti utilizzano la card su un DS Ciccio/Lite in congiunzione con un flashcard GBA o un gioco GBA che supporta tale funzione di "link". Tale menù consente anche di attivare la funzione rumble.
  • Help: schermata d'aiuto che mostrerà le funzioni associate ai vari tasti del ds.







Terminata la prima breve disamina sulle funzioni dell'EOS proviamo a lanciare un dump qualsiasi tramite la pressione del tasto A. Dopo pochi secondi, uno splash screen ci avviserà del caricamento del gioco che avverrà mediamente in un tempo che va dai due ai quattro secondi. Una volta caricato il nostro gioco sarà possibile accedere al nuovo enhanced menù della Supercard DS TWO tramite la pressione dei tasto L+R+Start o L+R+Select.



Questo menù, accessibile esclusivamente una volta in-game, conterrà sei nuove voci, eccole nel dettaglio:

GameGuide: la funzione gameguide consente di visualizzare file di testo o anche un file .bmp mentre si gioca. Comodo se si dispone del file .txt contenente la soluzione del gioco e la si vuole consultare mentre si sta giocando. Il file con la soluzione deve essere trovarsi nella stessa directory del gioco e deve chiamarsi esattamente come il vostro gioco .NDS (es. Metroid.nds e Metroid.txt).
Cheat: questa sezione consente di usare i cheat memorizzati per ogni gioco, contenuti nel file usrcheat.dat. Tale file andrà posizionato nella cartella /_dstwo e le "gabole" potranno essere attivate o disattivate in tempo reale.
Realtime Load/Save: funzione ormai rinomata che consente il salvataggio della propria posizione di gioco anche quando questo non è consentito. La DS TWO mettere a disposizione dell'utente ben quattro slot per ogni gioco. Con il menù Load sarà possibile ripristinare in qualunque momento il proprio salvataggio.
Slow Motion: altro non è che il famoso "rallentatore" che permette di venire incontro ai giocatori più inesperti nelle fasi di gioco più concitate. Possibile scegliere fra cinque diverse intensità (0-25-50-75-100%).
Free Cheat: trattasi del nuovo motore "scopri-gabole"; i giochi più nuovi ovviamente non avranno i cheat già listati e pronti all'uso contenuti nel file usrcheat.dat e quest'opzione consentirà di ricercare all'interno del vostro nuovo gioco nuovi trucchi, in maniera del tutto autonoma!

Da ultimo, occorre notare i due pulsanti cliccabili agli angoli in alto a sinistra ed a destra. Il pulsante nell'angolo in alto a sinistra (cliccabile esclusivamente sul touch screen e non selezionabile col D-PAD) servirà per ritornare al menù iniziale della Supercard, mentre quello nell'angolo in alto a destra ci riporterà in-game.


--------------------
 Go to the top of the page
 
+Quote Post
Dragon Chan
messaggio Wednesday 1 December 2010 - 19:57
Messaggio #5

Chan 2.0
Gruppo icone

Gruppo: Veterani
Messaggi: 10.870
Iscritto il: Fri 4 February 2005 - 16:07
Da: Sciacca
Utente Nr.: 3.859
Feedback: 30 (100%)

Nintendo Network ID:
viewtiful.vega



Compatibilità e Performance


Preparati svariati homebrew ed emulatori, cui sarà dedicato un paragrafo a parte in pieno stile OpenRL, nonchè il software commerciale è giunto il momento di mettere sotto torchio la DS TWO e vedere se alle ottime premesse corrisponderà un effettivo riscontro sul campo di "battaglia". L'hardware utilizzato per condurre le prove è stato il seguente:

DSi XL colore vinaccia (firmware 1.4.0E)
DSi XL colore vinaccia (firmware 1.4.1E)
Ds Lite v7 (firmware originale)
Supercard DS TWO con E.O.S. 1.8, firmware 1.5 e ultimo system3.dat
MicroSD Sandisk 4GB
MicroSD Kingston 4GB
MicroSD 4 GB A-Data Class 6

Giochi DS

Tra le funzioni più interessanti della DS TWO c'è sicuramente quella chiamata AP, abbreviazione che sta per Anti Piracy, ovvero la possibilità di bypassare on-the-fly le più recenti protezioni antipirateria anche senza bisogno di aggiornarmenti firmware. Abbiamo quindi testato parecchi giochi problematici o con protezioni particolarmente stringenti che fossero indice della bontà delle soluzioni adottate dal Team Supercard. Questa la lista dei titoli particolarmente "ostici" testati con relativo commento breve:

  • Castlevania: Dawn of Sorrow - FUNZIONA (il video iniziale viene riprodotto senza lag di sorta)
  • Castlevania: Portrait of Ruin - FUNZIONA (nessun freeze riscontrato dopo ripetuti accessi al menu di pausa)
  • Mario & Luigi: Viaggio al Centro di Bowser - FUNZIONA (l'antipirateria impedirebbe di selezionare il salvataggio dal menu).
  • Art Academy - FUNZIONA (l'antipirateria farebbe crashare il gioco dopo il tutorial).
  • C.O.P. - The Recruit - FUNZIONA (il gioco ha centinaia di check antipirateria, effettuati casualmente, che provocano un crash del gioco. Nei test sono state completate un paio di missioni senza riscontrare alcun problema).
  • Jam with the Band - FUNZIONA (il gioco ha un salvataggio non standard da 8 MB per ospitare i brani personalizzati, questi ultimi vengono riconosciuti senza problemi).
  • Grand Theft Auto: Chinatown Wars - FUNZIONA (l'antipirateria impedirebbe l'avvio del gioco). (l'antipirateria farebbe crashare il gioco dopo il tutorial).
  • Pokémon Versione Argento: SoulSilver - FUNZIONA (l'antipirateria causerebbe crash sempre più frequenti proseguendo nella storia, nessuno di essi è stato riscontrato).
  • Il Professor Layton e il Futuro Perduto - FUNZIONA (l'antipirateria impedirebbe di visualizzare le cutscene e causerebbe un crash dopo il primo enigma).
  • Picross 3D - FUNZIONA (l'antipirateria impedirebbe l'avvio del gioco, inoltre il salvataggio è non standard, da 1 MB).
  • WarioWare: Do It Yourself - FUNZIONA (il gioco ha un salvataggio non standard da 32 MB per ospitare i minigiochi personalizzati, questi ultimi vengono riconosciuti senza problemi).
  • Yu-Gi-Oh! 5D's World Championship 2010 - FUNZIONA (l'antipirateria causerebbe dei crash casuali durante il gioco).
  • Alice in Wonderland - FUNZIONA (l'antipirateria renderebbe i nemici invincibili).
  • Dragon Ball: Origins 2 - FUNZIONA (l'antipirateria impedirebbe di superare la schermata di selezione del salvataggio).
  • Last Window: The Secret of Cape West - FUNZIONA (l'antipirateria causerebbe dei crash casuali durante il gioco).
  • The Legend of Zelda: Spirit Tracks - FUNZIONA (l'antipirateria nasconderebbe alcuni controlli del treno, rendendo impossibile proseguire).
  • Sonic Classic Collection - FUNZIONA (il gioco è compilato con l'SDK DSi, ciò ha causato problemi a numerose flashcard).


Come possibile notare dai risultati la card ha superato brillantemente tutte le prove cui l'abbiamo sottoposta, anche con giochi di recentissima produzione. Cento per cento di successo quindi, anche se dai ragazzi Supercard onestamente non ci saremmo aspettati niente di meno. Passando invece alla lista dei giochi per così dire "normali" i nostri test sono proseguiti provando i seguenti giochi:

  • 42 Classici senza Tempo (funziona ma ci sono problemi per l'apertura del menu ingame)
  • New Super Mario Bros.
  • Phoenix Wright: Ace Attorney
  • Mario Kart DS
  • Metroid Prime: Hunters
  • Pokémon Versione Diamante
  • Jump! Ultimate Stars (con patch italiana)
  • Puzzle Quest 2
  • Dragon Quest IX
  • Trauma Center: Under the Knife
  • Scribblenauts
  • Space Invaders Extreme 2
  • Metroid Prime Pinball
  • Harry Hatsworth in the Puzzling Adventure
  • Great Giana Sisters DS
  • Osu! Tatakae! Ouendan
  • The Legend of Zelda: Phantom Hourglass
  • Lego Star Wars: The Complete Saga
  • Might & Magic: Clash of Heroes
  • Animal Crossing


Funzionamento dell'AntiPiracy, in che modo le card risolvono il problema


Ad oggi, per il 99% dei giochi è stato utilizzato sempre lo stesso metodo per differenziare una flashcard da una cartuccia originale. Le schede ufficiali, infatti, impediscono al codice del gioco la lettura dei primi 8000 byte della ROM, a differenza delle flashcard: Nintendo, accortasene, ha cominciato a implementare controlli antipirateria (in breve, il gioco prova ad accedere a questa parte della ROM, se ci riesce vengono attuate le "contromisure" più svariate). Ci sono due modi per ovviare a ciò:

1) il codice del gioco può essere modificato "al volo" prima di essere eseguito dalla card, rimuovendo i controlli del tutto. Nonostante sia più semplice da mettere in pratica, in questo modo quasi sempre è necessario sviluppare patch diverse per ogni singolo gioco. Tale metodo è utilizzato ad esempio dall'autopatcher della CycloDS e dai firmware della stragrande maggioranza della card.
2) la flashcard può simulare il comportamento delle card originali, senza rimuovere i controlli dal gioco. Questo metodo è più pulito, e oltre che dalla DSTWO è attualmente messo in pratica dalla EZ Vi e dall'AceKard 2i con l'ultimo AKAIO.

Homebrew

Possiamo ormai affermare con una certa sicurezza che da tempo la questione compatibilità homebrew (perlomeno nelle flashcard di qualità) è stata abbondantemente superata. Ciò non di meno non potevamo esimerci dal condurre questo tipo di prove anche sul nostro nuovo hardware. Se avete letto fin qui avrete già capito che questa card distingue l'avvio degli homebrew (che verranno lanciati dal primo menù ad icone) dai normali dump (avviati tramite il "secondo livello" del menù principale). Ad oggi praticamente tutti gli homebrew esistenti (o quasi) sono stati "convertiti" per essere installati direttamente nella cartella plugins della DS TWO, quindi anche qui la compatibilità assicurata è molto elevata. Vediamo quali homebrew siamo riusciti ad avviare con successo:

PicodriveDS
ColecoDS
NesDS
ScummVM
Lameboy
StellaDS
Comic Book DS
Nitrotracker
Open Tyrian
Pocket Physics
NewDictS 0.8 pre8
DS85 rev3
PokèsavDS rev11
( è necessario tuttavia copiare il .nds anche nella root, dato che l'OS non passa l'argv [percorso dell'homebrew sulla SD])


Plugin Ufficiali ed Emulatori

E veniamo, finalmente, al piatto forte a quelle caratteristiche uniche ed esclusive che fanno della DS TWO una cartuccia veramente unica. Stiamo parlando ovviamente dei plugin ufficiali di cui questa card può avvantaggiarsi, alcuni dei quali veramente innovativi. Vediamo quali sono, ad oggi, i plugin rilasciati e le loro relative funzioni:

DS TWO GBA
Trattasi dell'ormai famigerato emulatore del Gameboy Advance che consente alla DS TWO di lanciare roms in formato .GBA, rendendola così di fatto l'unica card su Slot-1 (insieme alla I-Player, che però ricordiamo non ha compatibilità con i dump .NDS) a potersi fregiare di tale caratteristica. L'emulatore in questione è un porting diretto della versione Dingoo del gpSP, opera del grandissimo Exophase, che tanto successo ha avuto sia su PSP che su GP2X. Dalle nostre prove è emerso che tale emulatore è sicuramente buono, ma che una soluzione dedicata (anche con una semplice EZ3in1) ove possibile (leggasi presenza dello slot-2) rimane ancora di gran lunga preferibile.



Le performance di quest'emulatore dipenderanno da una serie di fattori, tra cui in primis la "pesantezza" della rom che si cerca di far girare. Infatti i giochi più intensivi per la CPU purtroppo non verranno emulati alla perfezione o full-speed (quindi 60fps fissi) e sarà necessario scendere a compromessi utilizzando il malefico ed odiato frameskip. Occorre anche considerare che la lentezza dello slot-1, divenuto oramai vero e proprio collo di bottiglia, per quanto concerne questo tipo di applicazioni, di certo non aiuta a migliorare la situazione. Per velocizzare il tutto, ad ogni modo, sarà possibile settare la velocità della CPU dedicata all'emulazione selezionando il menù "OTHER", e cambiando il valore dell'opzione "CPU FREQUENCY" da 1 a 4 dove il valore 4 sarà quello più elevato e quindi più veloce. Durante i nostri test abbiamo rilevato un grande consumo di batteria durante l'uso intensivo degli emulatori, altro fattore da non sottovalutare magari quando si è lontani dalla presa di corrente. Presente ovviamente la possibilità di utilizzare i savestates ed i cheats oltre che quella di realizzare degli snapshots del proprio gioco. La compatibilità dell'emulatore è comunque abbastanza elevata e tenendo conto che si tratta di una funzione in più offerta da questa card non ci si può, tutto sommato, lamentare. Ci si augura che venga costantemente migliorato e che il Team Supercard trovi il modo di ottimizzarne le performance.

NDS-SNES
Altro pezzo da novanta annunciato in pompa magna dal Team Supercard è l'emulatore di Super Famicom/Super Nintendo, porting del famigerato SNES9X. Graficamente si nota sin da subito l'assonanza con l'emulatore GBA con cui divide praticamente ogni aspetto dell'interfaccia. I ragazzi di ROMMAN hanno specificato come fosse impossibile scalare perfettamente la risoluzione del Super Nintendo alla risoluzione nativa del DS, motivo per cui in quest'emulatore potremo utilizzare ben quattro diversi "Display Modes" che, di volta in volta, taglieranno una diversa porzione di schermo per garantire il corretto aspect ratio dell'immagine. A nostro avviso la soluzione migliore è quella di provare per ogni gioco quale modo, tra i quattro disponibili, si adatta meglio al gioco che state provando. Presente anche qui il selettore per la frequenza della CPU, nell'ormai consueta scala da 1 a 4; duole purtroppo notare che non è presente il selettore per attivare o disattivare il frameskip. Questo si traduce, per l'appunto, in un'emulazione con un costante frameskip in ogni gioco; molti sono assolutamente godibili ma chi pretende emulazione con frameskip zero (ovvero fluidità assoluta) rimarrà deluso e dovrà volgere le proprie attenzioni altrove (wiz). I giochi possono essere caricati ovunque sulla microSD, ma per comodità si consiglia di installarli direttamente all'interno della cartella gamepak dell'emulatore stesso.



In ogni caso stiamo pur sempre parlando di un porting dello SNES9X, il che si traduce comunque in compatibilità elevatissima, supporto alle rom zippate, savestates e cheats solo per citare alcune delle sue caratteristiche. Certo, come già anticipato, non siamo ai livelli di quasi perfezione del PocketSnes per Wiz e probabilmente non lo saremo mai, ma ricordiamoci che siamo pur sempre sul DS dove la potenza bruta è merce piuttosto rara. Un compagno praticamente obbligato per ogni possessore di DS TWO che si rispetti, portarsi dietro in un'unica cartuccia il meglio dei propri giochi appartenenti all'era 16-bit non ha davvero prezzo.

MAME
Alzino la mano quanti, fra i nostri affezionati lettori, non conoscono il M.A.M.E (ed in quel caso ci sta una tiratina d'orecchie), il fenomenale emulatore di macchine da sala giochi, creatura del nostrano Nicola Salmoria. Non volendosi far mancare proprio niente i ragazzi del Team Supercard hanno mandato i loro kit ai più talentuosi coder della scena homebrew e Alekmaul ha raccolto il loro invito realizzando il porting del mame, in esclusiva per la DS TWO. Dopo aver scaricato il pacchetto dell'emulatore ci troveremo di fronte a più scelte possibili; sul DS si è infatti deciso di "spezzettare" l'emulatore in tante versioni diverse a seconda del driver su cui i giochi caricati girano. Troveremo così un'icona per i giochi Capcom, una relativa a quelli Konami, una relativa a quelli Irem e così via. Non si può certo dire che sia una scelta comoda, ma immaginiamo che i limiti hardware e di memoria del DS abbiano imposto una soluzione del genere. Ricordiamo a quanti fossero interessati, che i giochi vanno installati all'interno della cartella roms .





Una volta entrati nel menù l'aspetto grafico sarà quello cui siamo abituati ormai dalle versioni Wiz, Caanoo e Dingoo. Ribadiamo ancora una volta che il set compatibile con questa versione del M.A.M.E. è lo 0.37b5 quindi prima di poter giocare correttamente con quest'emulatore sarà necessario procurarsi le giuste ROM (usando programmi di rebuild del proprio set come clrmamepro ad esempio) perchè solo con quelle l'emulatore non restituirà le classiche schermate d'errore. Una precisazione è d'obbligo; l'emulatore seppur già buono (si tratta pur sempre della prima release) è apparso con alcuni giochi e alle alte frequenze piuttosto instabile, costringendoci certe volte allo spegnimento della console, dopo il blocco totale della stessa. Non è ancora possibile variare la frequenza dell'audio, guadagnando così preziosi FPS; forse nelle prossime release del plugin assisteremo anche ad un miglioramento generale di stabilità e performance. In ogni caso si tratta di un altro pezzo di software da scaricare ed inserire immediatamente nella propria cartella plugin.



iPlayer
L'iPlayer è un completo mediaplayer che si avvantaggia della seconda CPU onbard sulla DS TWO. Grazie a questo comodo plugin sarà possibile così riprodurre sui propri handheld, e senza conversione alcuna, una grande quantità di files multimediali. Secondo quanto riportato nel readme ufficiale, l'iPlayer è in grado di visualizzare correttamente files video di tipo RMVB/RM/FLV/WMV/ASF/AVI (fino ad una risoluzione di 640x480 senza scatti) e con supporto ai sottotitoli con formato .srt e .sub. Per quanto concerne invece il lato prettamente audio, l'iPlayer supporta nativamente i files di tipo .mp3/wma/flac/ape, praticamente tutti i formati più diffusi. L'utilizzo del programma è assolutamente semplice ed intuitivo ed è un plugin anch'esso che non deve mancare nella vostra collezione, estendendo e di molto le capacità multimediali del Nintendo DS e rendendo la visione dei propri filmati operazione estremamente semplice.



iReader
Trattasi del lettore di e-book dedicato e pensato per garantire una maggiore compatibilità rispetto agli altri homebrew di questo tipo, in genere limitati al semplice supporto di files .TXT. Qui il discorso è diverso e, almeno sulla carta, viene garantita la compatibilità con i files .TXT, .PDF, .HTML e .INI. Per quanto concerne il supporto a files grafici risultano supportate e correttamente visualizzate le immagini in formato .BMP, .JPEG, .PNG, .TIF e .GIF (le gif animate non sono supportate). Possibile anche cambiare il font per rendere più scorrevole e confortevole la lettura dei vari e-book.


--------------------
 Go to the top of the page
 
+Quote Post
Dragon Chan
messaggio Monday 6 December 2010 - 12:30
Messaggio #6

Chan 2.0
Gruppo icone

Gruppo: Veterani
Messaggi: 10.870
Iscritto il: Fri 4 February 2005 - 16:07
Da: Sciacca
Utente Nr.: 3.859
Feedback: 30 (100%)

Nintendo Network ID:
viewtiful.vega



Conclusioni


Siamo così giunti al termine di questa recensione, sperando di non esser stati troppo prolissi nella trattazione di certi argomenti che sappiamo interessare molti di voi. La curiosità attorno a questo prodotto era tanta ed era giusto concedergli più spazio del dovuto nei nostri test. Questa card ha il grande pregio di introdurre, finalmente, qualche novità di rilievo nel vasto e variegato (ma oltremodo piatto) mondo delle flashcard. Inutile girarci intorno; la DS TWO conquista il gradino più alto del podio, un traguardo raggiunto non a caso ma facendo tesoro dell'esperienza maturata dal proprio Team, capace come pochi di raccogliere il feedback della propria utenza e di sfruttarlo correttamente, dotando i propri prodotti delle funzioni maggiormente richieste.

La DS TWO si distingue quindi dal resto delle flashcard che oggi affollano il mercato; la scelta di inserire all'interno della cartuccia una seconda CPU deputata a compiti particolari si è rivelata senza dubbio vincente, il tutto senza un aggravio di costi esagerato che pesasse sulle spalle dell'utente finale. Il prezzo di vendita infatti, sebbene leggermente più alto della media degli altri kit, appare assolutamente giustificato da tutta quella serie di funzioni esclusive di cui abbiamo ampiamente parlato poc'anzi in sede di recensione. Emulazione SNES dedicata, emulaziona GBA su slot-1, il MAME ma anche l'iPlayer sono caratteristiche che non troverete da altre parti e che solo la DS TWO in questo momento può offrire. Se questo sarà sufficiente a farvi scattare la molla dell'acquisto starà a voi stabilirlo. Certo tanta potenza si paga, soprattutto in termini di consumo energetico; quando la seconda CPU entrerà in funzione, o verrà overclockata, la batteria si consumerà più rapidamente rispetto al normale utilizzo con i dump .NDS, ma è uno scotto da pagare necessariamente per avere un'emulazione che sia quantomeno decente.

Migliorato anche il lato software con l'E.O.S. che appare semplice da utilizzare, reattivo ai comandi e finalmente con un'interfaccia ordinata e non troppo confusionaria. Le opzioni a disposizione dell'utente sono parecchie e ben ordinate, le funzioni come il Real Time Save (introdotta proprio da questo Team, almeno dal lato NDS) o il Real Time Guide, sono talmente trasparenti e perfettamente funzionanti che non appare nemmeno necessario dedicare a loro paragrafi appositi, anche alle prese con i giochi più ostici il tutto non ha mai dato il minimo problema.

E' quindi arrivato il momento di tracciare un breve riassunto dei pro e dei contro:

Pro
+Compatibilità praticamente totale
+Presenza della funzione AP che garantisce il bypass delle più recenti protezioni
+Interfaccia molto chiara e totalmente skinnabile
+Estremamente semplice aggiornare l'E.O.S.
+Emulazione GBA su slot-1
+Presenza di plugin esclusivi quali ad esempio il MAME
+Presenza dell'iPlayer per fruire dei contenuti multimediali senza dover convertire alcunchè
+Real Time Save assolutamente perfetto
+Real Time Guide migliorato, con supporto ai files grafici
+Motore dei cheat particolarmente solido e nuova funzione FreeCheat
+Compatibilità assicurata anche con i vecchi modelli di DS
+Aggiornamenti frequenti ed affidabilità del costruttore


Contro
-Non è presente alcun miniCD con i driver o con l'E.O.S.
-Manuale utente troppo stringato ed inadeguato
-La scocca non copre la componentistica interna, funzione delegata al solo adesivo frontale
-Emulazione GBA migliorabile


Packaging
Materiali
Compatibilità
Funzioni Speciali

Recensione scritta da Dragon Chan per GbaRL.it. Si ringrazia Davi92 per l'aiuto offerto durante la recensione. La riproduzione della stessa, senza il consenso dell'autore, è severamente vietata al di fuori del NetworkRL.


--------------------
 Go to the top of the page
 
+Quote Post

Closed TopicStart new topic
1 utenti stanno leggendo questa discussione (1 visitatori e 0 utenti anonimi)
0 utenti:

 

Modalità di visualizzazione: Normale · Passa a: Lineare · Passa a: Outline


RSS Versione Lo-Fi Oggi è il: Mon 29 May 2017- 06:56

.: GBArl.it :. Copyright © 2003-2015, All Rights Reserved.
Loghi, documenti e immagini contenuti in questo Sito appartengono ai rispettivi proprietari,
e sono resi pubblici sotto licenza Creative Commons

Creative Commons License
.::.