IPB

Benvenuto Visitatore ( Log In | Registrati )

Seguici su:    
 
Closed TopicStart new topic
> [RECENSIONE] AceKard R.P.G. - 8G PRO
Evrain
messaggio Friday 7 September 2007 - 09:04
Messaggio #1

The Evra Powwah! (Pirla)
Gruppo icone

Gruppo: Veterani
Messaggi: 10.824
Iscritto il: Fri 24 December 2004 - 19:38
Da: Nosgoth
Utente Nr.: 3.467
Feedback: 0 (0%)




AceKard R.P.G. - 8G PRO
[ English Version | Versione Italiana ]


Link Utili
Homepage: www.acekard.com
Aggiornamenti: Area Files di GbaRL.it


Our thanks to Acekard Team and their outlet BambooGaming.com for the sample provided.

Di acqua sotto i ponti da quando il primo design di tipo Slot-1 venne presentato ai siti di settore ne è passata davvero tanta: dopo i primi, acerbi tentativi, tutti i maggiori team si sono adeguati, sfornando flashcard sempre più perfette e sempre più libere da problemi e macchinosi procedimenti pre-utilizzo. Ovviamente, ora si è arrivati ad un punto dove di cose da aggiungere ne sono rimaste davvero poche, se non addirittura nessuna.
Molti di voi avranno già sentito parlare del Team Acekard, entrato in scena proprio con soluzioni Slot-1, sebbene queste non abbiano goduto di eccessiva popolarità. Dopo l'AceKard, eccoli tornare all'arrembaggio con una card davvero atipica: la AceKard R.P.G.

Introduzione & Caratteristiche

L'acronimo nel nome di questa unità sta per Real Play Gear, ovvero un prodotto che, secondo le intenzioni del team, offra massima semplicità all'utente meno esperto e piena flessibilità all'hacker più smaliziato ed al programmatore più esigente, con solido supporto sia ai giochi che agli homebrew.


Nel momento in cui scriviamo, la flashcard non è ancora disponibile per l'acquisto: il campione fornitoci dal team, per quanto sia da considerarsi completo e stabile sul lato hardware, non è ancora definitivo nel packaging. Ad ogni modo, di ciò si discuterà ampiamente nella recensione vera e propria.

Per adesso, andiamo ad esaminare le caratteristiche della card, come forniteci dal produttore:
  • Dual Memory System: una memoria NAND ad alta velocità integrata da 8Gbit (1 Gbyte) ed uno slot per memoria microSD/TF esterna
  • Supporto SDHC : l'ultimissima evoluzione dello standard Secure Digital consente di utilizzare memorie fino a 8Gbytes, con impressionanti capacità di memorizzazione
  • Full Compatibility: compatibilità del 100% con i Clean Dump, nessun patcher esterno
  • DLDI Autopatching: trovare il giusto driver DLDI non sarà più un problema, gli homebrew partiranno senza bisogno di modifiche
  • PassCard: la cartuccia integra funzioni di PassCard di terza generazione, utilizzabile anche con flashcard Slot-2
  • “Quick Exchange” Technology: i file possono essere copiati da microSD a NAND e viceversa, senza bisogno di usare un PC
  • Auto Save Type Detection: il salvataggio del gioco/homebrew viene determinato automaticamente, o lasciato a discrezione dell'utente
  • U-Disk: la memoria NAND può essere utilizzata come flash drive, grazie al connettore mini USB integrato (standard USB 2.0)
  • Auto Trimming: qualsiasi file, gioco o homebrew, viene ridotto alle minime dimensioni possibili durante il trasferimento su NAND.
  • Open Source OS: il sistema operativo, facilmente skinnabile e completamente touch, è modificabile a piacimento tramite i sorgenti (reperibili nella nostra Area Files, ad esempio)
  • "Write Balance" Technology: un sistema di utilizo uniforme della NAND consente una durata superiore del chip di memoria
  • Scrittura diretta salvataggi: invece di essere salvati su memoria a batteria, i salvataggi vengono preservati nella NAND fino alla successiva riaccensione, quando vengono definitivamente scritti su memoria/microSD
Ma non è tutto: alla lista qui riportata, valida per le unità retail, si aggiunge anche la promessa, negli aggiornamenti futuri, di supportare salvataggi multipli ed i trucchi di gioco per Action Replay. Di certo non possiamo dire di non essere rimasti impressionati dalla lista features di qusta flashcard, poichè per la prima volta, affiancate alle normali caratteristiche delle sue concorrenti, troviamo capacità peculiari, come la duplice memoria, un sistema di getione files completamente integrato nel sistema operativo e la libera modificabilità dello stesso.

Update - 24/02/2008: confermiamo il mantenimento delle promesse da parte del produttore. L'impegno profuso, unito alla libera modificabilità del software, ha portato notevoli aggiunte a questa lista. E' ora infatti supportato lo standard codici Action Replay, nonchè un sistema di "scorciatoie" creabili per raggiungere giochi e programmi con la massima celerità, DS-Linux è pienamente in grado di sfruttare la doppia memoria e, cosa non irrilevante, la EZ V 3-in-1 è supportata direttamente dall'OS, eliminando persino la necessità di utilizzare patcher esterni in buona parte dei casi.

Insomma, sulla carta pare un kit di sviluppo a dir poco esagerato, facile da usare ma con un occhio di riguardo verso hacker e programmatori. Sarà davvero così? E' il momento di scoprirlo.


--------------------
Just keep tryin'
Keep on flyin'
I will be the light...

- from Last Exile: Cloud Age Symphony -


Togisumasareta tsume wo hate ima kagayaku tame ni sono kiba wo muke...
Shiren wa norikoerarenai hito ni osoikakari wa shinai!

- from Megaman X8: Wild Fang -


Proud supporter of EVAC Industry co.ltd.
 Go to the top of the page
 
+Quote Post
Evrain
messaggio Wednesday 26 September 2007 - 14:12
Messaggio #2

The Evra Powwah! (Pirla)
Gruppo icone

Gruppo: Veterani
Messaggi: 10.824
Iscritto il: Fri 24 December 2004 - 19:38
Da: Nosgoth
Utente Nr.: 3.467
Feedback: 0 (0%)




Primo Contatto


Come di consueto, il campione ci è giunto accuratamente imballato negli involucri di DHL, che dopo oltre venti recensioni pare aggiudicarsi il titolo di "corriere preferito dai produttori di flashcard". Qualche altrettanto accurato colpo di taglierina dopo, dalla busta scivola via la confezione della AceKard R.P.G., che potete ammirare nelle immagini sottostanti.


Un elemento a dir poco caratteristico delle flashcard è che la confezione, quasi invariabilmente, ricade in uno dei due estremi: o eccessivamente colorata e ricca di disegni, icone e quant'altro oppure sobria ed essenziale, ma con parsimonia di testo tale da lasciare l'acquirente medio poco informato sulle reali caratteristiche dell'oggetto. Questo prodotto si pone nel mezzo: si presenta certamente semplice e pulita, tuttavia riporta buona parte delle features.
L'involucro esterno è rappresentato da un semplice cartonato, aperto sui fianchi, in cui è avvolta la custodia della cartuccia, che esamineremo tra poco. Il fronte riporta, ovviamente, il nome della flashcard ed il suo taglio, con una serie di icone che riassumono brevemente le funzionalità del kit. In posizione centrale, oltre alla spiegazione dell'acronimo R.P.G. troviamo il sito del produttore e l'immancabile slogan; in chiusura, come da nuova tendenza, sono presenti i loghi che attestano la compatibilità con microSD, microSD HC, WiFi (relativamente alle opzioni multiplayer della console, naturalmente: la card in sè non ha nessun circuito WiFi!), oltre che la dicitura che ne conferma la compatibilità con tutti i modelli di Nintendo DS.

Sul retro, lo spazio è altamente ottimizzato, fornendo una lista assolutamente completa delle caratteristiche, da quelle più squisitamente tecniche a quelle più immediate, come la possibilità di utilizzare giochi, ascoltare musica, leggere file di testo e scorrere fotografie. In verità, per quanto ciò sia vero, non è possibile fruirne immediatamente, come risulterà chiaro durante la recensione della flashcard.





Sfilato via il cartonato, ci si ritrova tra le mani la custodia in plastica rigida che contiene la flashcard: di dimensioni contenute, circa 9,5 x 7,5 cm, riporta alla memoria le forme di una cartuccia del vecchio Sega Megadrive/Genesis. Forse non sarà resistente quanto le scatoline in latta scelte da altri produttori, ma almeno consente di portarsi appresso l'unità in tutta sicurezza e senza spreco di spazio. Lo stesso, in fondo, può essere utilizzato come porta-cartucce.
All'apertura, salta subito all'occhio uno dei punti dolenti della AceKard R.P.G.: il packaging decisamente carente. Se da un lato non ci aspettavamo di trovare superflui CD contenenti il software, dall'altro speravamo che fossero presenti almeno i componenti fondamentali per l'utilizzo: all'interno trova spazio solo la flashcard, protetta da un foglio di plastica a bolle, un adesivo di riserva ed un fogliettino recante la frase "BE CAREFUL WHEN YOU DISASSEMBLE THE SHELL. CONTACT US FOR MENU SOFTWARE".

E basta. E' tutto qui.

Naturalmente, abbiamo provveduto ad informare il team delle nostre osservazioni, ricevendo risposta: il packaging sembra essere rivolto espressamente ai reviewer, da cui l'avvertimento nella rimozione della copertura (operazione da noi non eseguita abitualmente, data la poca rilevanza che assume per l'utente finale) e la necessità di contattare il team per ottenere copia del software di sistema. Ci è stato assicurato che, nella versione definitiva, verrà incluso il cavo mini USB necessario per il collegamento al PC, ma non un disco software o un manuale, inoltre non saranno disponibili shell di diverso colore. Fortunatamente, il nero ha sempre una certa eleganza, mentre bisogno imprescindibile è quello del cavo dati. Pertanto, non riteniamo conclusivo il nostro esame della confezione.
Un dato particolarmente curioso viene fornito dalla disposizione interna del materiale: all'alloggiamento della AceKard R.P.G. è infatti affiancato un secondo spazio, fin troppo rassomigliante alla sagoma di una cartuccia GBA; se la PRO è la prima della serie R.P.G., non è da escludere una versione con Expansion Pack, anche se le dimensioni dell'alloggiamento fanno presagire che sia purtroppo dedicata al solo DS Lite. Il tempo svelerà anche questo.





Ed ora, la flashcard in sè: come di consueto, le dimensioni sono quelle di una cartuccia standard realizzata da Nintendo, con l'adesivo curiosamente applicato alla faccia interna anzichè a quella esterna. Adesivo che, credetemi, odierete molto presto, non soltanto perchè quel minimo spessore che aggiunge rende leggermente difficoltoso l'inserire la flash nel Nintendo DS.
La scocca è realizzata in plastica nera semitrasparente: al tatto, essa risulta solida ed esente da scricchiolii, oltre che antigraffio, mentre le quattro cerniere che tengono unite le due metà risultano un pò troppo fini: qualora voleste smontare la cartuccia, vi raccomandiamo estrema prudenza. L'ingresso della microSD ed il connettore mini-B sono situati agli angoli, scelta vincente se considerate ad esempio la DS-X, dove i bordi sottili della porta dati, situata al centro, spesso e volentieri rendono fastidiosa/dolorosa l'estrazione della cartuccia. Purtroppo gli stessi sono la ragione per cui, come sopra accennato, odierete la posizione dello sticker: esso infatti li copre parzialmente e, mentre non ci saranno problemi nell'inserire il cavetto mini USB, la microSD vi causerà non pochi problemi nell'inserimento e nella rimozione; lo slot possiede una molla, la cui corsa è particolarmente lunga, con la fessura dello stesso più larga dello spessore della microSD, cosa che rende un pò problematica la gestione della stessa, a meno che non usiate le unghie. Il brutto è che la memoria non si farà scrupoli ad aderire lassamente all'etichetta, nonostante il problema viene meno dopo un pò di inserimenti/rimozioni, ed anche il vostro polpastrello ci farà -letteralmente- il callo. Si tratta di un difetto veniale, sia ben chiaro, dato che basterà qualche giorno d'uso per sbarazzarsene.

La R.P.G. è una cartuccia a doppia memoria, incorporando quello che è forse il supporto di memorizzazione flash più affidabile, e cioè il chip di memoria NAND. Senza scendere in inutili tecnicismi, vi basti sapere che questo chip offre prestazioni notevolmente superiori rispetto alle vecchie EEPROM e NorFlash, con tagli superiori ed una notevole velocità di lettura e scrittura; analogamente, sono necessari molti più cicli lettura/scrittura per causare cali di prestazioni o rotture, con la protezione aggiunta della Write Balance Technology introdotta dal team, apparentemente capace di estenderne la già soddifacente vita.
Importante osservazione è che il connettore mini USB è collegato solo ed esclusivamente alla NAND: non è in alcun modo possibile accedere alla microSD. In altre parole, non potrete usare la R.P.G. come se fosse un lettore per schede di memoria. E' vero che tali accessori hanno un costo ridicolo, ma sarebbe stato opportuno includerne uno, viste anche le prime indiscrezioni sul prezzo del kit.


In breve, ci troviamo di fronte ad un packaging di buona fattura, mentre resta da vedere se verrà modificato il corredo della flashcard che, ad ora, è davvero insufficiente. La flash è invece davvero ben realizzata, capace di resistere agli urti ed all'uso maldestro (entro gli ovvi limiti: di certo un capitombolo da un metro e mezzo d'altezza non l'ha scalfita), nonostante il design dello slot microSD sia poco felice, tant'è che alcuni di voi preferiranno semplicemente tirar via la microSD anzichè usufruire della molla, oppure avvantaggiarsi del potente sistema operativo per evitare in toto di doverla estrarre.


--------------------
Just keep tryin'
Keep on flyin'
I will be the light...

- from Last Exile: Cloud Age Symphony -


Togisumasareta tsume wo hate ima kagayaku tame ni sono kiba wo muke...
Shiren wa norikoerarenai hito ni osoikakari wa shinai!

- from Megaman X8: Wild Fang -


Proud supporter of EVAC Industry co.ltd.
 Go to the top of the page
 
+Quote Post
Evrain
messaggio Wednesday 26 September 2007 - 15:59
Messaggio #3

The Evra Powwah! (Pirla)
Gruppo icone

Gruppo: Veterani
Messaggi: 10.824
Iscritto il: Fri 24 December 2004 - 19:38
Da: Nosgoth
Utente Nr.: 3.467
Feedback: 0 (0%)




Preparare la Card

Dopo aver descritto l'hardware, passiamo all'analisi del software.
L'AceKard R.P.G. mostra il comportamento tipico delle soluzioni Slot-1: niente patcher, niente writer, solo drag & drop. Qualsiasi file, dal gioco all'homebrew, dev'essere semplicemente copiato nella memoria della stessa, microSD o NAND che sia, per funzionare, eliminando la necessità di programmi esterni o patch. Rilevante è la sempre più comune funzione relativa all'auto patching con DLDI, ma di questo ne parleremo nella sezione dedicata agli homebrew.





Il primo passo da compiere per l'utilizzo della R.P.G. è indubbiamente quello di procurarsi un cavetto mini USB, come quello in foto: noi abbiamo utilizzato quello fornitoci con la DS-X, sebbene questo tipo di cavo sia oramai di largo uso in altri apparecchi elettronici. Sono facilmente reperibili nei negozi di telefonia, dato che i cellulari di ultima generazione li utilizzano per lo scambio dati, con prezzi non eccessivi. Il nostro sample, come abbiamo già detto, non includeva il sistema operativo, che abbiamo aggiunto copiandolo nella microSD.



Windows Vista rileva automaticamente la R.P.G. come RPGKard, installando il driver pertinente e visualizzandola come disco rimovibile, dalla capacità di 950 Mb circa, formattato con filesystem FAT. Aprendo il nuovo drive, abbiamo trovato solo un file di testo che ci invitava nuovamente a contattare il team per ottenere il software di sistema.
Ed ecco una nostra piccola esclusiva: mentre alla maggior parte dei reviewer è stato consegnato un sistema operativo bare bone, ovvero dotato del minimo indispensabile delle funzioni, GbaRL si è assicurato una copia beta dell'OS ufficiale, versione 4.0, la cui release definitiva (4.01) è stata pubblicata sul nostro sito qualche giorno fa insieme ai relativi sorgenti. Quello che scriviamo è dunque quello che potete constatare con mano nelle unità retail! smile.gif

Come già detto, il sistema operativo è a due livelli: la release pubblica è composta da un file .nds denominato akmenuX.nds, con X che ne identifica la versione, mentre in una cartella denominata _rpg sono contenuti i file della lingua, delle impostazioni, della skin, che verranno automaticamente copiati nella microSD al suo primo utilizzo.
Le lingue disponibili sono francese, inglese, spagnolo, tedesco, italiano, giapponese e cinese, mentre tra i vari .ini contenenti le impostazioni spiccano i due driver DLDI relativi sia alla NAND che alla microSD.
Molto intuitivo il sistema di skinning: le due skin di default, una vagamente basata sullo schema colori di The Legend of Zelda e l'altra di stampo un pò più dark, rendono bene l'idea di quanto sia semplice costruire un'interfaccia personalizzata. Questa è infatti basata completamente su elementi di grafica, mentre il colore del testo è gestito tramite file .ini per la gioia di modder e menti creative: assicuratevi però di conoscere il valore esadecimale di ciascun colore.

Il file akmenu.nds, contenente le parti fini del sistema operativo ed il posizionamento dei vari elementi dell'interfaccia, è modificabile solo tramite sorgente pubblico: piacevole sorpresa è che lo stesso sia basato sulle libnds, libreria di sviluppo già nota ai programmatori più smaliziati, che potranno davvero rendere unica la loro unità. La libertà d'utilizzo è un grandissimo caposaldo di questa cartuccia.

Passiamo ora all'effettivo trasferimento dei file: i nostri test hanno rilevato un'ottima implementazione dello standard USB 2.0. La prova è stata condotta su tre campioni, ovvero un file da 10 Mbytes (dump di Gyakuten Saiban 3, una cartella da 20 Mbytes (homebrew assortiti) ed un terzo file da 120 Mbytes (un overdump di Elite Beat Agents): mentre per i due dump la media è stata di 6 Mbytes/sec, il risultato per il trasferimento di una cartella con due sole sottocartelle è stato di circa 500 Kbyte/sec. Nel complesso, una performance assolutamente di tutto rispetto, sebbene la velocità tenda a diminuire con directory molto ramificate.


--------------------
Just keep tryin'
Keep on flyin'
I will be the light...

- from Last Exile: Cloud Age Symphony -


Togisumasareta tsume wo hate ima kagayaku tame ni sono kiba wo muke...
Shiren wa norikoerarenai hito ni osoikakari wa shinai!

- from Megaman X8: Wild Fang -


Proud supporter of EVAC Industry co.ltd.
 Go to the top of the page
 
+Quote Post
Evrain
messaggio Wednesday 26 September 2007 - 16:34
Messaggio #4

The Evra Powwah! (Pirla)
Gruppo icone

Gruppo: Veterani
Messaggi: 10.824
Iscritto il: Fri 24 December 2004 - 19:38
Da: Nosgoth
Utente Nr.: 3.467
Feedback: 0 (0%)




GUI e Sistema Operativo


Esaminare il software di sistema della R.P.G. dà una strana sensazione: è particolarmente ironico parlare di pregi e difetti quando questi ultimi, ad un programmatore di media abilità, risultano risolvibili in cinque minuti scarsi, così come la mancanza di features. Ci limiteremo dunque ad esaminare quello che si presenta davanti all'utente medio all'accensione.

Il tema predefinito è il "verde Zelda" sopra accennato, con tanto di Triforce come sfondo dello schermo superiore e con un sospetto tasto "START" nell'angolo inferiore sinistro...
Nel complesso, il sistema operativo si estende ad entrambi gli schermi: su quello superiore, troviamo una schermata particolarmente simpatica, ispirata (o meglio, quasi identica) alla dashboard propria del DS e comprende un orologio digitale, il datario ed un calendario per il mese corrente, oltre che il nickname impostato nel firmware. Quest'ultimo dettaglio è la prova più evidente di come la flashcard sia open source fin nel midollo, basandosi sulle già citate libnds.





Lo schermo inferiore presenta, agli angoli, tre piccole icone: in alto a destra, accanto al percorso corrente, il tasto per salire di directory (è possibile fare ciò anche tramite il tasto dorsale R), in alto a sinistra il tasto di regolazione della luminosità, efficace solo sui DS Lite e sui DS classici revisione 5, mentre in basso a destra si trova un indicatore di attività della memoria. Il feel complessivo è quello di avere tra le mani un vero e proprio sistema operativo, cosa che, in effetti, questo AKmenù è.

Per accorgersene, basta premere il tasto START: raramente abbiamo visto qualcosa di così completo. Le opzioni disponibili permettono di operare sul file selezionato, visualizzare il tipo di saver, cambiare le impostazioni di sistema, visualizzare le informazioni della cartella o del file ed infine leggere la Guida Utente, contenente le funzioni dei vari pulsanti del DS.



La parte centrale dello schermo utilizza un sistema ad icone abbastanza classico, anche se con qualche simpatico effetto: la schermata principale presenta tre opzioni, rispettivamente dedicate all'esplorazione della memoria interna, della microSD oppure all'avvio di qualsiasi cosa sia inserita nello Slot 2, gioco o flashcard tradizionale che sia, svolgendo funzioni di PassCard di terza generazione.
Di ogni gioco/homebrew vengono mostrate il nome del file e 'icona associata. Premendo X o scegliendo "Info sul File" o ancora "Tipo di Saver", una finestra fornisce dati approfonditi e la possibilità di scegliere manualmente le dimensioni del salvataggio. Solo le icone sono collegate all'azione del click, mentre toccare con lo stilo qualsiasi altra parte dello schermo risulterà in un nulla di fatto. Facendolo scorrere invece, si scorrerà la lista file, anche se questa funzione è talmente sensibile che o si utilizza una mano a dir poco leggerissima o ben presto tornerete ad usare il caro vecchio D-Pad!

Ecco però che si spiega perchè non è possibile utilizzare direttamente musica e testi: non è integrato nessun media player. Il software scaricabile dal sito ufficiale comprende una versione corredata da Moonshell 1.71b, che rende possibile l'utilizzo anche di questi file, ma ciò non toglie che l'utente medio si chiederà perchè non può sentirci il suo mp3 preferito o leggersi un manga mentre è in autobus. Rimane comunque valida la regola del "se manca, aggiungilo", vista la facilità con cui il software di sistema è modificabile, senza contare che tutte le unità retail verranno fornite di MoonShell in versione 1.71.

Dulcis in fundo: la gestione files. Non contenti della doppia memoria, quelli del team hanno deciso di strafare, e strafare alla grande! Nel menù di sistema troverete infatti queste tre opzioni:
  • Copia
  • Taglia
  • Cancella
  • Incolla
No, non vi sbagliate, fanno proprio quello che si suppone che facciano. Basta scegliere l'opzione relativa per copiare, spostare e cancellare giochi e file di salvataggio senza passare da un PC. Nota dolente è che, al momento, questa opzione è disponibile solo ed esclusivamente per i file con estensione .sav e .nds salvo modifiche future. Indubbiamente però, è di notevole praticità, fosse anche solo per scambiarsi i salvataggi con gli amici. Abbiamo messo alla prova questa caratteristica con i soliti 120 Mbyte di pura follia musicale di Elite Beat Agents, ottenendo un tempo di trasferimento di appena 1 minuto ed 8 secondi, alla velocità di 1,75 Kbyte al secondo e con tanto di trimming automatico (da abilitare nelle impostazioni di sistema) che ha riportato a più modeste dimensioni il nostro overdump; inoltre, al contrario di quanto affermato dai reviewer che hanno utilizzato una versione preliminare dell'OS, questa funzione non corrompe affatto i giochi, che risultano perfettamente funzionanti sia quando trasferiti nella NAND che nella microSD. Niente male, niente male davvero!



Insomma, un OS semplice, essenziale ma diverso da tutti gli altri. Pesa tantissimo, anche perchè dichiarate come funzioni sulla confezione, la mancanza di un lettore multimediale, anche se MoonShell verrà incluso in tutte le unità retail. Altrettanto grande è però il peso della sua modificabilità: questa flash si candida a preferita di hacker e programmatori, grazie all'ampia gamma di modifiche che è possibile apportarvi; basta scaricare i sorgenti e, ammesso di avere confidenza con le librerie di sviluppo per DS, è possibile correggere qualsiasi bug, o aggiungere qualsiasi funzione.


--------------------
Just keep tryin'
Keep on flyin'
I will be the light...

- from Last Exile: Cloud Age Symphony -


Togisumasareta tsume wo hate ima kagayaku tame ni sono kiba wo muke...
Shiren wa norikoerarenai hito ni osoikakari wa shinai!

- from Megaman X8: Wild Fang -


Proud supporter of EVAC Industry co.ltd.
 Go to the top of the page
 
+Quote Post
Evrain
messaggio Wednesday 26 September 2007 - 17:35
Messaggio #5

The Evra Powwah! (Pirla)
Gruppo icone

Gruppo: Veterani
Messaggi: 10.824
Iscritto il: Fri 24 December 2004 - 19:38
Da: Nosgoth
Utente Nr.: 3.467
Feedback: 0 (0%)




Compatibilità e Performance

Ed eccoci arrivati al punto focale della recensione, quello che tutti stavate aspettando. Naturalmente, la domanda è "tutto bello, ma come si comporta con homebrew e giochi?", a cui il nostro banco di test darà pronta risposta.



Come molti di voi già sapranno, per le nostre recensioni utilizziamo un banco di prova standard ed un set di giochi scelto in base alle diverse peculiarità tecniche che essi offrono (e al fatto che qualcuno dello staff lo possegga...), tuttavia questa volta lo aggiorneremo per riflettere le ultime modifiche apportate da Nintendo ai suoi supporti di memoria. Nelle immagini, potete "ammirare" il nostro set, composto da:
  • Nintendo DS "classico" v3 (con FlashMe)
  • Kingston microSD 1GB
  • AceKard R.P.G. 8G PRO
  • Varie ed eventuali
Sicuramente vi chiederete perchè non sia stata usata una microSD High Capacity, la scelta è stata fatta per due ragioni: innanzitutto, si tratta di schede di memoria decisamente capienti, ma anche decisamente rare e costose, almeno sul mercato italiano (l'America, si sa, fa storia a parte), tuttavia ci consentirà di mettere la R.P.G. sotto torchio in condizioni di utilizzo normali, le stesse in cui si troverebbe l'utente medio. Di certo, non sussistono dubbi che essa sia pienamente compatibili con lo standard HC. Detto questo, passiamo ai test!

Homebrew

Sicuramente uno dei più interessanti usi per una flashcard DS: poter utilizzare l'immensa raccolta di programmi amatoriali realizzati per la console, capaci di trasformarla in praticamente qualsiasi cosa, da un (non troppo...) utile contaminuti per cucina ad una completa e funzionale agenda da tasca. Una feature oramai comune, presente anche sulla R.P.G., è l'automatizzazione del processo di patching con le librerie DLDI, una collezione di istruzioni che facilita il lavoro ai programmatori, non più costretti a realizzare interfacce singole per ogni tipo di flashcard in commercio: a seconda della memoria in cui l'homebrew si trova, esso sarà automaticamente modificato per le operazioni di lettura/scrittura. Ecco in dettaglio i risultati dei nostri test:
  • BeUP Live! v0.3
    KevinC ha realizzato uno dei primi programmi capaci di rendere il DS uno strumento di comunicazione. La sua piccola applicazione è anche una delle meglio realizzate per la gestione dei dati di connessione, non basandosi solo sui dati inseriti tramite configurazione della Nintendo Wi-Fi Connection. Anche su R.P.G., il programma è snello e veloce, riconoscendo al volo il uo driver DLDI. E' stato testato su memoria NAND.
  • IRC DS v0.3d
    Altro grande homebrew, particolarmente utile per tenersi in contatto anche in situazioni dove un PC non è a portata di mano, consente di sostituire in tutto e per tutto mIRC, supportando una pletora di opzioni e, in una futura release, anche il trasferimento di file. Testato su memoria microSD, ha salvato regolarmente le impostazioni, senza lamentarsi per la mancanza del patching DLDI.
  • NesDS build 7-31-2007
    Un eco dall'alba dei videogiochi. Fa un certo effetto vedere una gloria come I Cavalieri dello Zodiaco per Nintendo Entertainmend System sul piccolo schermo del DS. Ora sarete in grado di sferrare pugni, indossare armature e tenere a distanza Andromeda anche dal vostro Nintendo DS. Questo programma, regolarmente funzionante, è stato testato su microSD.
  • ScummVM v0.10.0a
    Anche qui, è come rivivere un pezzo del passato: i più anziani di voi certamente avranno splendidi ricordi delle avventure grafiche LucasArts, ora emulabili, seppur in piccola parte, sul DS: anche non comprimendo i files e "nascondendoli" in una sotto-directory, l'emulatore è partito senza problemi e senza rallentamento alcuno. Il test è stato effettuato sia su microSD che su NAND, con risultati identici in prestazioni e funzionamento.
  • DSOrganize v3.0
    Ci avviamo sempre più ai grossi calibri: DSOrganize è una suite completa di applicazioni, dotata di un suo sistema di plugin, in grado di dare al DS le stesse funzionalità di un palmare, anche se in maniera molto scarna ed essenziale. Questa versione 3.0 introduce dei bug, come il mancato avvio del client IRC e del browser, tuttavia parte regolarmente, pur mettendoci un pò per inizializzare il driver DLDI. Il test è stato effettuato su memoria NAND.
  • MoonShell 1.71b
    LA Applicazione per il Nintendo DS: musica, foto, testi, film, tutto nel palmo di una mano. MoonShell, degli Infantile Paralyzers, è diventato in molti casi persino la shell ufficiale di una flashcard, sebbene con le dovute modifiche. E' fornito dal team AceKard insieme ai suoi aggiornamenti, tuttavia abbiamo preferito utilizzare una versione "pulita" del software, scaricata dal sito ufficiale. Avendo cura di scegliere l'eseguibile non patchato con DLDI, risulta perfettamente funzionante. Una nota però: sfruttando le funzioni di autopatching della R.P.G. si perde la possibilità di avviare homebrew direttamente dal file explorer integrato. Per il resto, niente da segnalare: è stata usata la microSD come memoria.
Tirando le somme, le promesse sul lato homebrew sono state ampiamente mantenute: ogni homebrew riconosce immediatamente la flashcard, potendo accedere al supporto di memorizzazione in cui è stato inserito senza problemi e senza cali di prestazione. Performance a cinque stelle, insomma.

Giochi DS

Momento cruciale: la compatibilità col software DS. Vogliamo sottolineare che tutte le prove qui effettuate sono state condotte estraendo il gioco da una cartuccia originale (dump) utilizzando il Rudolph's NDS Backup Tool, dopodichè abbiamo confrontato i risultati ottenuti da entrambi i supporti. Ecco i risultati del test:
  • 42 Classici Senza Tempo - test Nintendo Wi-Fi Connection
    42 Classici
    è forse il gioco con cui più spesso vi ritroverete a competere contro parenti e genitori: questa raccolta di irresistibili giochi di carte e non è un caposaldo del servizio online Nintendo. Non ci aspettavamo problemi di sorta, e così è stato: salvataggi perfetti, connettività perfetta.
  • Castlevania: Dawn of Sorrow - test streaming video
    Croce e delizia delle flashcard, il secondo capitolo della storia di Soma Cruz si distingue per l'utilizzo di un codec video diverso dal comune algoritmo realizzato da ACT IMAGINE per Nintendo. Ricorderete come le vecchie Slot-2 faticassero non poco a riprodurre fluidamente il suo filmato introduttivo, problema oramai ampiamente risolto e di cui la R.P.G. è esente.
  • Castlevania: Portrait of Ruin - test accesso diretto alla cartuccia
    Qui il risultato del test è effettivamente incerto: questo gioco è stato rilasciato in due versioni per correggere un bug, ovvero il famoso blocco del gioco in punti casuali. La nostra copia è una versione italiana acquistata due mesi fa e la R.P.G. non si è bloccata nemmeno una volta durante le due ore di test. Che sia per virtù della cartuccia, del supporto veloce o del gioco fixato, non possiamo determinarlo. Lo segnaliamo comunque come funzionante.
  • Elite Beat Agents - test di un dump da 1Gbit
    Tra i tanti giochi di ritmo, EBA si è conquistato un posto di favore per l'irresistibile ironia ed alcuni brani di grande caratura che ne costituiscono la colonna sonora - e di gioco. Questo dump è stato usato per testare sia le capacità di gestione files che di caricare 1Gbit di dati, con risultati eccellenti in entrambi gli ambiti.
  • Megaman ZX - test full 2D
    Continuo della storia (infinita) di Megaman e soci, mostra capacità 2D del DS con ambientazioni ricche di colori e dettaglio. Non è un dump particolarmente problematico, tuttavia lo streaming dei dati verso la console procede senza problemi.
  • Metroid Prime Hunters - test full 3D
    Di nuovo, un test puramente formale: Metroid Prime Hunters, almeno fino all'arrivo di Call of Duty DS, rimane un caposaldo per quanto riguarda le potenzialità 3D della console. Non erano attesi problemi, e la R.P.G. infatti non ne ha dati, con un'esperienza di gioco sempre fluida.
  • New Super Mario Bros. - test ibrido 2D/3D
    Terzo elemento nella nostra serie di test per lo streaming dei dati, il gioco mette moderatamente in campo entrambe le componenti grafiche della console, sppure dia, su alcuni supporti, problemi nell'accesso dei minigiochi. Noi non abbiamo riscontrato intoppi di sorta durante la sessione di gioco.
  • Spider Man 3 - test accesso diretto alla cartuccia (2)
    Questo gioco segna l'arrivo dei chip di memoria/sicurezza Macronix anche in occidente: non è stato un immenso problema per le flash, dato che non usava salvataggi atipici, tuttavia, per sicurezza, lo abbiamo testato, senza evidenziare noie di sorta.
  • Trauma Center: Under the Knife - test del "perchè mi piace il gioco, ci sono domande?"
    Questa è più una prova di circostanza che altro: essendo l'ultimo acquisto del nostro parco giochi complessivo, non potevamo non citarlo. Nessun problema da segnalare.
  • MySims - test salvataggio 4Mbit
    Per poter mettere le mani su questo gioco abbiamo fatto carte false, ma senza il test non sarebbe stato completo. Come prima di lui The Legend of Zelda - Phantom Hourglass e Worms: Open Warfare 2, questo gioco, oltre a montare le nuove piastre madri comprensive di chip Macronix, impiega un salvataggio da 4Mbit ed un sistema di controllo aggiontivo che opera su di esso, causa della necessità di continui aggiornamenti ai software delle flashcard. Con una certa dose di sollievo, possiamo dire che la R.P.G. esegue il dump senza far storie, riconoscendo il salvataggio in maniera impeccabile.
E' una piacevole sorpresa la rapidità con cui giochi e salvataggi vengono gestiti: al primo utilizzo, la microSD viene esaminata per determinarne velocità e capacità e vi viene copiata la cartella di sistema (_rpg), ma a parte questa operazione (eseguita una singola volta) l'avvio di un dump è questione di tre secondi d'orologio, così come, al riavvio del DS, lo è il trasferimento su memoria del salvataggio. A proposito di questi ultimi, si tratta di battery saves, quindi con estensione .sav, quindi compatibili da e verso emulatori e flashcard che utilizzino lo stesso standard, come ad esempio la serie Supercard. Occhio però, parliamo di salvataggi RAW non compressi, quindi assicuratevi di convertirli nel formato Supercard qualora stiate migrando da un'altro kit; analogamente, non verranno riconosciuti se non sceglierete, nella configurazione, il formato saver corretto. Per ovviare a questo problema, accendete il DS ed avviate il gioco, salvate e riavviate la console: l'AceKard determinerà automaticamente il tipo di saver e lo scriverà su disco; a questo punto, sostituitelo con quello che volete importare ed il gioco è fatto.

E adesso, una piccola nota, che dimostra la serietà del produttore: mentre visualizzavamo il sistema operativo della R.P.G., chiudendo il coperchio del DS -ovvero mettendolo in sleep mode- gli altoparlanti non vengono reinizializzati correttamente; detto in parole povere, non si sente alcunchè dalle casse della console, almeno finchè non viene riavviata. Abbiamo provveduto ad informare il team, che ci ha risposto in meno di quattro ore evidenziando come si tratti di un problema dovuto al FlashMe v7 utilizzato nel nostro DS di prova; velocità e disponibilità verso l'utente finale non possono che aggiungere valore a questa card.

Download Play

Dalla revisione 4.05 del firmware in poi, le funzionalità specifiche del Download Play sono state aggiunte, sebbene come opzione abilitabile nel menù principale per via della loro incompatibilità con alcuni titoli. Nonostante tutto, i test che abbiamo effettuato confermano la bontà del prodotto.

Menzione speciale inoltre per essere l'unica flashcard, alla data attuale, a supportare il Wii Linkage di Pokèmon Battle Revolution, annunciato anche per futuri titoli Wii.


--------------------
Just keep tryin'
Keep on flyin'
I will be the light...

- from Last Exile: Cloud Age Symphony -


Togisumasareta tsume wo hate ima kagayaku tame ni sono kiba wo muke...
Shiren wa norikoerarenai hito ni osoikakari wa shinai!

- from Megaman X8: Wild Fang -


Proud supporter of EVAC Industry co.ltd.
 Go to the top of the page
 
+Quote Post
Evrain
messaggio Wednesday 26 September 2007 - 22:12
Messaggio #6

The Evra Powwah! (Pirla)
Gruppo icone

Gruppo: Veterani
Messaggi: 10.824
Iscritto il: Fri 24 December 2004 - 19:38
Da: Nosgoth
Utente Nr.: 3.467
Feedback: 0 (0%)




Conclusioni

E finalmente, questa lunga recensione volge al termine. Cinque giorni di test ed un numero pericolosamente alto di tazzine di caffè dopo, siamo pronti a tirare le somme
Senza ombra di dubbio, nell'eterna sfida per il primato di miglior flashcard Slot 1 c'è un nuovo contendente: l'AceKard R.P.G. 8G PRO fa la sua entrata con irruenza e manca il primato per un soffio, penalizzata da un packaging ancora incompleto e da alcune piccole scelte infelici in fase di progettazione. Per il resto, è destinata a conquistarsi un posto d'onore tra programmatori e smanettoni, grazie alla sua grande flessibilità ed al sistema operativo liberamente modificabile fin nei minimi meccanismi, strizzando l'occhio al normale utilizzatore con la sua perfetta compatibilità, l'intuitivo sistema di gestione dei file, l'autopatching per gli homebrew e la virtualmente ciclopica capacità di memorizzazione. Se siete in procinto di acquistare una flashcard da Slot-1, consigliamo vivamente di non escludere questa AceKard R.P.G.

Volendo fare una summa, i risultati sono come segue:

Pro
+ Uso facile ed intuitivo, con interfaccia multilingua
+ Compatibilità eccellente, anche con giochi "problematici"
+ Duplice supporto di memorizzazione, affidato alla veloce e collaudata flash NAND ed alle nuovissime SDHC
+ Funzione PassMe integrata
+ Sistema operativo completamente open source, modificabile in ogni aspetto
+ Skin modificabili in maniera semplice e veloce anche dai meno esperti
+ Qualità e manifattura ottime
+ Sistema interno di gestione files
+ Caricamento rapidissimo di giochi, programmi e salvataggi
+ Team veloce e disponibile verso qualsiasi richiesta di aiuto


Contro
- La confezione, se rimarrà tale, è gravemente carente, penalizzata dall'assenza di un manuale, di un cavo dati mini USB e del software di sistema
- Inserimento ed estrazione della microSD un pò difficoltosi per via di uno slot di dimensioni lievemente maggiori ed una molla a corsa troppo lunga
- Assenza di un media player integrato: nonostante Moonshell verrà sicuramente incluso, avremmo apprezzato un software integrato nel sistema operativo
- Quel maledetto adesivo: sarà anche psichedelico, ma causa più noie che altro!



Recensione scritta da Evrain per GBARL.it. Si ringrazia Nemo_DS per l'assistenza nell'analisi hardware.
La riproduzione della stessa, senza il consenso dell'autore, è severamente vietata al di fuori nel network RL.


--------------------
Just keep tryin'
Keep on flyin'
I will be the light...

- from Last Exile: Cloud Age Symphony -


Togisumasareta tsume wo hate ima kagayaku tame ni sono kiba wo muke...
Shiren wa norikoerarenai hito ni osoikakari wa shinai!

- from Megaman X8: Wild Fang -


Proud supporter of EVAC Industry co.ltd.
 Go to the top of the page
 
+Quote Post

Closed TopicStart new topic
1 utenti stanno leggendo questa discussione (1 visitatori e 0 utenti anonimi)
0 utenti:

 

Modalità di visualizzazione: Normale · Passa a: Lineare · Passa a: Outline


RSS Versione Lo-Fi Oggi è il: Wed 20 March 2019- 06:05

.: GBArl.it :. Copyright © 2003-2015, All Rights Reserved.
Loghi, documenti e immagini contenuti in questo Sito appartengono ai rispettivi proprietari,
e sono resi pubblici sotto licenza Creative Commons

Creative Commons License
.::.