IPB

Benvenuto Visitatore ( Log In | Registrati )

Seguici su:    
 
Closed TopicStart new topic
> [Recensione] Nintendo 3DS
nexus81
messaggio Wednesday 29 June 2011 - 14:30
Messaggio #1

Una mente pericolosa
Gruppo icone

Gruppo: Amministratori
Messaggi: 13.711
Iscritto il: Tue 15 May 2007 - 05:59
Da: in the lap of god..
Utente Nr.: 18.205
Feedback: 81 (100%)

Codice Amico:
2621-2598-2470





CITAZIONE
La Nintendo Company Limited (任天堂株式会社 Nintendō kabushiki gaisha, Società per azioni Nintendō) è un'azienda giapponese, tra le maggiori al mondo nella produzione di videogiochi e relative console.

Fondata il 23 settembre 1889 da Fusajiro Yamauchi, è passata dai giochi di carte e meccanici ai giochi elettronici all'inizio degli anni ottanta. L'attuale presidente della Nintendo è Satoru Iwata.

Entrò nel mondo dei videogiochi come distributore della console Magnavox Odyssey nel 1975 e, nel 1977, cominciò a costruire delle console proprie. Grazie all'enorme successo riscontrato in Giappone, nel 1985 Nintendo arrivò nel Nord America e nel 1986 in Europa. Nell'arco della sua storia, Nintendo ha prodotto 5 console da tavolo - il Famicom/NES (console campione di incassi che risollevò l'industria dei videogiochi dopo la crisi del 1983 e solo per il mercato giapponese il 21 febbraio 1986 nacque per questa console una nuova periferica che permetteva l'utilizzo di giochi su floppy disk, il Famicom Disk), il Super Famicom/SNES, il Nintendo64, il GameCube e infine il Wii che ha esordito in tutto il mondo tra il 19 novembre e l'8 dicembre 2006. Inoltre ha prodotto molte console portatili, tra cui sette versioni del Game Boy, il Virtual Boy, i Game & Watch, i Pokémon Mini, i Nintendo mini classics e quattro versioni del Nintendo DS.

...fino a giungere al fatidico 25 Marzo 2011 (per noi europei): data di lancio dell'attesissimo Nintendo 3DS!!

Il nuovo gioiellino raggiunge così l'ottava generazione videoludica introducendo con se l'innovazione del 3D e consentendogli così di cavalcare l'onda come lo stanno facendo i televisori di ultima generazione.

Introduzione & Caratteristiche


Annunciato il 23 Marzo 2010 e presentato alla Nintendo Conference il 3DS è stato proposto come console portatile che non necessita dell'uso degli occhialini per usufruire del 3D.
Stando alle oltre 140 milioni di unità vendute in tutto il mondo da parte dei predecessori, Satoru Iwata ha affermato di voler puntare ad incrementare le vendite del nuovo arrivato cercando di superare i risultati ottenuti fin ora. Staremo a vedere se Nintendo riuscirà in quest'impresa.
Ma ora, per meglio capire questa console, ne riportiamo di seguito le caratteristiche, così come indicate dalle schede tecniche rilasciate da Nintendo stessa:

Console Nintendo 3DS
CITAZIONE
  • Modello: CTR-001 (EUR)
  • Schermi:
    • Schermo Superiore: schermo LCD adatto alla visualizzazione 3D (16,7 milioni di colori)
      3,53 pollici (76,8*40,08 mm) - Pixel: 800*240 (400 pixel per ciascun occhi durante l'uso della visualizzazione in 3D
    • Schermo Inferiore: schermo LCD touch screen (16,7 milioni di colori)
      3,02 pollici (61,4*46,08 mm) - Pixel: 320*240
  • Blocco Alimentatore: WAP-002 (EUR)
  • Batteria: CTR-003
  • Frequenza Wireless: 2,4 GHz (11b: 1-13ch/11g: 1-11ch)
  • Standard di Comunicazione: Conforme a IEEE802.11 b7g (DSSS/OFDM)
  • Potenza massima Altoparlanti: 11: 5,5 dBm/11g: 5,0 dBm
  • Distanza consigliata per la comunicazione: Entro 30 m ca.
  • Fotocamere:
    • Obiettivo: a lunghezza focale fissa
    • Sensore: CMOS
    • Pixel effettivi: circa 300.000
  • Orologio: variazione giornaliera massima di +/- 4 secondi
  • Altoparlanti: Stereo (supporta pseudo-surround)
  • Terminali di ingresso/uscita: Slot scheda di gioco, slot scheda SD, presa per blocco alimentatore, presa audio (uscita stereo)
  • Sensori: Sensore di movimento, sensore di rotazione
  • Consumo Massimo: Ca. 2.8W (durante la ricarica)
  • Condizioni ideali per l'utilizzo: Temperatura: 5-35°C Umidità: 20-80%
  • Dimensioni: 74*134*21 mm (console chiusa)
  • Peso: Ca. 235g (inclusi stilo, batteria e scheda SD)
  • Tempo di ricarica: Ca. 3 ore e 30 Minuti
  • Durata della Batteria: è influenzata da vari fattori, varia da 3 a 5 ore


Batteria per Nintendo 3DS
CITAZIONE
  • Modello: CTR-003
  • Tipo di Batteria: A ioni di litio
  • Capacità: 5 Wh


Stand per Nintendo 3DS
CITAZIONE
  • Modello: CTR-007
  • Ingresso/Uscita: DC 4,6v 900mA
  • Dimensioni: 86,5*138,2*31,8 mm
  • Peso: Ca. 87,4 g


Blocco alimentatore per Nintendo 3DS
CITAZIONE
  • Modello: WAP-002(EUR)
  • Ingresso/Uscita: AC 230V 50 Hz - DC 4,6v 900 aM
  • Dimensioni: 70,5*27,0*84,5 mm
  • Peso: Ca. 80g
  • Lunghezza cavo: Ca. 1,9m
  • Console Compatibili:
    • Nintendo 3DS (CTR-001(EUR))
    • Nintendo DSi XL (UTL-001(EUR))
    • Nintendo DSi (TWL-001(EUR))


Stilo per Nintendo 3DS
CITAZIONE
  • Modello: CTR-004
  • Materiale: Plastica (ABS/PE), metallo (acciaio inossidabile)
  • Dimensioni: 101,3 mm (esteso)
  • Peso: Ca. 2,7 g


Stando ad una prima analisi, come per i predecessori DSi e DSi XL, anche qui è evidente la mancanza dello Slot 2 che permetteva la retrocompatibilità con i titoli per GBA e con alcuni titoli DS che sono supportati da periferiche aggiuntive ad integrazione di una giocabilità che tende sempre di più al reale: si notino ad esempio come Guitar Hero, Band Hero, Easy Piano e molti altri, che ora non saranno più utilizzabili.
Se dal 3DS ci si aspettava l'innovazione, eccovela servita su di un piatto d'argento: 3D senza l'uso degli occhialini, sensore di movimento e rotazione integrati, fotocamera 3D, batteria integrata e molte altre cose che andremo a vedere dettagliatamente nel corso della recensione.

Per contribuire a rendere un'idea ben delineata della console, utilizzeremo un approccio pressoché simile, se non identico, a quello utilizzato per la recensione del Nintendo DSi: esamineremo dettagliatamente imballaggi, libretti vari, accessori presenti nella confezione e successivamente procederemo con l'analisi dell'hardware interno.
Metteremo alla prova la batteria in diversi scenari d'utilizzo, passando tra la connettività e le nuove feature del nuovo gioiellino targato Nintendo.
L'unità di prova che utilizzeremo è un Nintendo 3DS mod. CTR-001 (EUR) Aqua Blue, proveniente dalle primissime unità Europee immesse sul mercato dalla grande N e dunque corrispondente ad un'unità day one firmware 1.0 aggiornato (obbligatoriamente per accedere a tutte le varie features) a 1.1.0-1E.
Passiamo ora all'analisi vera e propria.
 Go to the top of the page
 
+Quote Post
nexus81
messaggio Wednesday 29 June 2011 - 14:30
Messaggio #2

Una mente pericolosa
Gruppo icone

Gruppo: Amministratori
Messaggi: 13.711
Iscritto il: Tue 15 May 2007 - 05:59
Da: in the lap of god..
Utente Nr.: 18.205
Feedback: 81 (100%)

Codice Amico:
2621-2598-2470



Primo Contatto


L'attesissima console Nintendo 3DS è stata presentata in 2 colorazioni ufficiali: Aqua Blue e Cosmo Black.
Si vociferava tempo fa circa colori differenti a seconda delle regioni di distribuzione (EURO - USA - JAP), ma finora sono rimaste per l'appunto solo voci di corridoio. Passiamo ora ad un'accurata analisi.



La scatola risulta elegante: in cartoncino lucido con colori sfumati in varie tonalità di azzurro e blu intrise di un accattivante verdone, misura 23x16x10cm ed ha un peso complessivo di oltre 1kg che ricorda il ben noto imballo del Nintendo DS Classic uscito nel lontano 2005.

Lo stile scelto per Nintendo 3DS risulta essere al passo con i tempi, la sobrietà delle confezioni precedenti è stata scartata e scavalcata da colori sgargianti che probabilmente contribuiscono a dare quel tocco in più. Su di uno scaffale non passerà di certo inosservata: l'immagine frontale è ben delineata e si riflette su se stessa mettendo in luce le fotocamere esterne.
In rilievo troviamo l'ormai onnipresente Pegi, 7 in questo caso: simbolo indiscusso e riconosciuto in tutta Europa, sostenuto con passione dalla Commissione Europea, che lo considera un modello di armonizzazione a livello europeo nel settore della protezione dei minori.



Capovolgendo la confezione, possiamo osservarne il lato posteriore, che risulta anche essere il più importante per via della quantità di informazioni inerenti la macchina che è possibile ricavarne. Sulla destra possiamo osservare il 3DS a valve aperte e in tutta la sua bellezza mostrandone gli schermi e la doppia colorazione, mentre sulla sinistra vengono elencati minuziosamente tutti gli accessori contenuti nella confezione e i software compatibili con questa console.
Non manca infine, la certificazione WiFi.
Vediamo più precisamente e nel dettaglio quanto presente nella scatola e la compatibilità con i predecessori di 3DS.



Contenuto della console:
CITAZIONE
  • n°1 Nintendo 3DS (Aqua Blue) mod. CTR-001 (EUR)
  • n°1 Stand ricarica (CTR-007)
  • n°1 Blocco alimentatore (WAP-002(EUR))
  • n°1 Stilo (CTR-004) contenuto nella console
  • n°1 Scheda SD da 2 GB (accessorio prodotto da terze parti e non da Nintendo)
  • n°6 Carte RA (da usare insieme agli obiettivi della console
  • Manuale di istruzioni e guida rapida all'installazione

Software compatibili con questa console:
  • Nintendo 3DS: solo i titoli che supportano la funzione 3D lo potranno sfruttare. Tutti gli altri software, inclusi i titoli per Nintendo DS/Nintendo DSi verranno visualizzati in 2D.
  • Nintendo DS/Nintendo DSi: saranno utilizzabili solo i software per Nintendo 3DS e Nintendo DSi destinati alla stessa regione della console. I software distribuite in altre regioni potrebbero non funzionare.
  • Game Boy Advance: la console Nintendo 3DS non è dotata di un alloggiamento cassetta di gioco (destinato alle cassette di gioco per Game Boy Advance) e perciò NON è compatibile con nessun accessorio che sfrutta tale alloggiamento.
Come potete leggere vengono messi i puntini sulle "i" per quanto riguarda il tanto citato e criticato region lock: Nintendo tramite un'intervista a Vg247 aveva fatto sapere à tout le monde che un software acquistato in una certa regione poteva non essere compatibile con quello acquistato in un'altra, facendoci dedurre che il sistema adottato sarebbe stato paragonabile a quanto fatto da Sony su Playstation3 e cioè lasciando alle software house la decisione ultima sull'attivazione del blocco regionale o meno.



Rigirando la scatola sui lati, diamo ora un occhiata al lato destro, che è quello che contiene ulteriori informazioni circa la console.
Vengono indicate le lingue settabili nel 3DS (Inglese, Tedesco, Francese, Olandese, Spagnolo, Portoghese, Italiano, Russo???) e le lingue in cui è stato tradotto il manuale (Spagnolo, Portoghese, Italiano).
Ivi, sono inoltre indicate alcune importanti avvertenze che recitano precisamente così:
CITAZIONE
  • Prima di impostare e usare la console, leggere attentamente il manuale di istruzioni, che include importanti informazioni sulla salute e la sicurezza. Tutte le informazioni relative alla garanzia si trovano all'interno della confezione.
  • Qualsiasi modifica tecnica all'hardware o al software della console Nintendo 3DS o l'uso di un dispositivo non autorizzato potrebbe rendere inutilizzabile la console in modo permanente e portare alla rimozione di contenuti non autorizzati.
  • Il blocco alimentatore contenuto nella confezione è utilizzabile in Svizzera e nei paesi e nello spazio economico europeo, ad eccezioni del Regno Unito, dell'Irlanda e di Malta.
  • Una caratteristica degli schermi LCD è la presenza di punti illuminati e di punti non illuminati. Lo schermo3D e il touch screen hanno caratteristiche diverse, quindi il colore e la luminosità possono essere differenti.

Sono infine presenti il PEGI 7 e il marchio indicante che sono contenute scene di violenza, oltre a quelli per il riciclaggio, in Sigillo di Qualità Nintendo e il marchio di conformità alla Normativa comunitaria RoHS.
Per quanto riguarda il lato sinistro, non vi è nulla di particolare da segnalare, in quanto riporta semplicemente la versione di 3DS acquistata, in questo caso Aqua Blue.



Ciò che compone i lati superiore ed inferiore non è niente di diverso da ciò che concerne con le precedenti confezioni: il lato superiore è stato lasciato libero così come quello sinistro, presentando solo una ripetizione del modello acquistato; mente per quanto riguarda il lato inferiore, sono presenti delle avvertenze focalizzate sull'uso del 3D e circa il collegamento ad internet, più precisamente:



CITAZIONE
ATTENZIONE: l'uso della funzione 3D da parte di bambini di età uguale o inferiore ai sei anni può causare danni alla vista, per questo motivo si consiglia di:
  • Far usare la console con la modalità 3D attivata solo a bambini di età superiore ai sei anni.
  • Se i bambini di età uguale o inferiore ai sei anni hanno accesso alla console, si consiglia ai genitori o a chi ne fa le veci di impostare la funzione di filtro famiglia che permette di disattivare la funzione 3D
ATTENZIONE: le funzioni della console Nintendo 3DS che sfruttano la comunicazione wireless potrebbero non essere adatte ai bambini. Per maggiori informazioni, consultare il manuale di istruzioni contenuto nella confezione. Il filtro famiglia permette di limitare l'uso di determinate funzioni, inclusa la funzione 3D.
La console Nintendo 3DS può collegarsi a Internet automaticamente quando la comunicazione wireless è attivata. Se si vuole impedire alla console di collegarsi, è possibile disattivare la comunicazione wireless usando l'interruttore wireless. Per poter usufruire di alcuni servizi per Nintendo 3DS sono necessari una connessione a Internet a banda larga e un acces point wireless. I servizi Nintendo 3DS non sono disponibili in tutti i paesi. Per maggiori informazioni, visitare il sito Internet: http://3dsservices.nintendo-europe.com

Precauzioni sulla funzione 3D: Non usare la funzione 3D se si è affetti da disturbi della visione binoculare quale lo strabismo, o se la vista è limitata ad un solo occhio. Guardare le immagini in 3D può aggravare tali disturbi e portare ad affaticamento oculare e malessere.






Andiamo finalmente ad aprire la scatola ed esaminarne il contenuto.
All'apertura tutto pare essere posizionato con una precisione degna di un valido designer: vassoietti contenitivi di cartone incastrati alla perfezione.
Nella parte superiore sono doverosamente posizionati, avvolti in un cellophane, i vari manuali, che dettaglieremo successivamente; mentre sollevando il cartone possiamo accedere al fondo della scatola dove, ripartiti grazie ad un sistema di rilievi separatori, troviamo gli scomparti per la console e quello per l'alimentatore, che sollevato cela il nuovissimo stand di ricarica per Nintendo 3DS.



Come da prassi e come solito fare dalla grande N, la quantità di carta allegata al 3DS è sempre notevole: pare che ogni volta il materiale cartaceo si moltiplichi.
Chiusi in una busta di plastica trasparente troviamo, come ritratto nelle foto, il Manuale di istruzioni, il Manuale per la Piazza Mii StreetPass: un incontro tira l'altro!, l'opuscolo Importanti informazioni per i genitori, la guida rapida all'installazione della console, il Codice per il Nintendo Club e le Carte R.A (tutti i manuali presentano le lingue: Italiano, Spagnolo e Portoghese).



Vediamo ora nel dettaglio il materiale cartaceo a partire dal manuale più consistente, quello di istruzioni.
Racchiuse in quasi 400 pagine troviamo, introdotte da immagini esplicative delle funzioni principali, ogni sorta di informazione su Nintendo 3DS: si passa dalle più dettagliate avvertenze ad una full immersion sull'uso dei vari software e sulle impostazioni, per terminare con la old school dell'assistenza tecnica.
Essendo troppo macchinosa e spropositata la quantità di informazioni raccolte nel manuale, ci limiteremo a concludere dicendo che, la simpatica tradizione Nintendo di corredare le "noiosissime" istruzioni da simpatiche illustrazioni, non viene a mancare nemmeno in questo caso.





Per i più svogliati e frettolosi gamers è altresì inclusa una guida rapida all'installazione della console.

Un nuovissimo inserimento, dovuto alla new feature Mii e StreetPass, è il Manuale per la Piazza Mii StreetPass.
Di un verde vivace e in poche pagine, viene riassunto l'utilizzo del nuovo software per 3DS, sottolineando in poche battute come sia possibile collezionare ed utilizzare Mii incontrati camminando per strada. A fine opuscolo è inoltre indicato che software come il Nintendo eShop, il Trasferimento Dati e il Browser Internet, saranno disponibili tramite aggiornamenti della console che verranno annunciati in futuro e su cui, attualmente, Nintendo non potrà rispondere a nessuna domanda relativa a date di uscita prima di un annuncio ufficiale.

A completare la manualistica e per quanto riguarda il Parental Control, è stato inserito un apposito opuscolo con importanti informazioni per i genitori, in quanto 3DS offre una vasta gamma di funzioni non tutte adatte ai bambini. Sono incluse limitazioni di ogni sorta e classificazione, ma la peculiarità delle stesse è incentrata sull'utilizzo della console online e sulle interazioni che può creare, andando ad inficiare sulla registrazione degli amici, sullo scambio delle foto e sulla limitazione dell'utilizzo del 3D.





Passiamo infine ad una new entry, le Carte da gioco RA: Realtà Aumentata.
Per ovviare ad un nuovissimo ed esclusivo software inserito su Nintendo 3DS, che esamineremo nel dettaglio più avanti, è stato inserito nel corredo della console, un pacchetto contenente 6 carte da Gioco RA e più precisamente raffiguranti il Cubo ?, Mario, Samus Aran, Pikmin, Kirby e Link.
Per sfruttare al meglio e nel dettaglio la funzionalità delle stesse, le Carte RA sono plastificate e ben delineate nei colori; viene sottolineato come sia importante non piegare, strappare o sporcare le carte in quanto la console non potrebbe poi riconoscerle.



Conclusa la fase di lettura, possiamo finalmente prendere in mano gli accessori che ci vengono forniti a corredo, a cominciare dall'alimentatore.
Per la prima volta lo stesso risulta identico per dimensione e voltaggi a quello dei recenti e precedenti modelli DSi e DSi XL e pertanto, chi desiderava avere una retro compatibilità fra alimentatori, evitando così di avere mille spinotti sparsi per la stanza, vede il suo sogno realizzato.



Nuovo accessorio inserito da Nintendo è lo stand di ricarica: per la prima volta una console portatile viene corredata da un nuovo sistema di ricarica.
Nero e leggero, consente di avere sempre il 3DS in ricarica semplicemente poggiandolo su di esso (deve comunque essere collegato al blocco alimentatore) quando non si utilizza. Quello che ci rende dubbiosi in merito, è l'effettiva utilità dello stand... era davvero necessario questo accessorio? Forse lo sarebbe stato senza il forzato utilizzo combinato con il blocco alimentatore; del resto chi ricarica una console in una posizione diversa dal normale appoggio della base? Mah.
In ogni caso, vederemo poco più avanti la procedura.

Facendo un rapido screening allo stilo, notiamo che il trend base è stato rivoluzionato con l'introduzione del pennino allungabile che permette di regolarne la lunghezza a seconda delle vostre preferenze. Rispetto ai precedenti, esclusa la punta e la testa, non è in plastica ma appare metallico; nonostante ciò garantisce una presa solida ed efficace. Se possiamo considerarla una nota dolente, facciamo notare che, a differenza dei precedenti modelli di Nintendo DS, non è incluso il pennino di riserva.

Dopo tante parole spese su manuali e ammennicoli vari, possiamo finalmente passare ad esaminare il nostro gioellino: Nintendo 3DS!



Seppure da un primo impatto e stando alle innovazioni introdotte possa sembrare massiccia, la console misura solamente 13,4x7,4x2,1cm e pesa appena 235g, ponendosi dunque a dimensioni millimetricamente identiche (solo 1mm di differenza in più in lunghezza e 1mm in meno di spessore) a quelle del DS Lite e quindi più piccole rispetto a quelle del più recente DSi; mentre per quanto riguarda il peso e per ovvie questioni logistiche, nonostante la sua leggerezza, risulta essere la più pesante (escludendo il DSi XL). Robustezza e solidità non perdono punti sebbene rimanga talvolta rumorosa l'apertura delle cerniere.
La scocca risulta solida ed elegante, lucida e multi colore, assegna al 3DS un tocco di eleganza mai visto prima: liscissima al tatto, in 3 diverse colorazioni di verde (stando al nostro modello) e nera per quanto riguarda lo schermo superiore, presenta un inserto metallico nel lato dove risiedono l'alloggiamento per la cartuccia di gioco, il pennino e la presa di connessione per l'alimentatore.
A confronto con i precedenti modelli lucidi del Lite nero e dei colori più scuri, questa tonalità di verde maschera sufficientemente bene le classiche ditate: con stupore personale abbiamo piacevolmente notato che in effetti risultano più deboli mantenendo ferma la visuale, mentre rimangono invariate controluce.
Nessun logo o marchio è presente sulla parte superiore.



Osservando proprio la parte superiore della console, possiamo vedere come le cerniere di unione fra i due schermi siano state adattate al nuovo design e ai nuovi software utilizzati per Nintendo 3DS: leggermente squadrate non presentano più le tre fessure dei LED di status, ma solamente il LED indicatore di notifiche.
Quest'ultimo lampeggia quando si ricevono notifiche, quando StreetPass è attiva, quando un amico è online e quando la batteria è quasi scarica, nel dettaglio:
  • Notifiche: lampeggia di luce blu per cinque secondi;
  • StreetPass: lampeggia di luce verde per cinque secondi;
  • Stato online degli amici: lampeggia di luce arancione per cinque secondi;
  • Batteria quasi scarica: lampeggia di luce rossa.
La scocca è completamente liscia e lucida, senza loghi e rilievi, discontinua solo per le due fotocamere e l'indicatore di funzionamento, posti nella parte inferiore centrale: i doppi obiettivi, di appena 0,3 Mpx come quelli del DSi, vengono utilizzati per scattare foto in 3D, realizzando 2 foto diverse (una per l'occhio destro e una per il sinistro) che vengono poi combinate per creare un'immagine tridimensionale. Piccolissimi e circondati da un bordino grigio contornato di nero, sfoggiano un lucente bordo nero integrato a livello della scocca.



Per quanto riguarda invece il lato posteriore del 3DS, questo ha subito ulteriori cambiamenti, snellendosi nel design e risultando più fluido e uniforme: non è presente il classico coperchio per la batteria, ma un intero pannello rimovibile, fissato da 4 viti a stella metalliche, ben integrato e camuffato con la scocca.
Svitando le viti e allentando lo stesso, troverete la batteria.
Diversamente, è rimasto invariato il posizionamento delle informazioni circa la console e dei marchi di copyright risultando infatti marcati a rilievo direttamente sulla scocca; medesima cosa per l'etichetta adesiva plastificata che riporta il codice a barre e il seriale dell'unità, altresì posizionati sulla parte inferiore.
Il margine superiore reca stampato il simbolo dello Slot-1, al fianco della quale possiamo notare l'incavo per il ricovero del pennino.
Concludiamo segnalando la posizione dei forellini per l'applicazione di un laccetto per il trasporto della console: essi, a differenza dei precedenti modelli che li presentavano sul lato superiore, sono posizionati nella parte posteriore in basso a destra e a sinistra.



Andiamo ora ad esaminare nel dettaglio la faccia inferiore e quella superiore.
Prendendo in considerazione la parte inferiore e considerando la mancanza, già nota sugli ultimi modelli, dello Slot-2, possiamo affermare che questa è stata ampiamente modificata. Ciò che balza subito all'occhio anche dei meno esperti è la colorazione: se prima ci si basava su uno standard a tinta unità, con l'avvento della new entry 3DS, è stata introdotta una colorazione multicolor: è infatti notevole come la console appaia composta da tre strati ben distinti recanti 3 diverse tonalità di verde acqua che contribuiscono a fornire un maggiore tocco di eleganza e affermarne pertanto l'innovativo design.
Superato l'impatto estetico, notiamo che l'ingresso per il jack delle cuffie è stato posizionato al centro e precisamente a metà tra le colorazioni della valva inferiore; si notano altresì le già citate fessure per il laccetto e le spie di accensione e di alimentazione con i rispettivi loghi.
Per quanto riguarda queste ultime, vedono stravolto il loro precedente posizionamento, infatti sui precedenti modelli erano installate sugli estremi esterni delle cerniere, permettendo di avere sempre sotto controllo lo stato di accensione e di ricarica della console (emette luce arancione quando la batteria è in carica).
Quest'ultimo assume colori differenti:
  • Blu (fisso): livello della batteria alto
  • Rosso (fisso): livello della batteria basso
  • Rosso (lampeggiante): batteria quasi scarica [anche il LED notifiche inizia a lampeggiare]





Anche per quanto riguarda il lato superiore troviamo delle differenze. Escludendo il posizionamento dello Slot 1 e l'inserimento di una banda metallica grigia, possiamo notare (confrontandoci con il DSi) lo spostamento della presa per l'alimentazione da destra a sinistra e l'inserimento delle fessure/presa per l'introduzione delle lamelle dello stand di ricarica, l'alloggiamento per il pennino e il nuovissimo modulo ad infrarossi.
Per quanto riguarda quest'ultimo non possiamo pronunciarci sull'effettiva utilità e sul prossimo utilizzo, in quanto nel manuale è indicato semplicemente che "serve a inviare e ricevere segnali nel software con funzioni a infrarossi".
Rimangono invariate le posizioni dei tasti L e R.



Poggiando il fianco destro ed esponendo pertanto quello sinistro, evidenziamo un ulteriore restyle; se dapprima avevamo trovato una certa comodità nella regolazione del volume tramite il rocker (tasto a bascula) che ricordava le proprietà del GameBoy Micro, riscontreremo una lieve defaillance: è stato infatti riammesso il tasto di regolazione scorrevole del volume che permette di regolarne lo stesso ad eccetto del suono dello scatto della fotocamere che è fisso e non dipende da quello impostato per la console.
Invariate la posizione e il design dello Slot SD, nascosto da un coperchietto recante un piccolo incavo sul margine superiore, sospinge in avanti la chiusura che, scorrendo su tre raggi di plastica morbida, libera lo slot e cela la memory card.
Aggiungiamo anche che, sebbene solo le Secure Digital siano riportate come compatibili, vanno benissimo anche le "vecchie" schede MMC (MultiMedia Card) usate in alcuni vecchi modelli di cellulari.



Capovolgendo la console sul lato opposto, ciò richiama subito la nostra attenzione, stiloso e di colore metallico, è il regolatore di profondità in 3D, che andremo ad esaminare poco più avanti, corredo della vera funzionalità e caratteristica del 3DS. Proprio sotto di esso, è stato posto l'interruttore scorrevole Wireless, il cui funzionamento è identico al vecchio tasto di accensione del DS Lite, e il relativo LED indicatore, di colore arancione, che potrà assumere i seguenti stati:
  • Acceso: scheda wireless attiva ed accesa.
  • Spento: scheda wireless disattivata e spenta.
  • Lampeggiante: trasmissione di dati.




Aprendo, finalmente, il nostro 3DS, ci troviamo di fronte ad uno stravolgimento estetico, fatta eccezione per la forma e il posizionamento della pulsantiera ABXY; è scontato il dominio dello schermo LCD 3D superiore per la sua imponenza, ben 3,53 pollici (76,8*40,08 mm) a fronte dei minuscoli 3,02 pollici (61,4*46,08 mm) del touch screen. Altro elemento immancabile e riposizionato, è la fotocamera interna, posizionata esattamente al centro della valva superiore, si confonde con la lucida tonalità della plancia, che, per le stesse caratteristiche, maschera elegantemente anche gli altoparlanti. Nessuna bordatura in rilievo è presente, nulla che possa intaccare la lucidità della plancia superiore: tutto è ben integrato e piacevole alla vista.
Ciò che si distoglie dal resto, è il regolatore di profondità 3D, corredato da un indicatore LED che si illumina quando lo schermo può visualizzare un contenuto 3D, che, come detto in precedenza e per la prima volta su una console portatile e su una console Nintendo, sarà utile per armonizzare, a seconda delle nostre preferenze, la visione 3D.
A seconda della posizione assunta l'effetto potrà essere aumentato (levetta in alto) o diminuito (levetta in basso); sottolineiamo che la visione tridimensionale è soggettiva in quanto gli effetti 3D della console Nintendo sono creati sfruttando la disparità binoculare degli occhi, cioè l'abilità di creare immagini in 3D grazie alle diverse posizioni dell'occhio destro e sinistro. Infatti, un chiaro e convincente effetto 3D può essere ottenuto posizionando lo schermo in modo che l'occhio destro veda solo destra e il sinistro solo l'immagine sinistra.
E' consigliabile guardare frontalmente lo schermo raggiungendo una distanza di circa 25-35 centimetri o fintanto che l'immagine tridimensionale non risulta chiara, così come sarà possibile spostare sempre più in alto in regolatore di profondità per ottenere un effetto migliore man mano che ci si abitua alla visualizzazione 3D.

Passando all'esame della metà inferiore, è altresì notevole il restyle grafico e tecnico.
L'aggiunta che richiama subito la nostra attenzione è il PAD scorrevole, meglio conosciuto come analogico, di colore grigio chiaro e della dimensione del polpastrello di un dito, risulta morbido e comodo al tatto. "Finalmente!" Ci verrebbe spontaneo esclamare!
Ove sarà supportato potremo avere un maggiore controllo in-gaming che non ci era dapprima concesso per via della, non proprio ottimale, resa del classico D-PAD, che, nonostante il nuovo inserimento, non è stato tolto ma inserito al di sotto dello stick analogico e risulta performante nel suo utilizzo.
Al centro, incorniciato, troviamo il consueto schermo LCD touch screen, sensibile al contatto e che permette l'interazione tattile, di dimensioni lievemente ridotte rispetto al precedente modello DSi, 3,02 pollici a fronte dei 3,25 di quest'ultimo.
Il difetto invece, se come tale si può definire, è rappresentato dai tasti SELECT - HOME - START, posizionati al di sotto dello schermo: seppure si trovino in posizione comoda e di facile accesso, incassati al di sotto di un piccolo rilievo, risultano rigidi: va infatti esercitata una pressione maggiore per poterli utilizzare.
Infine, nel lato destro inferiore, in un classico pulsantino, ritroviamo il tasto di accensione, che ci permetterà sì di accendere/spegnere la console, ma anche di impostare la modalità di riposo.
E il microfono? Dove è finito? Niente paura! Se osserviamo con attenzione il quadro formato dal touch screen e dai 3 famosi tasti di navigazione, noteremo che proprio sotto al tasto START, posizionato sul bordino che ricopre la plancia, vi è un buchino..quello è il microfono!

Concludendo, l'unica nota dolente per l'estetica di 3DS? La polvere!
La lucidità che lo caratterizza e che gli attribuisce quel tocco di classe in più, sarà la maggior nemica dei maniaci del pulito!
 Go to the top of the page
 
+Quote Post
nexus81
messaggio Wednesday 29 June 2011 - 14:31
Messaggio #3

Una mente pericolosa
Gruppo icone

Gruppo: Amministratori
Messaggi: 13.711
Iscritto il: Tue 15 May 2007 - 05:59
Da: in the lap of god..
Utente Nr.: 18.205
Feedback: 81 (100%)

Codice Amico:
2621-2598-2470



Carica e Prima Accensione


Dopo una lunga ed estenuante prima analisi di contatto, possiamo finalmente procedere alla carica ed alla prima accensione del nostro 3DS.




Differentemente da quanto avveniva sui vecchi modelli di DS, abbiamo 2 accessori per ricaricare la batteria: il classico alimentatore e lo stand di ricarica.
Per quanto riguarda il primo accessorio il procedimento è sempre lo stesso, mentre per lo stand di ricarica, come accennato precedentemente, sarà necessario utilizzare anche il blocco alimentatore. Dubbia scelta da parte di Nintendo inserire 2 accessori che devono dipendere tra loro, ci chiediamo perché non sia stato possibile fornire una piattaforma di ricarica che non necessitasse di ulteriori supporti. In ogni caso, per potersi servire di quest'ultimo, è sufficiente poggiare la console sulla base, facendo combaciare le lamelle di ricarica con le fessure presenti, collegare il connettore dell'alimentatore alla spina posta sul retro della base e inserire lo spinotto in una presa di corrente a 230 volt.
A console spenta il tempo di una ricarica completa è stimato in circa 3 ore e 30 minuti (ad una temperatura compresa fra i 5 e i 35°C), mentre è variabile se la console è accesa o se il livello restante di carica è differente.



Come è stato spiegato e confermato da Nintendo, la durata della batteria sembra essere il tallone d'Achille della nuova console portatile, in quanto l'autonomia della stessa si colloca fra le 3, giocando con la luminosità dello schermo impostata al massimo e la modalità per il risparmio energetico spenta, e le 5 ore, spegnendo l'illuminazione dello schermo. Ci sono vari fattori che vanno ad influenzarne la performance, quali la funzione 3D attivata, il grado di luminosità dello schermo e la modalità per il risparmio energetico, come accennato sopra e per quanto riguarda le impostazioni; mentre il software che si utilizza, la quantità di dati inviati e ricevuti usando la comunicazione wireless e la temperatura dell'ambiente, per quanto riguarda l'utilizzo.
Vediamoli nel dettaglio.
Secondo quanto indicato da Nintendo nella documentazione ufficiale, 3DS è dotato di cinque livelli di luminosità degli schermi LCD e dall'opzione di risparmio energetico che, se attivata (premendo START + il tasto destro del D-pad), potrà aumentare la longevità della batteria di circa il 10-20%.
Anche la funzione 3D attivata, in combinazione con la luminosità e l'opzione di risparmio energetico, può contribuire a diminuire le prestazioni della carica.
Per quanto riguarda invece i software utilizzati, i dati inviati e la modalità wireless, possiamo constatare che ci sono dettagli che influiscono sulla performance; si pensi ai software StreetPass e SpotPass: lasciandoli attivi con la console in modalità riposo, il consumo energetico sarà ridotto, così come se dovessimo lasciare la console nella stessa modalità dopo una ricarica completa, occorreranno 3 giorni prima che la batteria si scarichi.
In definitiva, possiamo concludere affermando che la durata della batteria varia dalle 3 alle 5 ore a seconda delle impostazioni e dei sofware utilizzati: starà al giocatore settare e utilizzare al meglio la console affinché la carica sia longeva.

È stato per questi motivi che la grande N ha deciso di ovviare alle scarse prestazioni della batteria di 3DS, includendo uno stand di ricarica utile a poggiare e ricaricare la console quando non la si utilizza.

A batteria carica (o ancor meglio connessa all'alimentazione) diamo quindi il via alle danze, entrando nel vivo della prima accensione del nostro Nintendo 3DS.
Premiamo il tastone Power per vedere dunque accendersi il LED presente sul bordo inferiore della console, segno che il 3DS è in fase di avvio: dopo pochi secondi verremo "accolti" da una breve animazione che mostra nello schermo superiore il logo Nintendo 3DS, mentre sullo schermo inferiore l'immancabile effige di mamma N.
Terminata l'animazione è tempo di passare alla prima fase dell'accensione che, necessità degna di nota, obbliga l'utente ad utilizzare lo stilo per poter selezionare le proprie preferenze sul touch screen, dato che non è possibile usare né D-Pad né Circle Pad.



Cominciamo come di consueto con la scelta della propria lingua di preferenza, anche questa volta la lista da cui scegliere è ben fornita: ovviamente noi abbiamo selezionato l'idioma italiota!



Segue quindi un aspetto fondamentale della console, cioè la calibrazione dell'effetto 3D. Si tratta di un'operazione ripetibile in ogni momento dal menù delle Impostazioni della console, ma non per questo non degna di attenzione durante il primo avvio: vediamola tuttavia passo per passo.
Per prima cosa la console ci chiede di posizionare l'apposito slider al massimo (alzandolo quindi del tutto) per attivare l'effetto 3D ad alta intensità, funzionale alla "prima" prova su campo per avere un feedback circa la propria percezione ottimale del 3D su 3DS.
Impostato a dovere lo slider, clicchiamo quindi su Avanti sul touch per proseguire.



Sullo schermo superiore faranno capolino le indicazioni per fruire correttamente dell'effetto 3D, che ci consigliano di guardare frontalmente lo schermo superiore del 3DS e ad una distanza compresa approssimativamente tra 25 e 35 centimetri. Cliccando infine sul tasto Attiva 3D (ancora una volta sul touch screen) il 3DS si occuperà di creare sullo schermo 16:9 un'immagine in 3D con soggetto il logo della console stessa, permettendo all'utente di regolare quindi lo slider a seconda della propria percezione ottimale dell'effetto stereoscopico.
C'è da tenere presente che impostando, ad esempio, lo slider sulla metà terminando qui la calibrazione e attivandolo al suo massimo, il 3DS offrirà un'intensità del 3D pari a quella scelta durante la calibrazione stessa (ovviamente nel caso in cui non si ripeta il procedimento): visto anche il parere comune secondo il quale un utilizzo prolungato del 3D abitui l'occhio del giocatore a livelli di intensità maggiori, il nostro consiglio è dunque di calibrare l'effetto mantenendolo al massimo, dopo tutto nulla vi vieta di diminuire l'intensità a vostro piacimento!
In caso si voglia ripetere immediatamente il procedimento è possibile premere il tasto Riprova sullo schermo inferiore, altrimenti basta selezionare Ok (alla sua destra) per proseguire nella configurazione della console.





Le rimanenti impostazioni sono molto più "ordinarie" e tipiche delle vecchie console a noi note, a partire dalla regolazione di data e ora. Nello schermo superiore è possibile vedere nel frattempo una comoda scheda utente che ricapitola i vari passaggi che ci aspettano, tra cui anche l'impostazione del profilo e, se lo si preferisce, anche dei parametri per la connessione ad internet e del filtro famiglia.





Anche questa volta il profilo richiesto consta di un nickname, della propria data di nascita ed infine di paese e area di residenza, in modo da condividere con i propri amici anche la propria locazione. Innanzitutto veniamo invitati ad inserire un soprannome a nostra scelta di massimo 10 lettere che non risulti offensivo (in tal caso, stando alle avvertenze, la visualizzazione dello stesso verrà bloccata), utilizzando la comoda tastiera posta sul touch screen. Menzione speciale per la pulsantiera stessa, decisamente comoda e completa di tutto il necessario, per non parlare della simpatica possibilità di organizzare le lettere come sulla tastiera di un vecchio cellulare!
Nulla da specificare sulla selezione del compleanno e della zona di residenza, se non che durante la selezione verranno riepilogate sullo schermo superiore le informazioni del profilo già selezionate poco prima.





Proseguendo viene quindi chiesto all'utente di accettare il sempreverde Accordo per l'utilizzo, sul quale tuttavia non ci dilungheremo in questo paragrafo. Oltre a ciò viene presentata una piccola schermata nello schermo inferiore che informa dell'importanza delle funzioni internet di cui il 3DS fa uso, che sia per il gioco online, lo StreetPass oppure gli aggiornamenti della console.





A differenza delle precedenti impostazioni, quella di internet (e anche del filtro famiglia) può essere saltata a scelta dell'utente per essere quindi ripresa a console ormai utilizzata ed esplorata: un messaggio chiederà infatti se si preferisce procedere subito oppure saltare direttamente ai passaggi finali dell'avvio.
Per comodità e per completezza analizziamo sin da ora le varie opzioni per il collegamento alla rete online.

Attivato il wireless della console tramite l'apposito interruttore posto nella parte esterna destra della console ci accoglierà nello schermo inferiore un simpatico aiutante che ci seguirà nell'impostazione generale delle connessioni; clicchiamo quindi su Nuova Connessione per procedere. E' possibile sia selezionare tutto manualmente (opzione sconsigliata eccetto casi eccezionali) sia lasciarci guidare con delle spiegazioni minute ma discretamente complete, dove viene elencato il necessario per potersi connettere ad una connessione a banda larga da casa propria o cercando un access point nelle vicinanze. Diciamo che tutto sommato in mancanza del proverbiale manuale di istruzioni anche i meno navigati dovrebbero riuscire senza grossi problemi a destreggiarsi nel marasma delle impostazioni internet.





E' possibile collegarsi sfruttando una chiavetta Wi-Fi Nintendo (utilizzabile solo selezionando l'impostazione manuale) oppure affidarsi ai sistemi offerti dal proprio access point, che siano AOSS o WPS. In entrambi i casi delle chiare immagini a schermo indicheranno come muoversi passo per passo in modo da completare la procedura. Ovviamente in caso si disponga di un comodo modem/router si potrà lasciare al Nintendo 3DS il compito di cercare gli access point nelle vicinanze ed inserire quindi la propria chiave di cifratura per permettere alla console di connettersi in totale libertà. A tal proposito è da menzionare un passo in avanti quasi obbligato rispetto alla precedente console portatile Nintendo, e cioè il supporto alle maggiori chiavi di cifratura ora disponibili, nel dettaglio: WEP, WPA-PSK e WPA2-PSK (questi ultimi sia TKIP che AES). Si specifica che ovviamente il supporto a tali chiavi vale per tutti i software 3DS e/o quelli per Nintendo DSi, in caso si volesse utilizzare un gioco DS sfruttando la retrocompatibilità sarà ancora una volta necessario affidarsi alla meno sicura chiave WEP.
Una volta terminate le fasi di ricerca e inserimento dati verrà effettuata la classica prova di connessione per verificare che non ci siano problemi di sorta: questa volta per fortuna il tempo necessario per il test è molto minore rispetto a quello su console Nintendo DS, un'altra miglioria senz'altro gradita!
Non ci dilunghiamo oltre sulle impostazioni della connessione ad internet visto che la procedura spesso varia a seconda dei singoli casi e del materiale in proprio possesso, ma possiamo promuovere nel nostro piccolo la gestione generale di questa parte della procedura, semplice e dall'utilizzo immediato, anche per quanto riguarda la ricerca per access point che al contrario su DS creava spesso e volentieri qualche problema inaspettato.





Ultimo passo è dunque configurare (o saltare, ancora una volta la scelta è vostra) il filtro famiglia, un'aggiunta che farà contenti tutti quei genitori che mettono in mano ai propri figli più piccoli un Nintendo 3DS. Questa serie di opzioni permette infatti di limitare l'utilizzo di alcune funzioni della console tra cui la visualizzazione 3D, lo scambio di foto e immagini online, la gestione dei dati, la funzione StreetPass e molte altre.
Innanzitutto viene richiesto di inserire un codice PIN di 4 cifre da inserire ogni qual volta si vorrà accedere alla sezione filtro famiglia oppure disattivare momentaneamente il filtro per una determinata funzione; fatto ciò è necessario scegliere una domanda di verifica tra una lista di default da utilizzare in caso si dimentichi il proprio PIN. Tramite un avviso a schermo Nintendo ci informa di avere accortezza nel tenere bene a mente il PIN e la domanda di verifica scelti, in caso venissero entrambi dimenticati si dovrà infatti chiamare l'assistenza Nintendo per farsi dare una "chiave principale" da inserire manualmente. Ovviamente è sempre possibile disattivare tutti i filtri formattando la console, ma non è l'opzione maggiormente consigliata!
Da sottolineare che anche in questo caso le limitazioni vengono applicate solo a software e funzioni specifiche di 3DS/DSi e non DS.





Analizziamo brevemente le varie opzioni che è possibile impostare nel filtro:
  • Classificazione per età: limita l'utilizzo dei giochi 3DS e DSi in base alla classificazione per età del gioco stesso, come scelto dal metodo di classificazione PEGI.
  • Browser internet: blocca l'accesso e l'utilizzo del browser 3DS.
  • Servizi shop Nintendo 3DS: se attivata impedisce di poter fare acquisti online con Nintendo 3DS, nello specifico ci si riferisce al'eShop che fa uso di carte di credito e/o carte prepagate.
  • Visualizzazione 3D: disattiva del tutto la visualizzazione in 3D, mostrando le immagini in normale 2D anche con lo slider al massimo.
  • Scambio di foto, immagini, registrazioni e filmati: limita la diffusione di file immagine, video o audio che potrebbero contenere informazioni personali.
  • Interazione online: limita la connessione con altri 3DS utilizzando internet.
  • StreetPass: regola l'utilizzo della funzione omonima con vari software.
  • Registrazione amici: permette di impostare alcuni limiti per la lista amici.
  • Download DS: impedisce l'utilizzo del Download DS con software specifici.
Accedendo ad ogni singola opzione è quindi possibile posizionare diversi paletti per quanto riguarda l'utilizzo del proprio Nintendo 3DS, in particolare la possibilità di eliminare l'effetto 3D è di sicuro utile per evitare che possa creare fastidi nei bimbi più piccoli (come sappiamo Nintendo ne sconsiglia l'utilizzo per i bambini al di sotto dei 7 anni).



A configurazione terminata il 3DS ci informa che alcune funzioni (in caso non siano impostate manualmente) vengono limitate di default una volta attivato il filtro famiglia, nulla che non sia modificabile in seguito tramite il menù di impostazioni della console.
L'ultima schermata notifica quindi che la prima configurazione della console è stata completata con successo, e ci invita a premere il tasto Home per riavviare la console ed accedere al menù principale.

Senza indugi diamo quindi un primo sguardo a quello che ci offre il sistema operativo del Nintendo 3DS!
 Go to the top of the page
 
+Quote Post
nexus81
messaggio Wednesday 29 June 2011 - 14:31
Messaggio #4

Una mente pericolosa
Gruppo icone

Gruppo: Amministratori
Messaggi: 13.711
Iscritto il: Tue 15 May 2007 - 05:59
Da: in the lap of god..
Utente Nr.: 18.205
Feedback: 81 (100%)

Codice Amico:
2621-2598-2470



GUI e Sistema operativo



Attenzione - Salute e Sicurezza. Ora possiamo dirlo: ce ne siamo finalmente sbarazzati!!! Dopo una prima accensione, infatti, la schermata iniziale sarà incentrata in prossimità dell'icona dell'ultimo software avviato. Se però vi sentite nostalgici delle vecchie e care avvertenze, Nintendo ha "ben pensato" di dedicargli uno spazio tutto per se: scorrendo le varie icone troverete ben posizionato un cartello di pericolo. Cliccandoci sopra nella schermata successiva visualizzeremo 3 diverse indicazioni:
  • Precauzioni 3D;
  • Precauzioni generali;
  • Precauzioni per l'uso.
E' stata levata la nota schermata, ma le informazioni sono state rese più precise e dettagliate.

Lo schermo superiore è decisamente più dettagliato del precedente firmware, presenta infatti svariati indicatori: nell'angolo superiore sinistro troviamo l'indicatore di livello ricezione WiFi a cui si affianca la barra relativa alla modalità di comunicazione Internet/StreetPass/WIreless locale. Andiamo a vedere nel dettaglio quest'ultimo:
  • Internet: indica che la connessione è attiva.
  • StreetPass: indica che la console sta cercando altri utenti che hanno attivato StreetPass; registrare i vari software per 3DS nella gestione StreetPass permette altresì alla console di cercare altri utenti con cui scambiare informazioni.
  • Wireless locale: indica che la console sta comunicando con altri Nintendo 3DS.

Ricordiamo che in alternanza allo status della comunicazione, viene visualizzato il pannello di attività o inattività della stessa.
Proseguendo verso destra vi è l'icona del contapassi che si alterna a quella delle monete di gioco guadagnate (per ogni 100 passi si guadagna una moneta di gioco fino ad un massimo di 10 monete in un giorno e 300 totali) con i relativi valori numerici; in successione si ritrovano il datario (nel formato gg/mm), l'orologio digitale e l'indicatore di carica della batteria. Quest'ultimo si diversifica in 5 livelli di carica e 2 diversi status: rosso lampeggiante (in ricarica) e blu fisso (ricarica completata).
L'area centrale è completamente occupata dall'immagine relativa al software riferito al posizionamento dell'icona di utilizzo, mentre sugli angoli in basso troviamo le immagini dei tasti L e R per l'accesso diretto alla fotocamera.


Andando a considerare il touch screen, possiamo notare come l'interfaccia progettata da Nintendo per il vecchio DSi sia stata migliorata sia graficamente che in merito alle informazioni accessibili dalla stessa.
Da una prima analisi, ciò che notiamo subito in basso a sinistra, è la voce "Manuale": nuovo inserimento, ci permetterà di accedere ad una guida rapida e di facile consultazione in quanto ben suddivisa per paragrafi e categorie, senza dover ricorrere all'uso del cartaceo inserito nella confezione di Nintendo 3DS.


Per i più pigri sarà di certo una feature interessante! Ma procediamo con l'analisi!
La vera innovazione è il fascione in alto; sono presenti infatti svariate icone che permettono di accede ad altrettante funzioni e impostazioni della console, vediamole nel dettaglio:
  • - Permette di impostare la luminosità degli schermi e la modalità di risparmio energetico.
  • - Cambia la visualizzazione delle icone dei software
  • - Permette di prendere degli appunti anche durante l'utilizzo di un software Nintendo 3DS. E' sufficiente mettere il software in pausa e scrivere i propri memo sullo schermo
  • - Lista di amici. E' possibile giocare e comunicare con i propri amici attraverso Internet, ovunque si trovino
  • - Notifiche. Si possono ricevere notifiche da SpotPass, da StreetPass e da altre fonti
  • - Browser Internet (verrà reso disponibile tramite un aggiornamento successivo)
Stando a questi nuovi inserti possiamo aggiungere alcune cose e più precisamente: per quanto riguarda la luminosità degli schermi, essa è impostabile su 5 diversi livelli di intensità tenendo presente che se la modalità di risparmio energetico è attiva, la luminosità degli schermi verrà regolata automaticamente in base a ciò che viene visualizzato nello schermo in modo da prolungare la carica della batteria; inoltre, se il blocco alimentatore verrà collegato alla console quando la luminosità degli schermi sarà impostata su 4 o 5, gli stessi risulteranno ancora più luminosi.
Per quanto riguarda invece gli appunti di gioco, aggiungiamo che si possono salvare fino a 16 memo e che questi possono essere salvati come foto e visualizzati con la fotocamera. Per la creazione di ogni memo avremo a disposizione una gamma di matite differenti e tramite l'icona di visualizzazione, potremo cambiare lo schermo di visualizzazione passando da quella classica in uno dei due schermi o su entrambe.






Nuovo inserimento è la Lista di amici: per la prima volta su Nintendo DS e seguendo le orme della home console Wii, sarà possibile aggiungere altre persone alla propria lista di preferiti registrandone il codice amico. Sarà dapprima necessario creare un Mii personale per il proprio biglietto da visita e successivamente cliccare sulla voce "Registra amico" per inserire il codice prescelto; quest'ultimo potrà essere ricavato anche tramite la connessione Wireless,dove lo scambio di codici avverrà reciprocamente. Potremo settare anche il software preferito ed il messaggio personale, che verranno visualizzati dagli amici, e quali notifiche ricevere dai propri contatti.
In qualsiasi momento di gioco e non, premendo il tasto HOME, potremo andare a visualizzare la lista e lo status degli amici online ed ogniqualvolta un amico si connetterà il LED indicatore notifiche emetterà luce arancione lampeggiante per cinque secondi.


Altra new entry: le Notifiche! Innanzitutto, le notifiche possono essere di due tipi, SpotPass e StreetPass. Nel primo caso riguardano informazioni Nintendo, i vari software, contenuti 3D e dati per l'aggiornamento della console; mentre per quando riguarda StreetPass si riferiscono esclusivamente all'utilizzo di tale software e più precisamente allo scambio di dati con altri utenti mentre si cammina in un luogo. Tale scambio avviene quando due persone che hanno registrato lo stesso software in Gestione StreetPass e le cui console sono in uso o in modalità riposo (sono accese ma chiuse), si incontrano.
Ora, la console Nintendo 3DS puo ricevere notifiche quando:
  • è accesa;
  • è stata attivata la comunicazione wireless;
  • è stata configurata una connessione a Internet (per StreetPass non è necessaria alcuna connessione).
Se riceveremo una notifica l'indicatore LED lampeggerà di luce verde se questa proviene da StreetPass o di luce blu se viene da SpotPass. In entrambi i casi, il LED lampeggerà per cinque secondi ed inoltre, appariranno simboli circolari di colore differente sull'icona di notifica o sulle icone dei rispettivi software nel menù HOME. Se le riceveremo in modalità riposo, il LED lampeggerà e poi rimarrà acceso fintanto che non apriremo di nuovo la console.
Oltre a impostare quali notifiche preferiamo ricevere, sarà allo stesso modo possibile bloccarle, ad esclusione di quelle che non necessitano di una connessione internet.


Infine, come già accennato e come ci ricorda Nintendo cliccando sulla relativa icona, il browser Internet sarà accessibile tramite un prossimo aggiornamento.


Passiamo ora ad analizzare il resto della dashboard, la quale si compone di diversi blocchi, ognuno occupato da un programma diverso (che vedremo dettagliatamente poco più avanti), fra cui è possibile navigare attraverso la pulsantiera di controllo trascinando lo stilo o utilizzando gli slider presenti al centro sui margini laterali: per l'avvio dei suddetti canali sarà sufficiente cliccare il tasto avvia in basso a destra oppure selezionarli direttamente con il pennino.
Specifichiamo che è possibile salvare un massimo di 300 software in una scheda SD.
Da sinistra verso destra i canali preinstallati sono:
  • Video 3D Nintendo
  • Gioco DS
  • Fotocamera Nintendo 3DS
  • Sound Nintendo 3DS
  • Centro di Creazione Mii
  • Piazza Mii - StreetPass
  • Giochi RA - Realtà Aumentata
  • Caccia alla Faccia
  • Informazioni per la salute e la sicurezza
  • Diario
  • Modalità Download
  • Impostazioni della Console
Altri programmi potranno essere aggiunti successivamente, quando l'eShop sarà finalmente attivo o ricevendoli tramite SpotPass: aggiungendo un nuovo software verrà visualizzata l'icona pacchetto. Ricordiamo inoltre che è possibile riarrangiare tutti i canali secondo il proprio gusto personale semplicemente spostandoli con lo stilo.
Ma vediamo uno per uno i vari elementi del sistema operativo.


Video 3D Nintendo
Ottenuto dopo il primo aggiornamento e per un periodo limitato (stando all'info), si tratta semplicemente di un video 3D che permette di dare una visione completa delle performance grafiche della console: paesaggi, animali, cose e persone, sono rappresentati al meglio per rendere l'effetto anche in movimento.


Gioco DS
Questa icona svolge esattamente le funzioni che potete ben immaginare: se un gioco DS è presente, viene visualizzata icona e titolo, altrimenti si viene gentilmente invitati a inserirne uno. A console spenta, s'intende.
Visto il nuovo design introdotto per le cartucce di gioco, l'icona visualizzata sarà differente a seconda se la scheda inserita è per 3DS o per DS/DSi.
Anche in questa versione del sistema operativo, l'hotswap, ovvero l'inserimento/disinserimento a console accesa della cartuccia, è supportato, ma francamente non ce la sentiamo di consigliare una simile pratica.


Fotocamera Nintendo 3DS
Con la "nuova" fotocamera di Nintendo 3DS si possono scattare foto in 3D! I due obiettivi collocati all'esterno della console, una per l'occhio sinistro e una per l'occhio destro, consentono infatti di realizzare due foto diverse che combinate vanno a creare un'immagine tridimensionale visualizzabile sullo schermo 3D.



Avviando il software veniamo posti subito di fronte a ciò che gli obiettivi esterni riprendono in quel preciso istante: nella schermata superiore viene subito visualizzata l'immagine esterna e in alto a sinistra l'icona della fotocamera e il numero di foto rimanenti memorizzabili (fino ad un massimo di 3000 foto). Sull'angolo destro è invece presente l'icona 3D che indica se si stanno usando o meno gli obiettivi esterni; sul basso vi è infine l'icona riferita alla destinazione di salvataggio delle foto, se nella memoria della console o sulla scheda SD.
Passando allo schermo inferiore, quello comprendente le modalità e le opzioni di scatto, possiamo:
  • Scattare le foto
  • Vedere le foto
Per scattare le foto sarà necessario toccare le icone poste negli angoli del touch screen oppure premere direttamente i tasti L, R o A. Premendo invece la pulsantiera verso il basso, è possibile nascondere o visualizzare la griglia di allineamento. L'icona centrale, invece consente di passare dall'obiettivo interno a quelli esterni e viceversa, non sarà però possibile scattare foto in 3D usando l'obiettivo interno.
Ora, per scattare le foto disponiamo di diversi elementi tra i quali il Tipo di lente e l'Autoscatto; questi saranno visualizzabili attivando la leva degli strumenti posta nell'angolo destro inferiore, mentre il simpatico pappagallo posto sull'angolo opposto sarà utile per ricevere consigli su come utilizzare gli obiettivi della console.



Per quanto riguarda il tipo di lente utilizzabile, disponiamo delle seguenti possibilità:
  • Festa: soffiando sul microfono è possibile decorare la foto con effetti diversi;
  • Incontro: fotografando simultaneamente con l'obiettivo interno e uno esterno due volti, è possibile unirli;
  • Sogno: si può creare un immagine sfumata, come in un sogno;
  • Rètro: è possibile schiarire la parte centrale dell'immagine e scurirne gli angoli, come nelle vecchie foto;
  • Notturna: ideale da usare in condizioni di scarsa luminosità;
  • Misteriosa: è impossibile sapere che tipo di foto si scatterà con questa lente finchè non si prova!!

Mantenendo la selezione normale o selezionandone una speciale, sarà in ogni caso possibile impostare anche altri parametri, cliccando su Impostazioni manuali, quali la nitidezza, il contrasto e la luminosità.
L'icona centrale sarà utile per regolare la messa a fuoco 3D, infatti anche se scattare le foto tridimensionali è molto facile e non è necessaria una particolare regolazione, a seconda delle circostanze di scatto, per ottenere risultati ottimali è necessario regolarla manualmente.
Infine, l'ultima icona a destra è quella relativa all'autoscatto.
Per le altre opzioni disponibili come la destinazione di salvataggio, il suono di avviso, il colore delle barre, consigli e gestione dei dati, occorrerà cliccare sul tasto Opzioni presente nella schermata principale sotto la leva degli strumenti.

Le foto scattate con gli obiettivi esterni potranno essere salvate in 2 formati standard: MPO per le foto in 3D e JPEG per quelle in 2D; mentre per quelle scattate con l'obiettivo interno il formato sarà ovviamente JPEG, constatato che la fotocamera è per l'appunto bidimensionale.
Come ultima destinazione avremo la cartella DCMI contenuta nella scheda SD.

Prima di passare alla modalità di visualizzazione foto, ricordiamo che per scattare le foto è bene assicurarsi di porsi dalla console ad una distanza ottimale di almeno 30 cm, per le foto "normali" e di 1 metro per quelle in 3D.
Se per le foto tridimensionali la lontananza ne intensifica l'effetto, per quelle bidimensionali qualora fossimo troppo vicini il soggetto potrebbe apparire sfocato e l'immagine risulterà doppia e poco chiara.

Scattate alcune foto, possiamo passare all'esame dell'album fotografico, piuttosto ricco di funzioni.



Innanzitutto, gli scatti vengono categorizzati per giorni e la lista degli stessi occupa la parte centrale dello schermo: cliccando sopra un determinato giorno è possibile visualizzare quante foto sono state scattate e il totale di quelle scattate fin ora dalla console.
Al centro del touch screen è presente il tasto di avvio per lo slideshow, mentre in basso vi sono il tasto per ritornare alla modalità di scatto e quello delle opzioni.
Come per il precedente DSi, anche qui le foto scattate da un dispositivo differente non possono né essere visualizzate né modificate, ed allo stesso modo quelle scattate con 3DS non potranno essere visualizzate se si cambia il nome o la posizione della foto all'interno della scheda SD o se la foto stessa viene modificata con un computer o con un altro dispositivo.
Pertanto, considerato che queste contengono i dati per le anteprime e per le foto, se vengono modificate con qualcosa di diverso dalla console i cambiamenti non possono essere riflessi nelle anteprime e di conseguenza, nel caso le foto venissero divulgate tramite internet, altri utenti visualizzaranno le anterpime prive di modifiche.

Concludendo, per vedere le foto, sarà sufficiente toccare VEDI FOTO di modo che nel touch screen ne appaiano le anteprime: per visualizzare la foto a schermo intero sarà sufficiente toccarne l'anteprima, che per l'occasione, si borderà di rosso.


Sound Nintendo 3DS

Come per il precedente modello di DS, anche qui ritroviamo il lettore audio di Nintendo, rinominato per l'occasione in Sound Nintendo 3DS.
Ora, ricordiamo che l'applicativo permette di utilizzare il microfono della console per registrare suoni e modificarli a proprio piacimento, ma sopratutto di riprodurre file musicali salvati in una scheda SD.
Per l'avvio del software sarà necessario premere sull'icona dedicata e subito verrà visualizzata la schermata principale. La nostra attenzione viene richiamata subito dal pappagallino sulla sinistra: il simpatico animaletto si limiterà ad imitare le voci e i suoni sentiti, ricordando tutto ciò che viene registrato e ripetendolo di quando in quando al semplice tocco.
Sotto la barra di riproduzione troviamo i seguenti tasti:
  • StreetPass: consente l'accesso alla schermata di visualizzazione dei dati della classifica e di compatibilità di StreetPass. E' obbligata la presenza di brani aggiunti nella playlist personale e lo StreetPass attivo per l'utilizzo di tale funzione.
  • Indietro
  • Apri
  • Playlist
  • Opzioni: consente di modificare le impostazioni dell'applicativo o di formattare i dati personali.






Vediamo ora nel dettaglio le funzioni principali del software a partire dal registratore vocale: questa simpatica utility mette a disposizione 18 slot nella console e 180 in una scheda SD, entro cui è possibile registrare un messaggio vocale di non oltre dieci secondi di lunghezza: ciò si esegue scegliendo una casella fumetto e premendo il grosso tasto in basso al centro oppure toccando due volte la stessa con lo stilo.
La schermata di registrazione è estremamente intuitiva, basta infatti premere il grosso tasto REC per avviare la registrazione, dopo la quale vi verrà chiesto di selezionare un colore da associare alla registrazione, a puro scopo catalogativo. Al posto della casellina vuota comparirà una baloon colorato il cui grado di riempimento è direttamente collegato con la lunghezza della clip.
Dopo aver registrato un suono, o aver memorizzato una canzone, possiamo modificarne l’audio utilizzando 12 effetti speciali e più precisamente: robot, tunnel, duetto basso, duetto alto, elio, ricevitore, pappagallo, fischio, coro, ventilatore, sintetizzatore e tromba.
Per la modifica degli MP3 invece, c'è la possibilità di usufruire di effetti più professionali:
  • Radio: trasforma la musica come se stessimo ascoltando una vecchia radio
  • Strumentale: toglie il cantato e ci permette di ascoltare solo gli strumenti
  • Eco: aggiunge un’eco ai brani musicali
  • Gioco 8 Bit: per i nostalgici retrogamers.
Infine, ricordiamo che tramite i tasti di riferimento posti sotto la schiera dei fumetti, sarà possibile, dopo averne selezionato uno, riprodurlo, modificarlo, copiarlo o eliminarlo e altresì spostarlo anche solo tramite il trascinamento dello stilo.



Passiamo al lettore musicale vero e proprio. Iniziamo con le specifiche tecniche dei file compatibili:
  • Formato: MP3 con estensione .mp3, oppure AAC con estensione .m4a, .mp4 o 3.gp
  • Bit rate: 16 kbps - 320 kbps
  • Frequenza di campionamento: 32kHz - 48 kHz
Ciò che balza subito all'occhio è che finalmente è stato introdotto il supporto ai file .mp3!
Un importante passo in avanti per tutti gli appassionati di musica che non erano ancora a riusciti a ritrovare l'equivalente di Moonshell fin qui e per tutti coloro che avevano tentato invano, in precedenza, di convertire i proprio file MP3 nel formato esatto.
Del resto non potevamo aspettarci altro, visto il prezzo al lancio, e non, della console.

Interessante è anche la possibilità di creare playlist, in aggiunta a quelle già presenti di default che sono : Top10, Lavori in Corso e StreetPass. Usando la funzionalità StreetPass è possibile scambiare dettagli sui brani contenuti in quest’ultima playlist con altri utenti che hanno attivato la funzione.





Analizzando marginalmente la schermata superiore, che contiene semplicemente i dettagli di riproduzione della melodia selezionata, la playlist e l'indicatore di carica della batteria, nonché l'ora; iniziamo subito prendendo in considerazione la schermata principale: essa riporta il solito set di controlli che abbiamo già visto nel registratore di suoni, con tanto di pappagallo, dove però scompare la possibilità di riprodurre il brano al contrario e viene invece aggiunta quella di navigare la playlist.
Per quanto riguarda la parte centrale, niente di differente dal precedente modello DSi: a sinistra troviamo l'effettore per la modifica di velocità e pitch, al centro la cordicella per il cambio dello sfondo di riproduzione e a sinistra il tasto dove sono riportati gli effetti di distorsione che abbiamo specificato poco più sopra.
Marginalmente a queste opzioni negli angoli superiori, tramite i tasti L e R, potremo aggiungere un tocco personale alla melodia riprodotta; sarà infatti possibile switchare tra vari strumenti e/o effetti da sovrapporre con i suddetti tasti mentre la melodia scorre. Infine, nella parte inferiore sono situati i classici tasti di riproduzione e il tasto di accesso alla playlist.



Da come potete notare in alcune delle simpatiche schermate di riproduzione, riportate qui sopra, Nintendo non manca di certo di fantasia!


Centro di Creazione Mii
Nel Centro di Creazione Mii è possibile creare il proprio Mii e quelli altrui, modificando a piacimento una vastissima gamma di elementi a disposizione: naso, occchi, bocca, capelli e molto altro. Come prima cosa è bene creare il proprio Mii personale che verrà successivamente visualizzato nel menù principale, nella Piazza Mii e sopratutto nel biglietto da visita che si presenterà ai vostri amici.





Ora, la creazione può essere fatta da zero oppure in somiglianza caricando una vostra foto: è ovvio che il Mii creato con il riconoscimento facciale non sarà identico a voi, ma dovrà comunque essere perfezionato. Una volta che vi sarete Miizzati, sarà necessario creare il vostro profilo inserendo i seguenti dati:
  • Nickname
  • Preferiti: selezionando la casella verrà scelto il Mii personale che non potrà essere rimosso dai preferiti e che apparirà con maggior frequenza nei software compatibili. Si potranno salvare fino ad un massimo di nove preferenze.
  • Sesso
  • Condiviso: se si gioca con altri utenti in modalità wireless e questa funzione è attiva, i Mii creati potranno apparire nei software utilizzati in rete e rimanere così visibili nelle console degli altri utenti.
  • Colore preferito
  • Copia: selezionando NO impedirete agli utenti che riceveranno il vostro Mii di farne una copia e poterla modificare.
  • Compleanno
  • Autore
Ricordiamo che il Mii personale non potrà essere cancellato e che è possibile salvare fino ad un massimo di 100 personaggi suddivisi in 10 stanze ognuna delle quali può contenerne un massimo di 10. Per spostare i Mii sarà necessario toccarlo e trascinarlo con lo stilo nel luogo desiderato.





A creazione ultimata e dopo l'avvio del software verrà visualizzato il menù principale nel quale possiamo selezionare diverse opzioni:
  • Vedi i Mii: potrete creare, modificare e cancellare i Mii. Per modificarne uno ricevuto da un altro Nintendo 3DS, qualora non vi sia il blocco, è necessario farne una copia. Cliccando su ciascuno di essi sarà comunque possibile capire, tramite diverse icone, se il Mii è modificabile o meno e visualizzarne altresì il nickname dell'autore.
  • Crea un Mii: seguite la procedura descritta nel paragrafo precedente.
  • Invia/Ricevi: consente di scambiare/ricevere uno o più Mii con altre console 3DS o dal canale Mii di una console Wii. Per quest'ultima opzione, il trasferimento inverso, da 3DS a Wii, non è possibile.
  • QR Code e Immagini: per la prima volta è stata introdotta la possibilità di salvare i propri Mii e quelli altrui in QR. Il quick reponse è un codice a barre bidimensionale (o codice 2D) a matrice, composto da moduli neri disposti all'interno di uno schema di forma quadrata e viene impiegato per memorizzare informazioni generalmente destinate ad essere lette principalmente tramite un telefono cellulare o uno smartphone.
Sarà inoltre possibile bloccare gli utenti indesiderati e vedere la relativa lista dal menù principale premendo la pulsantiera verso sinistra, i tasti X e Y e seguendo le istruzioni a schermo.


Piazza Mii - StreetPass
Come accennato precedentemente, in questa piazza sarà possibile collezionare e utilizzare i Mii che si incontrano utilizzando la funzione StreetPass o la comunicazione wireless. Per poterla utilizzare sarà necessario selezionare il proprio Mii StreetPass; successivamente sarà utile portare con se la console nella speranza di incontrare qualcuno.
Ogni sessione di gioco ha un limite di collezionamento Mii ma ogni volta che la piazza viene riavviata e gli stessi registrati, il tutto riparte da capo rendendo possibile collezionarne altri ancora. Quando uno di questi risulta effettivamente registrato, in automatico vengono salvati anche i dati relativi al nickname, all'area di residenza, al software usato più recentemente, al numero di volte che lo si è incontrato e al tempo trascorso dall'ultimo incontro con costui.
Concludendo, il proprio Mii StreetPass e anche il suo saluto verranno trasmessi ad altre console: se la funzione di Copia è attivata l'utente che lo riceve potrà copiarlo ed inviarlo ad altri utenti e l'autore non potrà ovviamente cancellarlo dalle console altrui.





Ora, fatta questa premessa, andiamo a vedere nel dettaglio la schermata della Piazza.
Da sinistra verso destra troviamo l'icona delle Impostazioni che permette di disattivare la funzione StreetPass e regolare altre impostazioni relative alla Piazza, il Mii StreetPass selezionato e l'icona Gioca.
Soffermandoci su quest'ultima, abbiamo due opzioni di gioco:
  • Pazzi per i pezzi: dovremo andare a comporre puzzle 3D dedicati al mondo Nintendo con pezzi ottenuti tramite gli incontri StreetPass o acquistati con le monete di gioco guadagnate camminando. Attualmente conosciamo 6 diversi puzzle, che saranno completabili dopo essere stati ricevuti da altri utenti.
  • Libera Mii: in questa sorta di RPG dovremo liberare il nostro Mii che è stato imprigionato in un castello dal cattivo di turno, sconfiggendo svariati fantasmi e cavalieri che in cambio ci daranno nuovi tipi di copricapo. La componente RPG è limitata al fatto che è possibile selezionare la propria mossa scegliendo se lanciare una magia o sferrare un attacco diretto. Anche qui, qualora non disponessimo di amici incontrati recentemente nella piazza, potremo ingaggiare uno o più paladini spendendo le monete di gioco guadagnate.





Sottolineiamo che per poter utilizzare i Mii come paladini ed ottenere pezzi di puzzle dagli stessi, è opportuno accedere alla piazza Mii quando siamo sicuri di poterli utilizzare, in quanto una volta superata la scenetta dell'incontro e riportati al menù principale, cliccando sul tasto home o semplicemente uscendo, perderete per sempre la possibilità di utilizzarli, o almeno NON prima del prossimo incontro.
Mi permetto di sottolineare come sia una cosa un pò insensata, ma c'est la vie.
Alcuni pratici consigli e soluzioni per il gioco:
» Clicca per leggere lo Spoiler! «
Tenendo conto che le magie sono assegnate al colore della maglia indossata da Mii, stiliamo qui di seguito un elenco che ne riassume gli effetti.
INCANTESIMI OFFENSIVI:
  • Rosso: danneggia i fantasmi con una vampata di fuoco.
  • Viola: colpisce i fantasmi con il veleno (1 punto ogni turno).
  • Azzurro: congela i nemici.
  • Blu: attacca i fantasmi con un getto d'acqua.
POTENZIAMENTI:
  • Arancione: dona coraggio assicurando loro un attacco extra per ogni turno.
  • Verde: assicura un potenziamento temporaneo all'eroe successivo (doppio livello per quelli di 2°).
  • Rosa: infonde coraggio nel cuore degli eroi.
  • Marrone: evoca un eroe errante (coniglio).
EFFETTI MAGICI SPECIALI:
  • Giallo: genera una tempesta di sabbia che rende difficoltoso l'uso della spada.
  • Verde chiaro: addormenta i fantasmi.
  • Nero: oscura l'area di gioco.
  • Bianco: illumina la stanza.
Stando a questi dettagli possiamo trarne alcune tecniche come ad esempio:
  • se abbiamo un eroe vestito di viola, conviene mandarlo avanti per primo cosicché possa colpire il nemico con il veleno, così da renderlo debole anche nei turni successivi;
  • se si ricorre alla magia rosa è bene puntare nei turni successivi ai colori verde chiaro e azzurro così da addormentare o congelare l'avversario per massimizzare i colpi critici.
Inoltre, stando a quanto appreso dal web, se in alcune stanze si incontra un fantasma che si difende con uno scudo colorato per batterlo sarà necessario usare un eroe dello stesso colore e che lo colpisca con la spada. Allo stesso modo, per danneggiare un fantasma corazzato e per mettere a segno colpi critici e validi, sarà utile usare un eroe che sia almeno di secondo livello.



Giochi RA - Realtà Aumentata
Se applicazioni come Caccia alla faccia, il diario, la lista amici e le notifiche vi hanno strabiliato, questa non sarà di certo meno!
Nintendo 3DS è stato infatti commercializzato con device con compatibilità RA progettata per identificare alcune caratteristiche univoche presenti sulle card che vengono processate dalla fotocamera, come la differenziazione nei colori e nel contrasto. Ora, una volta riconosciuta la caratteristica con la camera, quest'ultima può identificarla rendendola virtuale e localizzando l'oggetto presente sulla card in uno spazio reale; sul vostro tavolo compariranno così mostri, oggetti e quant'altro Nintendo sarà in grado di proporci.
Vediamo ora nel dettaglio, cosa la grande N si è inventata questa volta.
Come indicato e specificato precedentemente, nel corredo della console sono state inserite 6 carte RA raffiguranti il Cubo ?, Mario, Samus Aran, Pikmin, Kirby e Link. Avviando il software le primissime informazioni che ci vengono date sono quelle relative ai consigli per un corretto utilizzo e visualizzazione delle carte.







Alla fine della procedura indicata, si avvierà la fase di riconoscimento della stessa, ma non temete, qualora per un qualsiasi motivo la carta non dovesse animarsi, sullo schermo inferiore riceverete indicazioni maggiori per correggere la procedura.







Principalmente è importante assicurarsi di avere abbastanza spazio per girare intorno alla carta, come richiesto dai minigiochi, e inquadrarla da diverse angolazioni; ma è altresì importante conservare l'integrità delle carte: qualora venissero piegate, strappate o si sporcassero la console potrebbe non riconoscerle. Per una cosa così "importante" Nintendo poteva non provvedere? No! E' infatti possibile scaricare le immagini delle carte RA incluse con la console dal sito internet di supporto e precisamente qui.
Un consiglio spassionato: stampatele ed utilizzate quelle, sarete certi di non rovinare le carte originali!

Fatto questo piccolo preambolo, vediamo nel dettaglio l'utilizzo del software.
Per giocare, è innanzitutto necessario poggiare la carta RA "?" su di una superficie piatta e ben illuminata, regolando la distanza e l'angolazione della console mantenendo la carta sempre nell'inquadratura degli obiettivi esterni fintanto che la console non la riconosce.
Una volta identificata la carta si avvierà un simpatico minigioco in cui dovremo sconfiggere un possente dragone e ci ritroveremo nello schermo di selezione gioco, dove compariranno sei blocchi gialli e qui, sarà possibile scegliere tra:
  • Foto di stelle: inquadrando una carta RA personaggio con la console, quel personaggio uscirà dalla carta e sarà possibile scattare delle foto.
  • Foto di Mii: identico allo stesso frangente di foto di stelle, consente però di fare delle foto assieme ai Mii.
  • Rotolandia: minigioco in cui l'obiettivo del gioco è quello di colpirà la sfera e farla rotolare fino al traguardo. Un mix impervio tra il gioco del biliardo e quello del golf, dove dovremo far rotolare una palla giù per discese scoscese e su per salite ripide per sconfinare nelle lande di un drago da sconfiggere tramite il lancio di bombe.
  • Arciere: minigioco in cui sarà necessario colpire il bersaglio che appare sullo schermo attraverso il tasto "A", scagliando delle frecce e muovendosi intorno alla superficie di gioco.
Precisiamo che Rotolandia e Foto di Mii saranno accessibili dopo aver completato Arciere ed allo stesso modo, completando Rotolandia, verranno sbloccati i due blocchi gialli chiusi che compaiono sulla sinistra. Spoileriamo di seguito il contenuto:
» Clicca per leggere lo Spoiler! «
  • Graffiti: come si evince chiaramente dal titolo stesso, in questo minigioco potremo fare dei disegni sul touch screen e fotografarli con la console.
  • Pesca: un vero e proprio gioco di simulazione che vi permetterà di mettervi alla prova e di guadagnare punti a seconda del pesce pescato. Anche in questo caso ci ritroveremo a dover poi fronteggiare un drago che, una volta sconfitto, potrà essere a sua volta pescato. Insolito no? Per una simulazione di gioco stimolante vi consigliamo di poggiare la vostra carta RA su di uno sfondo blu.
Ed inoltre:
  • Orologio: per sbloccarlo sarà necessario prima completare Rotolandia, Arciere e Pesca e poi spendere 2 monete al negozio. D'ora in poi, selezionando l'orologio e quando il cucù comincerò a cantare, avvicinatevi piano piano con la console e noterete che il pennuto beccherà lo schermo, incrinandolo. Se esiterete il display andrà in frantumi e il cucù si tingerà di nero.
  • Terra: selezionando il mappamondo e cominciando a sparargli contro con il pulsante "A" il globo comincerò a ruotare vorticosamente su se stesso illuminandosi sempre più. Esitate e la terra esploderà! Haw! Così facendo la terra scomparirà e sarete costretti a ricomprarla dovendo spendere una moneta.



Caccia alla Faccia
Tra i software di gioco è stato inserito anche quest'ultimo.
Sostanzialmente, l'obiettivo di questo gioco è quello di collezionare più facce possibile e sfidarle in una battaglia all'ultimo colpo: nel minigioco dovremo infatti cercare di colpire quante più facce possibile per totalizzare il punteggio più alto.
L'ambiente circostante sarà il nostro campo di battaglia, ma il nemico in agguato è raffigurato dalla nostra faccia! Sarà sufficiente, selezionando il tasto Gioca o Gara di facce, posizionarci di fronte agli obiettivi allineando la nostra faccia con gli indicatori per avviare la procedura di riconoscimento; sarà altresì possibile scattare manualmente la foto premendo i tasti L o R o A.
Ora, sia durante il gioco, che dopo avere completato un livello, la faccia utilizzata potrà essere salvata e in rapporto sarà possibile sbloccare altri livelli e aggiungere nuovi amici da sfidare. Ricordiamo che durante il gioco, simpaticamente, ritroveremo anche altre facce salvate nella nostra collezione.





Dando uno sguardo più accurato alla schermata principale, i campi selezionabili sono:
  • Gioca: scegliendo un livello potremo cominciare a giocare; dovremo così scattare o selezionare una foto scegliendola muovendo il pad scorrevole verso destra.
  • Gara di facce: modalità di gioco composta da livelli più brevi degli altri.
  • Collezione: consente di vedere, modificare e cancellare le facce già salvate cliccando sul tasto di opzioni.
Le facce cambieranno espressione mentre tenteranno di attaccarvi e lo sfondo della battaglia è rappresentato dal luogo in cui ci si trova: per giocare sarà necessario muoversi a 360° con la console Nintendo 3DS, girandosi e muovendosi nello spazio per cercare gli avversari e puntare ad eliminarli!


Informazioni per la salute e la sicurezza
Ampiamente spiegata in testa a questo paragrafo.


Diario
Console nuova, applicazione nuova!
Medesimamente a quanto previsto sulla console casalinga Nintendo Wii, anche qui viene "finalmente" riportato il diario.
Come indicato all'avvio e da una prima visualizzazione, ciò che troveremo in questa nuova feature è inerente a tutte le attività, aggiornate all'ultima data di accesso, che la nostra console, e quindi noi stessi, abbiamo intrapreso. Esaminando le schermate principali notiamo per l'appunto come nella parte superiore vengano indicati sommariamente gli sviluppi della console: sono infatti riportati, oltre alla data attuale e all'immagine del Mii personale, il numero di passi effettuati e quello dei software utilizzati.



Nella schermata inferiore troviamo invece due icone selezionabili:
  • Attività: visualizza il numero di passi fatti portando con sé la console e i dati relativi al tempo di utilizzo dei software
  • I miei software: visualizza la lista di tutti i software usati, i tempi e il numero di volte che sono stati avviati.
Vediamole nel dettaglio a partire dalla funzione di Attività. Con un rapido click effettuiamo l'accesso e notiamo come vengano dettagliatamente riassunti graficamente i dati relativi ai passi e al tempo di utilizzo giornaliero. Nello schermo di comando sarà possibile, scorrendo semplicemente verso destra o verso sinistra, visualizzare i dati di altri giorni, settimane, mesi o anni.
Potremo anche cambiare il periodo di tempo e la visualizzazione, grafica o con lista, di tutti i dati tramite le apposite icone.
Selezionando la visualizzazione "Lista", verranno elencati il numero di passi e i software utilizzati con le relative tempistiche in riferimento al periodo scelto.







Per quanto riguarda la funzione I miei software invece, troveremo dettaglio di dati simili a quelli dell'opzione Attività, ma con qualche aggiunta.
Partendo da un primo avvio, ci ritroveremo con la schermata superiore recante i seguenti dati:
  • Icona e nome software
  • Tempo di utilizzo
  • Numero di utilizzi
  • Primo utilizzo
  • Ultimo utilizzo
Tali dati saranno visualizzabili per ciascun software, selezionandolo dalla simpatica animazione in stile "libro da sfogliare" con le icone di tutti gli stessi, presente sul touch screen: sfogliarlo sarà facile, basterà far scorrere lo stilo verso destra o sinistra oppure usare le frecce a lato delle pagine.
Un'altra icona presente sul touch screen è Classifica: toccandola verranno visualizzate varie classifiche dei programmi utilizzati ordinate a seconda di criteri di classificazione che sarete voi stessi a scegliere tramite la funzione Ordina.
Infine, ogni volta che verrà aggiunto/scaricato un nuovo software, all'avvio della funzione Diario riceverete una notifica scritta.
Sarà inoltre possibile spostare le icone a proprio piacimento facendole scorrere con lo stilo sulla schermata, e allo stesso tempo cancellarle tramite l'icona cestino: ricordiamo che i dati contenuti in Attività non verranno cancellati e se si sceglie di cancellare i dati relativi all'utilizzo di un certo applicativo e poi lo si usa di nuovo, i dati cancellati verranno ripristinati e aggiunti a quelli nuovi.


Modalità Download
Come per i precedenti modelli di DS, anche qui è prevista la modalità di download, attraverso la quale è possibile giocare insieme ad altri utenti con alcuni appllicativi multiplayer anche disponendo solamente di un'unica scheda. Fortunatamente, la modalità è compatibile con tutte le versioni precedenti della console, tant'è che nella prima schermata sarà possibile scegliere il tipo di software da scaricare: se 3DS o DS.



Accedendo a quest'ultima, la versione caricata sarà identica a quella presente sul vecchio firmware e l'applicazione relativa verrà automaticamente visualizzata in formato widescreen; potremo comunque utilizzare la risoluzione originale tenendo premuto START o SELECT al momento dell'avvio e non rilasciandolo finché il software non sarà completamente avviato.


Impostazioni della Console
Ampiamente trattato nel paragrafo precedente.
 Go to the top of the page
 
+Quote Post
nexus81
messaggio Wednesday 29 June 2011 - 14:32
Messaggio #5

Una mente pericolosa
Gruppo icone

Gruppo: Amministratori
Messaggi: 13.711
Iscritto il: Tue 15 May 2007 - 05:59
Da: in the lap of god..
Utente Nr.: 18.205
Feedback: 81 (100%)

Codice Amico:
2621-2598-2470



Performance e Compatibilità




Prima di testare appieno l'hardware della nuova console di casa Nintendo ci sembra doveroso fare una precisazione ed un'accurata spiegazione del funzionamento dell'inserimento madre: il 3D.
Ebbene, la percezione del mondo attraverso la vista, negli uomini si basa sulla binocularità e sulla stereoscopia. In pratica entrambi gli occhi vedono le stesse cose da differenti angolazioni: queste due immagini BIDIMENSIONALI vengono inviate dal nervo ottico al cervello il quale le rielabora in un'unica immagine stereoscopica (3D) dando quindi il senso di profondità, quello della prospettiva e della distanza. La visione binoculare è dunque il principio sul quale si basa la stereoscopia.
Prendiamo per esempio i classici occhialini rosso/verdi, sicuramente ognuno di noi li avrà provati almeno una volta nella vita.. il principio è sempre lo stesso: il colore delle lenti nasconde ad un occhio ciò che vede l'altro e viceversa, ed essendo le due immagini leggermente sfalsate (quella rossa da quella blu), il cervello riunendole ci darà l'illusione della tridimensionalità.

Ora, tutti i dispositivi che abbiamo visto nel corso degli anni non sono di certo tra i più comodi..è proprio per questo che si è pensato di passare dalla stereoscopia all'autostereoscopia, inizialmente con scarsi successi dati da risultati non propriamente illuminanti ma che, nel corso degli anni e con l'avanzamento delle tecnologie, sono divenuti sempre più precisi e delineati.

Vediamo nel dettaglio il funzionamento tecnico di questa particolare funzionalità. Partendo dal presupposto che ogni display utilizza i propri pixel (formati da 3 RGB ossia i colori primari utilizzati rosso verde e blu) solitamente per elaborare e visualizzare un'immagine, constatiamo che i display di tipo LCD hanno la caratteristica di averli allungati e perfettamente allineati, consentendogli di sviluppare il concetto di Parallax Barrier: una vera e propria barriera situata davanti al display, formata da strisce verticali alternate, le quali impediscono la visione di alcuni set di pixel ad un occhio piuttosto che all'altro.
Posizionandosi pertanto di fronte al display, l'occhio destro e l'occhio sinistro percepiranno 2 immagini differenti, esattamente come se l'immagine finale fosse ripresa da 2 punti distinti, come necessario per la versione binoculare, ottenendo la medesima illusione tridimensionale stereoscopica ma senza l'ausilio di occhiali o di altri supporti.

Possiamo così concludere affermando che il Nintendo 3DS genera 2 immagini a 400*240 pixel, il cui risultato viene poi scomposto e rielaborato dal nostro cervello per renderizzare l'immagine finale di 800*240 pixel che viene poi visualizzata sul display.





Passiamo ora ad un'analisi più pratica a partire dai giochi, che a nostro modo di vedere riassumiamo in pochi termini: fattori realtà e tridimensionalità 100%!!
Per quanto concerne i nuovi giochi 3DS non ci resta altro che affermare con certezza che l'effetto 3D è perfetto: basta pensare a Rayman, in cui le mosche sembrano uscire dallo schermo, o SSFIV in cui i combattenti sembrano prendere forma fuori dallo schermo in un effetto/profondità davvero realistico, vogliamo parlare del recentissimo The Legend of Zelda Ocarina of Time? Meglio di no, lasciamo un pò di immaginazione ai posteri!
Se già, nel piccolo parco giochi del lancio della console, veniamo deliziati di questi effetti, lasciamo i pensieri e le speranze sparse qui e là su cosa Nintendo possa tirare fuori dal cappello magico nei tempi a venire.
Spostandoci sulla retrocompatibilità dei "vecchi" giochi per DS e DSi, inizialmente era stato riscontrato un calo di performance visiva dovuto agli schermi più grandi, sbilanciando lievemente la visualizzazione dei pixel, senza contare che l'avvio risultava spesso lento. Con il recentissimo aggiornamento rilasciato da Nintendo possiamo affermare che il problema è stato risolto. Ricordiamo inoltre che è possibile visualizzare i vecchi giochi in modalità DS o forzandone l'avvio, tramite pressione contemporanea dei tasti START e SELECT, per la visualizzazione a schermo intero.

In ogni caso, durante le sessioni di gioco, il bilanciamento del peso pare ottimale e anche i tasti risultano piacevoli e facilitati alla pressione, fatta eccezione dei tasti HOME - SELECT - START posti al di sotto del touch screen. La croce direzionale è stata notevolmente migliorata e l'inserimento dell'analogico ha perfezionato le performance di gioco.

Procediamo con le flashcard, con cui termineremo la nostra sessione di prove.
Stando alle fonti della scena, che confermano aver testato svariate flashcard, offriremo una rapida e semplice carrellata circa il funzionamento delle stesse.
Sappiamo con certezza che a partire della Acekard2i, passando per le flash minori, e terminando con la Supercard DSTWO la compatibilità è limitata, ovviamente per ora, alla DS mode; mentre la CycloDS iEvolution, che prima dell'attuale aggiornamento funzionava anche in DS mode, ora si limita solo alla modalità DSi.
 Go to the top of the page
 
+Quote Post
nexus81
messaggio Wednesday 29 June 2011 - 14:32
Messaggio #6

Una mente pericolosa
Gruppo icone

Gruppo: Amministratori
Messaggi: 13.711
Iscritto il: Tue 15 May 2007 - 05:59
Da: in the lap of god..
Utente Nr.: 18.205
Feedback: 81 (100%)

Codice Amico:
2621-2598-2470



Conclusioni

Dopo aver scandagliato tutti i componenti di Nintendo 3DS è giunta l'ora di tirare le somme sulla nuova console della grande N.
Cosa ci è piaciuto? La risposta più ovvia è sicuramente il 3D! Come spiegato precedentemente l'effetto è reso alla perfezione e al di sopra delle nostre aspettative: non vi sono sgranamenti di pixel, sfarfallii o quant'altro; l'unica cosa negativa potrebbe essere l'obbligo di tenere ferma e ben salda la console a 3D attivato, visto e considerato che muovendosi bruscamente o uscendo dalla prospettiva, si potrebbero riscontrare lievi problemi di accomodamento. Non scordiamoci di fare comunque un plauso alla grandezza e alla resa degli schermi: pulita e ben delineata!

Senza fare mistero del design elegante e solido, piacevole alla vista, nonché al tatto per la sua forma più che liscia, il problema del D-Pad rigido è stato ampiamente risolto e l'inserimento dell'analogico ne perfeziona maggiormente l'utilizzo. Anche il pennino, viste le sue dimensioni e l'estensibilità che lo caratterizza, risulta comodo e sicuramente utile nei titoli di maggiore intensità.

I nuovi software inseriti offrono un potenziale videoludico maggiore ed innovativo: i giochi RA, ad esempio, introducono una nuova e curiosa modalità di gioco, intrigante ed allo stesso tempo sobria per l'utilizzo delle carte; rimaniamo comunque fiduciosi sul fatto che Nintendo in futuro possa sviluppare e lanciare sul mercato giochi ed applicativi che possano sfruttare a pieno un nuovo e curioso stile di gioco! Interessanti ed azzeccate anche SpotPass e StreetPass, le Notifiche e la Lista Amici. Su quest'ultima ci piace sperare e pensare che un giorno possa diventare come quella classica vista sulle console di nuova generazione, vedi Xbox360, dove è possibile interagire con i contatti inseriti chattando, confrontando i giochi e quant'altro. Le prospettive ci sono tutte, non ci resta che aspettare!

Cosa non ci è piaciuto? Sicuramente e di primo acchito il prezzo! 259€ e con una line-up iniziale non proprio eccelsa, sono troppi anche per i più fanatici (chi ha parlato di me o di Pie???): non è propriamente accessibile a tutti come i precedenti modelli e non riscontriamo la motivazione precisa di questa scelta di mercato.
Altra pecca è sicuramente, come spiegato ampiamente nei paragrafi precedenti, la durata della batteria; del resto con tutto ciò che può inciderne sulla durata non potevamo sperare che nelle 3-5 ore garantite da Nintendo.
Sulla mancanza dello Slot 2 non ci soffermeremo più, dato che ormai è appurata la cancellazione fisica della retrocompatibilità GBA.

Terminiamo la nostra recensione, come di consueto, con un rapido riassunto dei pro ed i contro di questo Nintendo 3DS:

Pro
+ 3D ad elevata efficienza e senza l'ausilio di occhialini
+ Switch di regolazione dell'effetto 3D
+ Levetta analogica
+ Estetica elegante e design accattivante
+ Software preinstallati curiosi ed innovativi
+ Schermi immensi e meravigliosamente luminosi
+ Supporto del formato MP3 da parte del lettore musicale


Contro
- Prezzo troppo elevato
- Line-up iniziale scarsa
- Durata della batteria limitata
- Volume delle casse forse un pò troppo "adatto ai bambini"
- Fotocamera di soli 0.3 megapixel
- Tasti HOME-START-SELECT troppo rigidi al tatto



Recensione scritta da nexus81 per GBARL.it. Si ringrazia Gid per la redazione della sezione di configurazione iniziale.
La riproduzione della stessa, senza il consenso dell'autrice, è severamente vietata al di fuori di GbaRL.it e Go!PSP.it.
 Go to the top of the page
 
+Quote Post

Closed TopicStart new topic
1 utenti stanno leggendo questa discussione (1 visitatori e 0 utenti anonimi)
0 utenti:

 

Modalità di visualizzazione: Normale · Passa a: Lineare · Passa a: Outline


RSS Versione Lo-Fi Oggi è il: Thu 31 July 2014- 10:25

.: GBArl.it :. Copyright © 2003-2014, All Rights Reserved.
Loghi, documenti e immagini contenuti in questo Sito appartengono ai rispettivi proprietari,
e sono resi pubblici sotto licenza Creative Commons
Creative Commons License
.::.